Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Flaminio Jazz - Antibemusic S.r.l.
www.berardijazzconnection.com
Berardi Jazz Connection
The Way I Like


1. Off side
2. Jive samba
3. Walking with my sons
4. Estou falando de amor
5. The first lights
6. Over leaf
7. Mr Rhodes
8. The way i like
9. Amorio
10. Una mas

Ettore Carucci - Piano, Fender Rhodes
Francesco Lomagistro - Drums, Percussions,Vibes
Giuseppe Bassi - Double Bass
(track 2, 3, 4, 5, 6)
Marco Bardoscia - Double bass
(track 1, 7, 8, 10)
Christian Lisi - Double bass
(track 9)
Paola Arnesano - Voice
(track 4)
Vincenzo Presta - Tenor sax
(track 1, 3, 7, 8, 10)
Emanuele Coluccia - Tenor sax
(track 1, 3, 7, 8, 10)
Andrea Sabatino - Trumpet
(track 1, 3, 7, 8, 10)
Guido Di Leone - Guitar
(track 6)


Ad un sommario e primo ascolto del disco "The Way I Like" dei Berardi Jazz Connection si potrebbe frettolosamente catalogare la loro musica in "nu jazz". Molto ricorda generi esplorati da musicisti come Llorca, Saint Germain o il nostro Nicola Conte (per altro loro conterraneo). Addentrandosi tra le pieghe, giunge la percezione di un lavoro svolto con attenzione verso un jazz d'annata, eseguito con rigore e competenza, frutto di anni d'impegno come side-man di Francesco Lomagistro e Ettore Carucci, così come per i musicisti che li accompagnano in questo lavoro, e con i quali i Nostri avevano spesso suonato in passato.



Le incursioni tra jazz classico e moderne contaminazioni potrebbero sorprendere alcuni "puristi", ma il jazz è ricerca, sperimentazione e libertà di espressione, ed allora ben vengano le nuove idee, purché foriere di un messaggio autentico e spontaneo. Alcune partiture risultano fuori dubbio già ascoltate, alcuni temi già sviluppati, in ogni caso qui coerentemente legati armonicamente l'uno all'altro da una struttura portante che ha un preciso sviluppo logico, dalla quale traspare comunque una vena compositiva colta e raffinata, in virtù di una ricerca di una collocazione che renda i Berardi Jazz Connection identificabili. Di certo "The Way I like" non si presenta come un'opera innovativa, anzi; lascia però favorevolmente colpiti il fraseggio passionale ed intenso tra la batteria di Lomagistro ed il piano e il Fender Rhodes di Carucci, a tratti intenso e meditativo e dotato di tecnica impeccabile, così come appare ineccepibile il feeling tra i musicisti tutti.

Forse proprio tutto ciò avrebbe fatto sperare in qualcosa di più incisivo e ricco di contorni e sfumature armoniche. Resta comunque nel complesso un disco non solo "decorativo", dall'ascolto facile e piacevolmente scorrevole, oltre che tecnicamente inappuntabile, sempre in bilico tra spunti classici e di smooth jazz. Si apprezza qualche richiamo a ritmi latini, come per "Estou Falando de Amor" ottimamente cantata da Paola Arnesano (che ne è anche l'autrice), oppure l'accattivante groove di "The First Lights" di Lomagisto, nella quale, ipnotica la prima parte, diviene quasi una suite bop nella seconda; trascinante samba quella di "Over Leaf" con Lomagistro al vibrafono, così come l'omaggio all'ars compositiva di Nat Adderley con il brano "Jive Samba", dove è la tromba a mancare, egregiamente sostituita dal piano di Ettore Carucci. A chiudere il disco è "Una Mas" di K. Dorham, secondo brano non originale dell'intero disco, in un'efficace coloritura di fiati con i tenori di Vincenzo Presta e Emanuele Coluccia e la tromba di Andrea Sabatino in evidenza a suggellare con sound metropolitano il lavoro tutto.

L'esordio dei Berardi Jazz Connection e dell'etichetta Flaminio Jazz può essere considerato tutto sommato positivo. Qualche perplessità resta, quel tanto per incuriosirci nell'attesa di un nuovo lavoro, qualcosa che stavolta non lasci con qualche incertezza di troppo. Per dovere/piacere di gossip il nome del gruppo nasce dalla via di Taranto dove i Nostri avevano allestito la loro sala prove.
Franco Giustino per Jazzitalia







Articoli correlati:
03/08/2018

Beat Onto Jazz Festival 2018: Terzo appuntamento con il quartetto italo-asiatico-americano Fratello Joseph Family Affair e la prima assoluta de "Il Duca e il Bardo" con Orchestra del conservatorio Niccolò Piccinni diretta da Vito Andrea Morra e il gruppo teatrale VoxMedia

18/06/2017

Bisceglie, una città intera a suon di Jazz: 5 straordinarie location tra il centro storico e la litoranea, tutte con lo skyline del mare, trasformeranno Bisceglie il 5-6 e 7 agosto in una città a suon di jazz.

01/11/2016

Bea (Andrea Sabatino another 5et)- Niccolò Lucarelli

26/06/2016

Quattro chiacchiere con...Pasquale Grato: "Pasquale Grato è il maître à penser di una nuova realtà che va ben oltre la consueta rassegna estiva di jazz. Ne parliamo con lui." (Alceste Ayroldi)

19/03/2016

Intervista con l'Andrea Sabatino Quartet: "...mi piace andare a studiare le armonie, scoprire come i grandi hanno scritto, dal punto di vista dei temi e delle melodie dei brani." (Sara Bonfili)

09/08/2015

Vittoria Jazz Festival "Music & Cerasuolo Wine" 2015: "Edizione numero otto per il festival in provincia di Ragusa con grandi nomi internazionali e talenti italiani per un programma denso e calibrato..." (Vincenzo Fugaldi)

19/07/2015

Intervista a Saverio Pepe: "Mi rivolgo a tutti gli appassionati delle cose belle della vita, del buon gusto, dell'ironia, della profondità delle cose." (Nina Molica Franco)

29/03/2015

The Duke (Vibeguitar Quartet)- Antonella Chionna

01/02/2015

The night has a thousand eyes (Angelo Adamo, Guido Di Leone, Francesco Angiuli)- Alceste Ayroldi

17/11/2014

Epoca (Onofrio Paciulli)- Alceste Ayroldi

13/07/2014

Vittoria Jazz Festival 2014: "Settima edizione per il festival diretto da Francesco Cafiso che, con valide proposte artisiche unite a innumerevoli iniziative collaterali, riempie la splendida piazza Enriques in ogni serata..." (Vincenzo Fugaldi)

22/06/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Antonio Delvecchio, Fo(u)r: "Il jazz in questi anni, in particolare in Italia, è sicuramente condizionato dalla situazione contingente e quindi non gode di buona salute. " (Alceste Ayroldi)

08/02/2014

Quattro chiacchiere con...Guido di Leone: "C'è ancora chi pensa che sia una musica difficile e per vecchi: alcuni ragazzi non l'hanno mai sentito. Poi quando lo scoprono se ne innamorano!" (Alceste Ayroldi)

03/02/2014

Seven (Dino e Franco Piana Septet)- Andrea Gaggero

07/12/2013

The Smitherson & Guido di Leone The Smitherson & Guido di Leone : "Grazie al loro suono verace e carico di passione gli artisti hanno dato vita a una serata all'insegna della buona musica..." (Francesco Favano)

25/11/2013

My Perpetual Life (Marco Contardi)- Francesco Favano

08/09/2013

Sotto il celio azzurro (Gabriele Rampino)- Nina Molica Franco

07/04/2013

'U Popole Mije (Gianni Cellamare & Taranto Quartet)- Matteo Mosca

02/02/2013

Broadway (Di Leone, Macchia, Di Lecce)- Francesco Favano

20/01/2013

The Jazz Convention: "...un confronto tra musicisti che portano con sè la propria storia e soprattutto idee fresche e nuovi stimoli..." (Alceste Ayroldi)

03/12/2011

Treni A Vapore (Max Monno)- Pierfrancesco Falbo

02/04/2011

Anyway (Berardi Jazz Connection) - Luca Labrini

06/03/2011

Luna Del Sud (Paolo Di Sabatino Trio with Horns)- Enzo Fugaldi

27/11/2010

The Police songbook (Paola Arnesano)- Gianni B. Montano

23/10/2010

Com os Violoes (Francesca Leone)- Alessandro Carabelli

04/10/2010

Argento (Raffaele Casarano) - Alceste Ayroldi

22/03/2010

sings Cole Porter& the beat of yearning desire (Giuseppe Delre) - Cinzia Guidetti

07/11/2009

Replay (Raffaele Casarano & Locomotive) - Alceste Ayroldi

05/09/2009

My Foolish Harp (Angelo Adamo) - Giuseppe Mavilla

25/08/2009

Blue night (Guido Di Leone) - Giuseppe Andrea Liberti

06/06/2009

The Peacocks (Daniela D'Ercole)

14/03/2009

Galantuomini (Gabriele Rampino )

12/10/2008

Falando de Jobim (Paola Arnesano )

05/10/2008

A Sagliano Cavour (LE) il Locomotive jazz festival 2008. In questa terza edizione, sotto la direzione artistica di Raffaele Casarano, Sheila Jordan con Billy Drummond, Roberto Cipelli, Attilio Zanchi e Alborada quartet; Franco Califano, Cuncordu e Tenore De Orosei, Nguyen Le; e ancora Massimo Manzi, Bebo Ferra, Maria Pia De Vito, hanno incontrato il meglio del jazz pugliese e salentino. (Mariagiovanna Barletta)

17/09/2008

Opening (Marco Bardoscia)

17/08/2008

Night (Leopoldo Sebastiani)

14/08/2008

Dallo swing al funk per la 6° edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival 2008 con l'intensità di Kekko Fornarelli insieme a Rosario Giuliani, la tranquilla andatura dei Manhattan Transfer, la scherzosa (e sacra...) musica di Lino Patruno e l'incendiaria forza di Marcus Miller: 4 serate all'insegna della musica di qualità con un pubblico che ha sempre riempito la piazza della Reale Basilica di Capurso. (Marco Losavio)

22/06/2008

Colorando (Marchio Bossa)

01/11/2007

Forward (Ettore Carucci Trio)

05/05/2007

Alba (Nicola Andrioli)

30/03/2007

Quel che non si fa più (Nino Di Leone)

05/02/2007

Terronia (Pino Minafra)

04/12/2006

All the Way (Francesca Leone)

26/11/2006

Pure Soul (Andrea Sabatino)

31/10/2006

Moon, stars and nights (Chrissie Carpenter Oppedisano)

25/05/2006

Intervista a Carlo Atti: "...la semplicità, la naturalezza. Cerco la "mia" voce....A me piace suonare, mi piace il ritmo, lo swing. Mi piace molto lo stile americano. Questo da al sound maggiore energia, forse. C'è molta gente più brava di me." (A. Ayroldi, M. Losavio)

18/12/2005

Italian Jazz Ensemble (Italian Jazz Ensemble)

18/07/2005

Isole (Guido di Leone e Ottonando Brass Ensemble)

03/05/2005

My Love and I (Giuseppe Bassi)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 6.224 volte
Data pubblicazione: 19/08/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti