Jazzitalia - Gianni Cazzola 5et: The Weekend Session With The Young Giants Of Jazz
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ventisettesima Edizione per l'EFG London Jazz Festival, unanimemente riconosciuto come uno degli eventi più sfavillanti all'interno dell'offerta culturale della capitale inglese.

Sessantesimo anniversario del Bologna Jazz Festival, sui palchi e nei club anche di Modena e Ferrara, con un ricco programma e molti eventi didattici, culturali .

Chick Corea, John Scofield, Joe Lovano, Enrico Rava, Pat Martino tra i nomi di spicco del Padova Jazz Festival che si terrà dal 13 ottobre al 24 novembre.

Esce il 19 ottobre "La Fenice", registrazione del concerto che Keith Jarrett ha tenuto a Venezia nel luglio 2006.

Robert Vignola da Trivigno a Hollywood e ritorno con la musica di Zerorchestra: l'anteprima mondiale di "Beauty's Worth" è stato un autentico trionfo..

Brda Contemporary Music Festival: festival dedicato alla musica creativa e d'improvvisazione vede la sua ottava edizione tornare a Smartno, con la dir. artistica di Zlatko Kaučič.

Seconda edizione del Premio Internazionale "Pino Massara" per giovani compositori di musica pop e jazz. Premi per un totale di 25.000 euro.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Parma Jazz Frontiere - XVI Edizione: Il profumo di Norvegia dell'Arve Henriksen Trio, l'ensemble pieno di suono e solarità di John Surman con la Big Band di Bergen, l'omaggio a Graham Collier di Roberto Bonati e l'ensemble "Ruvido Insieme", la contaminazione fra arte contemporanea e musica del duo chitarra & tela di Luca Perciballi e Mattia Scappini in "Fragile" e poi del Pollock Project, il Bobo Stenson trio a chiudere magnificamente la XVI edizione del Parma Jazz Frontiere festival. (Margot Frank, Nina Molica)
Bologna Jazz Festival 2011: L'estasi nietzscheana della prima dei Manhattan Transfer, il momento clou nel sogno di rivedere Pat Metheny e il suo trio con Larry Grenadier e Bill Stewart, l'energia di Christian McBride con il suo giovane trio, la pregevole musica di Fahir Atakoglu insieme ai grandi Horacio "El Negro" Hernandez e Alain Caron, la chiusura con lo Charlot del Jazz, Stefano Bollani, che insieme ai fedelissimi Jesper Bodilsen e Morten Lund ha fatto calare il sipario su un'edizione lunga undici giorni dove grandi nomi sono stati affiancati da giovani promesse. (Eugenio Sibona)
Colin Vallon Trio all'Auditorium per il Roma Jazz Festival: "...un mix originale e sorprendentemente coerente di musica colta, jazz nordico e gusto melodico balcanico." (Dario Gentili)
Markus Stockhausen & Ferenc Snètberger per la rassegna "Cose" a Roma: "Il concerto davvero non delude le attese. Il virtuosismo, mai fine a se stesso, di Snètberger si dipana in un fraseggio ritmico fitto di scale ed arabeschi, l'espressività di Stockhausen si esprime al contrario in una ricerca tutta focalizzata sulla bellezza del "suono"..." (Roberto Biasco)
Mike Stern Band: giunto alla IX Edizione, il Lamezia Jazz Festival, sotto la direzione artistica di Egidio Ventura, ha ospitato il fenomenale quartetto di Mike Stern insieme ai fidi Dave Weckl e Bob Malach e al bassista Chris Doky. "I suoi fraseggi blues scherzosi ricalcano molto il suo modo di esser sempre positivo e sorridente. Nel vederlo suonare si rimane colpiti dal fatto che non riesca a stare fermo. Ogni sua nota, ogni suo passaggio viene sottolineato da un movimento del corpo che diventa tutt'uno con la sua musica. Quest'onda d'energia travolge il pubblico del Politeama..."
Una speciale guida di New York City seguendo la carriera di Sonny Rollins: da un articolo del New York Post, Sonny "Colossus" Rollins delinea un percorso di mete nella Grande Mela che rappresentano punti salienti della sua carriera e, di conseguenza, della Storia del Jazz.
Intervista con Giovanni Falzone: "Oggigiorno mi capita spesso di sentire molte cose che mi fanno pensare che ci sia la tendenza a far diventare il jazz un po' musica di maniera, e c'è poca autenticità sia nei gesti, sia nel preparare un progetto, sia nel suono delle cose che si sentono in giro." (Eva Simontacchi)
Una conversazione sul Jazz Italiano: intervista a Igor Palmieri: "Spesso si fa fatica ad uscire fuori dal contesto nazionale, perchè forse manca un vero management musicale capace di scommetterci maggiormente, ma uno dei fattori da considerare, poi, è un eccesso di produzione discografica." (Rosanna Perrone)
"Perdido" e "Go Down Moses": un paio di perle del caro Satchmo. (Franz Falanga)
Il Darwinismo nel Jazz: evoluzione del brano "Some Of These Days". Dal bianco lezioso di Sophie Tucker allo splendido universo sonoro di Ella Fitzgerald (Franz Falanga)
Intervista a Fabrizio Bosso: "Andare avanti è importante, però conoscere le radici è fondamentale. Il lavoro che da anni sta facendo il trombettista Wynton Marsalis in questo senso, è notevole...io cerco di suonare in stile, ma in maniera contemporanea...già Armstrong ai suoi tempi era di una modernità sconvolgente...era avanti anni luce." (Nico Conversano)

Allan Holdsworth @ Alvas Showroom Apr 3rd 2017


Allan Holdsworth Trio 2010-11-09 Leverkusen, GR


Allan Holdsworth Instructional Video


Allan Holdsworth live in Tokyo 1984 + Interviews


Allan Holdsworth, Alan Pasqua, Chad Wackerman & Jimmy Haslip Live At Yoshi's Jazz Club

Enrico Intra
Enrico Intra (Korh Olga)

Mauro Grossi - Matteo Scarpettini
Mauro Grossi - Matteo Scarpettini (Barni Francesco)

Dust Trio
Dust Trio (Barni Francesco)

Simone Graziano - Frontal
Simone Graziano - Frontal (Barni Francesco)

Stefano Bollani - Napoli Trip
Stefano Bollani - Napoli Trip (Barni Francesco)

Strumenti Musicali

Limen Music

Ladybird Project

Felt Music School

Annunci gratuiti / Roma

Roma in Jazz

Hyperprism - Casa editrice specializzata nella produzione di testi antichi e contemporanei, opere e spartiti musicali, testi didattici, Cd e audiolibri

Radio Kreattiva - La web radio comunitaria di Bari

MayDay - Notiziario Musicale

Nicolosi Production

Latin Jazz, Salsa and Latin Music online from Italy

Il giornale degli Umbri nel mondo

Guida al Jazz in Italia

Jazzit...la rivista che suona il jazz

International Association of Jazz Educators: partnership con Jazzitalia

Jazzconnet - Partnership con Jazzitalia per Jazz Competition

Virgilio - Corsi di musica on line

Virgilio - Primo approccio al Jazz

Sito Amico di SuperEva

Panorama WEB - Luglio 2000

Axe - Novembre 2000

Chitarre - Dicembre 2000

Segnalato su Punto Informatico: l'evoluzione della rete

Segnalato su CIM Magazine: collaborazione tra Jazzitalia e Black Time - Benevento Jazz

Segnalato sul Mattino On Line: collaborazione tra Jazzitalia e Black Time - Benevento Jazz

Segnalato su Club Scuola Italia

IL JAZZ IN ITALIA SI PRESENTA IN...'JAZZITALIA' (Marco Esu)

Il sito dell'arte

WhiPart

Forum di Canto

Tutto Annunci

 

Gianni Cazzola 5et
The Weekend Session With The Young Giants Of Jazz



1. Blues in the Closet
2. Strollin
3. Green Dolphin Street
4. I Mean You
5. Central Park
6. Summertime
7. Perdido
8. Lament
9. Cedar's Blues
10. Off minor
11. Estate
12. Why don't I.
13. Along came Betty
14. Pent up Blues

Gianni Cazzola - batteria
Simone Daclon - piano
Mattia Magatelli - basso
Emiliano Vernizzi - sax tenore
Humberto Amesuquita - trombone

 

È uscito nel corso del 2008, prodotto dal Cento Jazz Club, "The Weekend Session With The Young Giants Of Jazz", album in cui Gianni Cazzola, batterista jazz tra i più importanti in Italia, sulla scena musicale dal 1957, omaggia il Be Bop degli anni '50 e in particolar modo il grande padre delle percussioni, l'americano Art Blakey.

La ricca e variegata tracklist di questo CD contiene il rifacimento di quattordici standard jazz opera di altrettanti famosi musicisti tra i quali spiccano i pianisti Bruno Martino, Thelonius Monk, Cedar Walton, George Gershwin, Duke Ellington, Horace Silver, i sassofonisti Sonny Rollins, Benny Golson, John Coltrane, il trombettista J.J. Johnson e il contrabbassista Oscar Pettiford.

Questi pezzi, composti da artisti che hanno fatto la storia del Be Bop ed eseguiti da Cazzola con giovani con i quali sin dai primi anni 2000 costituisce un quintetto, dal nome evocativo di "The Young Giants Of Jazz", che si concentra sulla matrice dell' Hard Bop, sono arrangiati dai musicisti che li reinterpretano in modo fresco e moderno.

Al sax di Emiliano Vernizzi ed al trombone di Humberto Amesquita, che dettano melodie lineari ma di grande intensità fanno da sfondo la batteria di Gianni Cazzola e il basso di Mattia Mangatelli, sopra cui emerge il suono rassicurante del pianoforte di Simone Delacon, che comunicano una grande carica di swing ed una spinta ritmica notevole.

Tutto questo rende l'album molto orecchiabile e di piacevole ascolto e testimonia, se ancora ce ne fosse bisogno, come Gianni Cazzola, ormai sulla scena jazzistica da più di 50 anni, sia uno dei migliori musicisti italiani nonché uno dei più grandi scopritori di giovani talenti del bel paese.

Alla luce di quanto scritto fin qui non possiamo che lodare Cazzola per il lavoro svolto, come da par suo con maestria assoluta, e affermare, senza paura di essere smentiti, che questo disco costituisca un must sia per gli appassionati della musica jazz degli anni '50 che per tutti coloro che sono alla ricerca di novità.

Elio Marracci per Jazzitalia

Intervista a Gianni Cazzola

Ho cominciato, più di cinquant'anni fa, debuttando con Franco Cerri. Ho attraversato tutti gli stili ed i periodi del jazz italiano. Ho suonato con Giorgio Gaslini, cui devo moltissimo. Con Paolo Fresu. Per dieci anni ho lavorato con Franco D'andrea. Ho suonato nel grande trio di Gianluigi Trovesi, con Gianni Rusca, con cui ho vinto la Coppa del Jazz nel 1984 (C'era anche Boltro), con il maestro di swing Guido Manusardi; accompagnando nel frattempo moltissimi americani, a cominciare da Chet Baker, che passavano da Milano. Poi ho fatto parte di un gruppo mitico, quello di Luca Flores che era un grande uomo ed un meraviglioso musicista. Si sono tutti accorti di lui in ritardo, dopo la sua fine tanto atroce. Eppure aveva un feeling jazz unico. Ho sempre amato lavorare con i giovani: Massimo Urbani, Larry Nocella, Sandro Gibellini hanno fatto parte dei miei gruppi all'inizio della loro carriera. Qualcuno, Arrigo Polillo, ha parlato di me come dell'Art Blakey bianco, proprio per la passione che metto nello scoprire talenti, nel dare ai giovani la possibilità di esprimersi. Gli ultimi sono quelli che suonano in questa session che abbiamo registrato a Cento, lo scorso marzo. Li ho voluti chiamare gli Young Giants of Jazz. Ma intendo farne emergere altri. Primo fra tutti un altista diciannovenne che si chiama Mattia Cigalini. Ne sentirete parlare presto. E tanti altri ce ne sono, che premono per avere spazio…



Gianni Cazzola è un pezzo di storia del jazz italiano. Dopo una carriera tanto lunga è ancora affamato di musica, di novità, di scoperte. E' un uomo entusiasta, ma non contento. Il suo sguardo sul panorama del jazz italiano contemporaneo è anzi molto critico.

In Italia ci sono tantissimi musicisti bravi. Anche fortunati, perché hanno tante possibilità di lavoro ed anche gli appoggi politici adatti. Sono riusciti ad imporre un po' a tutto il nostro mondo una visione secondo la quale è il nuovo jazz, quello cosiddetto creativo, che ha diritto esclusivo di cittadinanza. Pensano che il bop e l'hard bop siano musica superata, d'altri tempi, morta. Io non sono affatto d'accordo con loro. Senza i grandi maestri non si va da nessuna parte. Lester Young, Count Basie, e tutti gli altri, sono ancora oggi creativi; sono i più creativi. Perché hanno lo swing. Ma non è solo una disputa culturale. Questa moda fa sì che molti musicisti restino fuori dal circuito dei festival. Certo, fra costoro ci sono anch' io. Ma insieme a me anche molti giovani cui vengono tarpate le ali

Sembra però che lei dica che il jazz si ferma all'hard bop…

Nella maniera più assoluta no. Io ho vissuto tutte le tendenze del jazz, ho suonato anche il free jazz. Sono stato il batterista di Trovesi, di Gaslini e di Damiani. Ho praticato l' avanguardia, ho suonato musica etnica e medievale con Gianluigi. Ma c'era più libertà allora. Io dentro quella musica ci mettevo dentro la mia anima swing e la cosa funzionava. La loro era musica molto scritta, ma anche molto libera. Il problema è che mi sembra che oggi tutte queste tendenze (contaminazione,fusione di generi etc) diventino dominanti e troppo esclusive e che non ci siano più gli spazi per quel jazz che pure è alla base di tutte le sperimentazioni. Io non voglio fare polemiche con nessuno in particolare. Anche perchè, ripeto, in Italia ci sono oggi tanti grandissimi musicisti. E' il clima che è pesante. Non ditemi che il bop non piace al pubblico. Ho suonato l'altra sera a Piacenza con i miei ragazzi. Abbiamo dovuto fare tre lunghi bis ed il pubblico si divertiva, era felice. Cosa che non succede sempre in tanti concerti più "profondi". Io credo che il bop e l'hard piacciano. E molto. Ma non hanno mercato presso gli organizzatori dei festival, gli assessorati, le istituzioni

A questo punto è inevitabile la domanda sul jazz americano, che molti (Gaslini, tanto per fare un nome) vedono un po' esaurito, stanco, dopo l' esperienza free

Io da Giorgio ho imparato cosa è la libertà espressiva. Mi ha dato un apertura mentale che con pochi altri avrei avuto. Gli devo molto, in tutti i sensi. Dopodichè io resto, pur arricchito dall'esperienza che ho fatto con lui e con altri, un jazzman ed un hard bopper. E Blakey resta il mio idolo ed il mio faro. Per Giorgio il jazz è uno dei tanti linguaggi. Lo dico senza astio, ci mancherebbe altro. Siamo diversi e non c'è niente di male in questo. Io lo rispetto molto e lo considero un amico vero. Anche dagli amici si può, serenamente dissentire. Nomi come Joshua Redman e Chris Potter (un genio!) testimoniano che negli USA il jazz è tutt'altro che morto. Fra l'altro mi è capitato di suonare, in un festival, prima di Chris e di essere stato oggetto dei suoi complimenti. Il che per me ha un grande significato. Ma anche in Italia ci sono grandi boppers, come Carlo Atti. Sono gli organizzatori, non il pubblico, ad averli esclusi. E con Atti ricorderei Roberto Rossi, un genio del trombone, Gibellini e tanti altri. Ma io credo che alla fine nonostante tutto il jazz vero tornerà di moda. Ci sono giovani straordinari. Mattia Cigalini, che io chiamo "Baby Phil Woods", o Francesco Lento, trombettista che ha il suono di un Lee Morgan. E quello "Smell quintet" con cui ho inciso un disco (Too close for comfort) nel 2006: Michele Vignali, Marco Bovi, Nico Menci, Paolo Benedettini …Sono tutti giovani che amano suonare bop, anche se oggi va di moda il duo. E me ne dimentico altri, d'altronde sono tantissimi quelli con cui ho suonato. Chi li aiuterà ad emergere? Chi valorizza questo patrimonio enorme di capacità e cultura musicale? Il problema però non è far prevalere un genere su un altro. Sarebbe l'ora di finirla di coltivare orticelli chiusi dai quali tenere lontano gli altri musicisti. Di dare un taglio alle piccole invidie. Io vorrei spazio per tutti, per me come per gli sperimentatori, per i giovani come per i grandi nomi. Con il talento come unico discrimen. Oggi non è così.

A proposito di giovani musicisti. Molti di loro frequentano il conservatorio. Pensa che questo possa "danneggiare" un jazzman?

Lo studio non fa mai male, sia chiaro, ma il jazz non si impara solo lì. Anche perchè sulle cattedre siedono ottimi musicisti che hanno forse la cultura del jazz, ma non l' anima. Per me si impara ad improvvisare ed a swingare sulla strada, ascoltando altri musicisti, suonando con tutti. I grandi maestri non hanno frequentato conservatori

Parliamo infine di questo disco, di questo quintetto.

Adoro questi ragazzi, li chiamo le mie anime bop. Emiliano Vernizzi ha un suono strumentale bellissimo e feeling da vendere. Di Humberto Amesquita, peruviano che si sta perfezionando al conservatorio di Milano, sentiremo parlare molto. Roberto Rossi lo definisce già un grande talento, più una promessa. Simone Daclon è, senza dubbio il miglior talento pianistico emergente. Mattia Magatelli è il sostegno ritmico armonico ideale per questo mix di perizia tecnica e di carica emotiva. Sono orgoglioso di questo gruppo. Presto incideremo in formazione allargata e ci chiameremo, guarda caso Italian Jazz Messangers. Certo, progetti del genere vivono anche grazie alla forza d' animo di tanti appassionati. Mi permetta di ringraziare Enrico Malucelli, presidente del jazz club di Cento di Ferrara. Questo disco è uscito grazie a lui. Il jazz vero vive grazie al lavoro oscuro di persone come lui.

Marco Buttafuoco per Jazzitalia

Centojazz Club Production
www.centojazzclub.com
centojazzclub@libero.it







Articoli correlati:
18/03/2018

Harvesting Minds (Filippo Vignato 4tet)- Alceste Ayroldi

12/11/2017

Different Standards - Short Stories (Lo Greco Bros)- Alceste Ayroldi

13/07/2015

These Human Beings (Pericopes + 1)- Enzo Fugaldi

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

26/01/2014

The Complete Remastered Recordings on Dischi della Quercia (Giorgio Gaslini)- Marco Losavio

31/03/2013

The double side vol. 1Lights, The double side vol.2 Shadows (Pericopes)- Alceste Ayroldi

18/08/2012

Growing (Simone Daclon Trio)- Matteo Mosca

01/07/2012

Turchese (Valentino Tamponi)- Marco Sagliano

11/09/2011

Blakey Legacy (Gianni Cazzola Sextet)- Eva Simontacchi

22/01/2011

Progetto nudo (Simone Schirru) - Cinzia Guidetti

30/05/2010

Songs From The Procol Harum Book (Antonio Zambrini Trio) - Marco Buttafuoco

31/10/2009

Vol. 1 (Vitale - Magatelli - Windfeld) - Alceste Ayroldi

11/10/2009

E venia da' campi che di Cerri sentia (Franco Cerri Quartet) - Giuseppe Mavilla

22/11/2008

Intervista a Gianni Cazzola: "...ho vissuto tutte le tendenze del jazz, ho suonato anche il free jazz. Sono stato il batterista di Trovesi, di Gaslini e di Damiani. Ho praticato l'avanguardia, ho suonato musica etnica e medievale con Gianluigi. Ma c'era più libertà allora. Io dentro quella musica ci mettevo dentro la mia anima swing e la cosa funzionava..." (Marco Buttafuoco)

24/03/2008

Pure Ecstasy (Eva Simontacchi)

09/12/2007

Dedicated To Henghel (Alfredo Ferrario)

29/11/2006

Too close for comfort (Smell Quintet)

31/10/2006

Moon, stars and nights (Chrissie Carpenter Oppedisano)

12/12/2005

Una Vita in Swing (Gianni Cazzola)





Video:
PERICOPES - Alessandro Sgobbio & Emiliano Vernizzi
"La Danza di Kuwa" performed by PERICOPES, Alessandro Sgobbio - piano, Emiliano Vernizzi - sax, , www.pericopes.it, , Video's from the DVD L...
inserito il 19/11/2013  da PERICOPES DUO - visualizzazioni: 4719
TST Funk - Beppe Di Benedetto 5tet
Beppe Di Benedetto 5tet - Tst Funk - Music by Beppe Di BenedettoBeppe Di Benedetto - TromboneEmiliano Vernizzi - Tenor SaxophoneLuca Savazzi - PianoSt...
inserito il 23/11/2011  da beppedibenedetto5tet - visualizzazioni: 3549


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 5.055 volte
Data ultima modifica: 20/08/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti