Jazzitalia - Recensioni - Tan T'ien: The Fourth Door
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Dolomiti Ski Jazz 2019. 22° Edizione, dal 9 al 17 marzo 2019: concerti su misura per… sciatori. Il Dolomiti Ski Jazz è un incrocio di passioni: quelle per gli sport invernali, per la black music, per la natura alpina.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

"Musicista Italiano dell'anno" e "Disco Italiano dell'anno" per Franco D'Andrea al Top Jazz 2018.

Marilena Paradisi & Kirk Lightsey in concerto a Roma presso l'Auditorium Parco della Musica.

Susanna Stivali in "Caro Chico" (omaggio a Chico Buarque de Hollanda) all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Un duo particolare per Notti di Stelle Winter: Enrico Rava e Danilo Rea per la Camerata Musicale Barese.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Tan T'ien
The Fourth Door



Improvvisatore Involontario (2013)

1. Struggle Through Lucubration
2. Imposition of Self
3. First Door
4. Manifestation of Matter I
5. Overcoming Spite
6. Misleading Focus
7. Illusion of Contingency
8. Manifestation of Matter II
9. The Second Door
10. Unconscious Material
11. Manifestation of Matter III
12. The Third Door

Luca Dell'anna - Pianoforte, Fender Rhodes
Ivo Barbieri - Contrabbasso
Francesco Cusa - batteria


Un trio piuttosto classico: piano, basso, batteria, denominato "Tant'ien" si presenta con "The fourth door" e già dalla cover si comprende che siamo in ambito "Improvvisatore involontario". Niente, perciò, è dato per acquisito e tutto può essere messo in discussione, secondo l'ottica dell'etichetta discografica, aperta alla sperimentazione e all'inconsueto. La copertina, appunto, è piuttosto inquietante. Vi appare l'immagine tipica, da compendio, dell'anatomia delle fibre muscolari e dei vasi sanguigni, mentre attorno al capo orbitano quattro bolli di colore arancione contenenti misteriose icone. Se poi si leggono le note all'interno, piuttosto astruse, si è informati che il nome del gruppo viene dal cinese e indica il punto dove è situata l'energia nel corpo. Insomma ci sono tutte le premesse per aspettarsi qualcosa di impegnativo per l'orecchio, probabilmente spinto verso l'avanguardia meno domestica. Il contenuto del cd, invece, tutto sommato, è meno sorprendente e di rottura del preventivato. Si ascolta, infatti, una musica con inflessioni funky, accenti di heavy jazz, con passaggi in un free-bop tirato, in un contesto policromatico. Tutta la materia è, comunque, trattata in maniera eccentrica secondo punti di vista non comuni.
 
Il pianoforte di Luca Dell'Anna insiste su ostinati, ripetuti per un certo tempo, per poi evolvere in un discorso fluente e fluttuante, che in certi casi esce fuori binario, per rientrarvi prontamente. Sono sciabolate costruite da molteplici note che poi si riducono sensibilmente di numero, quando ritorna in primo piano il vamp iniziale.
Ivo Barbieri, sul contrabbasso, fa sentire un suono grasso e poderoso, maleducato il necessario. I suoi interventi completano favorevolmente l'aspetto melodico, suggerito dalle tastiere e pure il versante ritmico, curato dalla batteria.
Francesco Cusa lavora spesso in contrapposizione con i due partners. Non vuole assolutamente che "Tant'ien" sia equiparabile a qualsiasi trio del genere e si adopera in ogni modo per deviare il cammino dei compagni, per trovare strade impervie e complicate evitando di finire sui percorsi consigliati dalle guide, costruendo, così, un sottofondo percussivo brulicante, spesso volutamente alternativo.

Non in tutti i brani si possono registrare invenzioni fulminee; alcuni, come "Manifestation of Matter I" e "Overcoming Spite" finiscono nella normalità di una jazz fusion con puntate nell'hard rock, senza particolari reinvenzioni. I brani migliori sono, invece, "Unconscious Material" e "Manifestation of Matter II", dove si assiste a cambi di tempo e di modo, all'interno della traccia e ad assoli in simultanea dei tre membri del gruppo, affatto corrispondenti e coerenti.

"The fourth door", in conclusione, è il disco di un trio teso a distinguersi con idee relativamente nuove, utilizzando un tipo di formazione sicuramente molto battuta. In diversi pezzi i risultati sono più che confortanti, in altri si comprende la grande fatica di liberarsi in modo originale da determinati clichès, malgrado l'entusiasmo e la preparazione dedicati a questa incisione.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
27/08/2016

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei XXXVI: ""Sisong. Una canzone per Siso" il titolo dell'edizione 2016 dello storico festival calabrese, il primo senza la presenza del senatore Sisinio Zito, fondatore del festival deceduto dopo lunga malattia il 6 luglio scorso." (Vincenzo Fugaldi)

13/12/2015

Sphere (Try Trio)- Niccolò Lucarelli

11/10/2015

Love (Francesco Cusa & The Assassins)- Antonella Chionna

16/11/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Francesco Cusa, Improvvisatore Involontario: "Il jazz è musica di sincretismi, senza una dialettica costante finisce per cristallizzarsi in schematismi e idiomi surreali..." (Alceste Ayroldi)

19/10/2014

Meets Mahler (Sonata Islands (Giovanni Falzone))- Valeria Loprieno

06/04/2014

Flowers In The Garbage (Francesco Cusa 'Vocal Naked Musicians')- Gianni Montano

02/03/2014

Zancle (Serena Ferrara)- Nina Molica Franco

07/04/2013

The American Dream (Marco Cappelli’s Italian Surf Academy)- Gianni Montano

23/12/2012

Altai (Skinshout & Xabier Iriondo)- Gianni Montano

22/02/2012

D'onde (Aurora Curcio)- Gianni Montano

05/02/2012

Mansarda (Mansarda)- Gianni Montano

03/01/2010

Francesco Cusa, Gianni Gebbia, Alessandro Salerno a Roma presso Il Baffo della Gioconda: "Questi tre giovani musicisti dimostrano di saper rimanere sempre "dentro" alla performance, sfruttando in modo innovativo le potenzialità dei loro strumenti, dandosi ciascuno il turno nel "trascinare" gli altri, senza perdere mai concentrazione e l'interplay è davvero grandioso." (Laura Mancini)

18/10/2009

L'arte della Guerra (Francesco Cusa "Skrunch") - Giuseppe Mavilla

13/09/2009

Una proposta interessante e innovativa dall'inedito duo Cusa-Matteuzzi: "Un canto che si fa strazio, grido, sofferenza, gioia, tenerezza assumendo un'infinità di sembianze e di plastiche evanescenze..." (Giuseppe Mavilla)

12/09/2009

Due serate dedicate alla musica jazz al Cortile Pandolfi Art Pub di Pozzallo anche se in ambiti antitetici dal punto di vista del linguaggio espressivo. La prima serata ha visto esibirsi l'inedito quartetto del chitarrista Paolo Sorge, la seconda un altro quartetto con l'armonicista Angelo Adamo.

17/03/2007

Improvised music for imaginary films (Nursery Four)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 434 volte
Data pubblicazione: 24/08/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti