Jazzitalia - Recensioni - Antonio Jasevoli - Mauro Smith: The Wolf Sessions
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Rinvio al 2021 per la XX Edizione del Beat Onto Jazz Festival.

Multiculturita Summer Fest 2020!! Annunciata anche nel 2020 un'edizione del famoso e longevo festival capursese: aLa musica del crooner Nick The NightFly Quintet e il Brasile di Rosalia de Souza..

12.500 euro destinati per una Borsa di Studio "Giorgia Mileto". promossa dalla famiglia e dal Saint Louis College of Music per i Corsi accademici di Jazz & Popular Music..

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

E' morto Jimmy Cobb.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Aldo Bassi, trombettista, direttore d'orchestra, insegnante e leader di varie band, è venuto a mancare a Latina..

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Antonio Jasevoli - Mauro Smith
The Wolf Sessions



Videoradio (2017)

1. Bell Tower
2. Valley
3. Snow
4. Child's Play
5. Fog

Antonio Jasevoli - chitarre
Mauro Smith - batteria


Cose che succedono quando due musicisti si trovano in vacanza, complice l'aria raffinata della montagna. Ognuno indossa il proprio strumento e si parte all'insegna della più calda improvvisazione: giù a istoriare note libere, a sentire l'altro che azzardo un ritmo, che costruisce un accordo, che munge una melodia appena ordinata. La chitarra di Antonio Jasevoli è ardita e ardimentosa, lancia ficcanti note verso tamburi e piatti che contrappuntano e restituiscono con gli interessi le idee primigenie.

Cinque episodi musicali corposi e coriacei, di quelli da gustare con mente aperta e senza troppi pensieri rivolti al passato. C'è il rock esperienziale degli anni Settanta che s'accoppia gioiosamente con il jazz della tradizione intinto nel blues ("Bell Tower"). Qui si macinano chilometri di storia della musica, ci si scambia idee che potrebbero costituire la culla della nuovo jazz-rock, tanto quanto il repechage dei gloriosi spunti creativi della fine degli anni Sessanta. Tornate di focoso heavy-jazz ("Valley", ma anche l'inquietante "Fog") fanno da contraltare a sinuose movenze d'antan accennate e sottolineate in "Snow". Ma la sorpresa è sempre dietro l'angolo e gli accenti architettati da Mauro Smith (che nella vita è anche architetto davvero) spostano subito il baricentro verso territori più impervi, più gustosi ("Child's Play").
 
Se qualcuno dovesse, ancora oggi, chiedersi se questo è un disco di jazz, si può rispondere che è il jazz par excellence: pura improvvisazione telepatica, empatica tra due eccellenti musicisti.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
22/09/2013

My Own Experience - The Music Of Jimi Hendrix (Antonio Jasevoli Tie Trio Feat. Antonello Salis)- Enzo Fugaldi

07/10/2012

Quiet Journey (Antonio Jasevoli Chamber Project) - Alceste Ayroldi







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 530 volte
Data pubblicazione: 12/08/2018

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti