Jazzitalia - Recensioni - Mauro Massari: Tobacco
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

La nota pianista, compositrice, didatta Geri Allen, è scomparsa. Era stata in tour a maggio in Italia in duo con Enrico Rava.

XV edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival: Dallo swing "da ballare" alle note mediterranee dei Radicanto con la inconfondibile voce di Raiz, fino al giovane e vigoroso large ensemble della Conturband.

BargajazzFestival 2017 – in cammino... Un anno di pausa per il concorso e spazio ad un festival incentrarto su produzioni originali e di ricerca..

Un omaggio all'American Songbook, "Cinema & Jazz" a cura di Alceste Ayroldi, il pianista americano Marc Copland per il Roero Music Fest 2017.

E' il pianoforte il fil rouge che caratterizza la VII edizione di Poliorama che, per questa edizione, si interseca con la kermesse di musica classica "Bianco e Nero".

Todd Barkan, Pat Metheny, Diane Reeves e Joanne Brackeen riceveranno il prestigioso National Endowment For The Arts 2018 Jazz Masters.

Premio Massimo Urbani, il salernitano Federico Milone vince la XXI edizione, un'edizione di "grande tenacia e forza di volontà".

Per il Festival Special Guest al Teatro Eliseo di Roma un raffinato repertorio di standard jazz e brani originali, composti e arrangiati da Vince Mendoza che dirigerà la Saint Louis Big Band.

XIV edizione della rassegna Gezmataz: concerti internazionali, workshop di musica d'insieme e di fotografia di scena si susseguono in quattro giorni dedicati al jazz e alle sue espressioni.

Nasce il Como Lake Jazz Club, volto a promuovere attività culturali ed iniziative nel campo della musica jazz. .

Musicarts Felix. Cinque appuntamenti dove Musica, Cinema, Pittura e Teatro si fondono per creare arte. .

Altro grande lutto nella musica: scompare il contrabbassista Rino Zurzolo.

Sono i Bija i vincitori della VI Edizione del Multiculturita Black Music Contest.

Allan Holdsworth non c'è più! Scompare a 70 anni uno dei più grandi chitarristi di sempre..

Quattro workshop – attività laboratoriali per giovani under 35 nell'ambito de "Il Jazz, il Blues e l'altro" ammesso al finanziamento per il bando Siae "Sillumina" .

Summer Camp 2017 di musica pop, rock e jazz organizzato dalla scuola di musica CEMM dal 4 al 9 luglio. Il programma di Basso a cura di Michelangelo Flammia.

E' venuto a mancare improvvisamente, la notte del 4 aprile 2017, il bassista e contrabbassista romano Pino Sallusti.

Unica data pugliese per la polistrumentista e compositrice brasiliana Christianne Neves di scena presso il The Empty Space di Molfetta

Approvato nel quadro del programma formativo Erasmus Plus il progetto "Using ICT in Music Education" al fine per sprigionare le potenzialità musicali della nuova generazione europea.

I SAT&B, storico ensemble vocale diretto da Maria Grazia Fontana, insieme al Coro CantAutore per la rassegna Special Guest al Teatro Eliseo di Roma

Aperte le iscrizioni per la IIa edizione del Premio Lelio Luttazzi, rivolto ai Giovani Pianisti Jazz e Cantautori di età compresa tra i 18 e i 30 anni, .

Il Saint Louis, Istituzione di Alta Formazione Artistica Musicale autorizzata dal Miur a rilasciare titoli accademici di I e II livello, apre le iscrizioni al prossimo anno accademico 2016/2017.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            AMELIA SMOOTH JAZZ (gruppo)
            BOTTALICO Roberto (sax)
            CHIOZZI Alberto (batteria)
            DELTA TRIO (gruppo)
            DESIDERI Fabrizio (sax e clarinetto)
            DI IENNO Gianluca (piano)
            GIOLLI Marco (batteria)
            MATTIONI Luca (percussioni)
            MINI Elisa (voce)
            MOON WALKER JAZZ BAND (gruppo)
            PAVIGNANO Daniele (batteria e percussioni)
            PELLITTERI Marcello (batteria)
            PIRAINO Alessandro (chitarra)
            SALVADORI Mattia (tromba)
            SILVESTRI Vittorio (chitarra)
            ZORZI Riccardo (batteria)

Mauro Massari
Tobacco

Secop edizioni
Euro 10,00

Sembra anacronistico, nell'epoca dei social network, del web 2.0, 3.0 e così dicendo, sfornare un libro (di carta) e, per giunta, di poesie. E, ancor più, se a ordire tutto ciò è un giovane cantautore che tiene insieme il blues con il folk, non disdegnando inconsapevoli incursioni jazz.

Le poesie di Mauro Massari sono schiette e fresche come lo è il blues: non la manda a dire, ma dichiara tutto con una lucidità veemente e una penna fumante come una colt che ha appena sparato.

Chi si aspetta liriche rimate, potrebbe rimanere deluso; ma chi si vuole imbattere nelle quotidianità, nella robusta filosofia di vita del ventisettenne autore, rimarrà travolto da parole che tagliano l'aria a fette, da temi che sembrano alabarde e da un'innata musicalità: urlata. Urlata come solo i grandi autori della Black Literature hanno saputo fare, urlata à la Albert Ayler. Una poesia peccaminosa che farebbe saltar giù dalla sedia Charles Bukowski; sanguinolenta come ne Le parole sono importanti; autobiografica (forse) come in Non chiamarmi musicista. Irosa, ironica, astratta tanto da sembrare uscita dalle foto di Man Ray o da un film di René Clair (Non si accettano manoscritti di seconda mano). Il tutto con una spontanea vis narrativa, una capacità di far vivere la parola facendola muovere come un acrobata: sospesa a un filo.

Il libro, dal packaging agile e allettante, è suddiviso in due parti: quella da leone la fanno le poesie, poi vi sono alcune ballate – sempre a firma di Mauro Massari – la cui musicalità non si discute.

Burrascoso? Può darsi: dipende dai punti di vista. Io vedo, leggo e sento, qui una prosa mai forzata, sempre verace e immediata, che appartiene al gergo più giovane e di questa generazione ne canta sì le inquietudini, ma anche tutti gli aspetti positivi e propositivi che, fin troppo spesso, gli anagraficamente apparentati ad altri semi e stirpi sottovalutano: fors'anche per invidia.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia












Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 739 volte
Data pubblicazione: 16/04/2017

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti