Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Blue Note - #63398
Cassandra Wilson
Thunderbird


1. Go to Mexico (Ciancia, Elizondo, Modeliste, Neville, Nocentelli, Porter, Wilson)
2. Closer to You (Jakob Dylan)
3. Easy Rider (Traditional)
4. It Would Be So Easy (Ciancia, Elizondo, Piersante, Wilson)
5. Red River Valley (Traditional)
6. Poet (Ciancia, Wilson)
7. I Want to Be Loved (Dixon)
8. Lost (Burnett)
9. Strike a Match (Burnett, Coen)
10. Tarot (Ciancia, Keltner, Wilson)

Cassandra Wilson - vocals, guitar
T-bone Burnett, Keb' Mo' - guitar, vocals
Colin Linden - guitar, mandolin
Marc Ribot - guitar
Keith Ciancia - piano, keyboards
Miguel Elizondo - bass, guitar, keyboards
Reginald Veal - bass
William Maxwell - electric bass
Carla Azar, Jim Keltner - drums
Jay A. Bellerose - drums, percussion
Gregoire Maret - harmonica


Saranno i "trattamenti" sulla voce, che, in quanto naturalmente meravigliosa, può risultarne soltanto distorta e snaturata, sarà l'ambientazione elettronica designata da T-bone Burnett, con uso talvolta ridondante delle tastiere, sarà la ritmica "quadrata" che, nonostante la presenza di insigni percussionisti – Carla Azar, Jim Keltner, Jay A. Bellerose –, in alcuni momenti sa proprio di loop campionati, ma, insomma, chi si aspettava di trovare in questo Thunderbird la Cassandra Wilson ammaliatrice di "Round the voo-doo down" o quella delle linee ancora più jazz di intramontabili standards come "Blue In Green", "Body And Soul", "Skylark", "Witchita Lineman" o di motivi meno jazzistici ma anche più universali quali "Waters of March" e "Strange fruit", certamente sarà rimasto deluso. Beninteso: nulla da eccepire riguardo l'interprete, sempre al meglio delle sue innegabili capacità, in grado di toccare le corde più intime dell'animo dotato di una qualche sensibilità; e infatti non è lei a lasciare perplessi. Ma il suo canto resta coibentato, amalgamato al miscuglio elettro-hiphop che s'è voluto trasfondere al disco, miscelato, impastato fino a perdere alcuni dei suoi connotati più caratteristici, in particolare le sfumature sui registri più profondi.



Questa la prima sensazione nell'ascoltare il brano d'apertura Go to Mexico. Ma l'impressione non cambia passando a Closer to you, valorizzata dalla prestazione della cantante di Jackson, Mississippi, e dalla riflessione solitaria del contrabbasso di Reginald Veal, che, però, non riescono a riequilibrare le "ordinarie sorti e regressive" del presente cd, trovandosi infatti accostati ad insipidi delay di accordi pianistici e tappeti di tastiere che intersecano i propri phaser. E pur mancando il compagno di registrazione e di palco degli ultimi anni, quel Brandon Ross che fino alla scorsa edizione di Umbria Jazz così bene riusciva a sublimare le indiscutibili doti canore della Wilson, la compagine di strumentisti chiamata a scortarla in questa incisione ben si adatta, comunque, ad affrontare questo nuovo concept elettronico.

Le intenzioni più sinceramente blues del progetto discografico, invece, emergono in tutto il loro sanguigno vigore in Easy rider, che si salva per l'intensità dell'esecuzione vocale e per l'atmosfera prima rarefatta e poi acre creata dalle chitarre, a gridare la loro sofferenza in modalità slide. Bene ancora il contrabbasso, che stacca con il suo tono grave sui ritmi sequenziali, introducendo It would be so easy, ma non riesce a riscattare l'inconsistenza di tutto il resto, specie davanti all'intervento di un effetto tastiera non meglio identificato, il cui suono nulla ha a che vedere con il jazz – e, si badi bene, neppure con la fusion, che pure dalle più illuminate menti critiche è stata alla fine accolta come "modernistica" forma di contaminazione di questa musica –, ricordando, semmai, sintetizzatori di "wonderiana" memoria, adeguati in ambito disco-pop, ma assolutamente stucchevoli nel presente contesto. Dove è la chitarra slide certamente emerge quella veracità a cui la vocalist ci aveva abituato, ma bisogna giungere al quinto brano, il traditional Red River Valley, mirabilmente interpretato dalla singer afro-americana con accorata profondità vocale – per un tratto perfino a cappella – per poterne apprezzare la forza espressiva, la forma blues, il pianto della chitarra di Colin Linden, gli infrasuoni della migliore Wilson: semplicemente emozionante (non a caso Downbeat ha tributato a questa rilettura 3 stelle e mezzo su 5).

Ma è l'eccezione, perché passando a pezzi come Poet – dove l'elettro-pop di un molle basso funky torna ad annacquare le buone intenzioni blues – o Strike a match – in cui di nuovo filtri sul microfono fanno scempio del timbro vocale della nostra beniamina –, ancora sfugge la direzione di questo lavoro discografico. Dopo I want to be loved, con trascinanti intrecci delle chitarre di Keb' Mo' e Colin Linden, spicca una delicatissima Lost, ancora per il binomio voce-chitarra, questa volta quella incantevole di Marc Ribot, sorprendente in questa veste se si pensa alle sue più recenti performances jazz-rockettare e trasversali. E, a conferma che la Wilson – o chi per lei – non sia riuscita a decidere che orientamento dare a questo suo album, il congedo è affidato a Tarot, le cui sonorità acustiche sembrano messe là a bella posta per cercare di lasciare almeno l'illusione della Cassandra Wilson vecchia maniera, se non fosse per alcuni interventi elettronici, contro cui non c'è alcun pregiudizio, ma che purtroppo rendono tutto alquanto artefatto. Fino al punto da far chiedere se sia reale l'armonica che si fa carico dell'assolo conclusivo: povero armonicista, che dalle note di copertina risulta invece essere Gregoire Maret, proprio lo stesso del celebrato "Glamoured".

Un sincretismo dettato dal coraggio e dalla voglia di cambiamento che avrà portato a suggerire il nome di Burnett: produttore di Counting Crows, Los Lobos, Elvis Costello, Wallflowers, Marshall Crenshaw, Spinal Tap, BoDeans, Gillian Welch, Roy Orbison, Bruce Cockburn, nonché autore delle colonne sonore di "Quando l'amore brucia l'anima" ("Walk the line" di James Mangold), il recente film sulla vita di Johnny Cash, e "Non bussare alla mia porta" ("Don't come knocking" di Wim Wenders). Una figura musicale di tutto rispetto, dunque, il cui profilo mostra però di non sapersi attagliare ai connotati artistici della vocalista. E se magari di quel coraggio si può dare atto alla Wilson, il risultato lascia molto dubbiosi.
Antonio Terzo per Jazzitalia







Articoli correlati:
11/05/2017

Blue Note Jazz Festival 2017 di New York: Pat Metheny, Dr. John, Robert Glasper Experiment, The Isley Brothers, Laura Mvula e molti altri per 100 eventi in 10 differenti teatri e club

04/09/2011

Cassandra Wilson a Genova per "Just like a woman": "Cassandra Wilson interviene con parsimonia in un contesto ritmico e melodico già molto ricco e definito, inglobando la sua voce calda e sinuosa al suono complessivo del gruppo. " (Gianni MOntano)

21/07/2008

Speciale da Umbria Jazz 2008: «Continuità, stabilizzazione della struttura, mantenimento dei rapporti internazionali», sono questi gli imperativi su cui Regione dell'Umbria, Comune di Perugia e Umbria Jazz si impegneranno, sin dalla prossima edizione, per assicurare al Festival il giusto e sicuro futuro. (a cura di Marcello Migliosi)

11/01/2007

Gallery dal London Jazz Festival di Thomas Van Der Aa e Nadia Guida.

01/09/2005

Cassandra Wilson e Terence Blanchard a Umbria Jazz 2005: "Fra i concerti più attesi dell'intera rassegna perugina, è stato anche quello più provato dal maltempo ..." (Antonio Terzo)





Video:
Cassandra Wilson - 'Round Midnight
Cassandra Wilson - 'Round Midnight...
inserito il 04/11/2007  da chamesrichalds - visualizzazioni: 2797


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 4.687 volte
Data pubblicazione: 30/06/2006

Bookmark and Share


Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti