Jazzitalia - Recensioni - Mauro Massari: Tobacco
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Lunedì 23 ottobre al via la stagione dei concerti al Modo di Salerno con Alain Caron, il virtuoso del basso elettrico a sei corde .

Lucca Jazz Donna. Tutto pronto per la XIII edizione. Ospite clou il 22 ottobre, Amii Stewart.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Il Saint Louis, Istituzione di Alta Formazione Artistica Musicale autorizzata dal Miur a rilasciare titoli accademici di I e II livello, apre le iscrizioni al prossimo anno accademico 2016/2017.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            AMELIA SMOOTH JAZZ (gruppo)
            AUTINO Adriano (chitarra)
            CAIAZZA Igor (perccussioni)
            CIMINO Lorenzo (tromba)
            DI IENNO Gianluca (piano)
            ESPOSITO Sergio (chitarra)
            GIOLLI Marco (batteria)
            MINI Elisa (voce)
            MOON WALKER JAZZ BAND (gruppo)
            PELLITTERI Marcello (batteria)
            PIRAINO Alessandro (chitarra)
            RONCA Marco (piano)
            SCARAMELLA Giulio (piano)
            SILVESTRI Vittorio (chitarra)
            VENTUROLI Danilo R. (piano)
            VIGNALI Michele (sax)

Mauro Massari
Tobacco

Secop edizioni
Euro 10,00

Sembra anacronistico, nell'epoca dei social network, del web 2.0, 3.0 e così dicendo, sfornare un libro (di carta) e, per giunta, di poesie. E, ancor più, se a ordire tutto ciò è un giovane cantautore che tiene insieme il blues con il folk, non disdegnando inconsapevoli incursioni jazz.

Le poesie di Mauro Massari sono schiette e fresche come lo è il blues: non la manda a dire, ma dichiara tutto con una lucidità veemente e una penna fumante come una colt che ha appena sparato.

Chi si aspetta liriche rimate, potrebbe rimanere deluso; ma chi si vuole imbattere nelle quotidianità, nella robusta filosofia di vita del ventisettenne autore, rimarrà travolto da parole che tagliano l'aria a fette, da temi che sembrano alabarde e da un'innata musicalità: urlata. Urlata come solo i grandi autori della Black Literature hanno saputo fare, urlata à la Albert Ayler. Una poesia peccaminosa che farebbe saltar giù dalla sedia Charles Bukowski; sanguinolenta come ne Le parole sono importanti; autobiografica (forse) come in Non chiamarmi musicista. Irosa, ironica, astratta tanto da sembrare uscita dalle foto di Man Ray o da un film di René Clair (Non si accettano manoscritti di seconda mano). Il tutto con una spontanea vis narrativa, una capacità di far vivere la parola facendola muovere come un acrobata: sospesa a un filo.

Il libro, dal packaging agile e allettante, è suddiviso in due parti: quella da leone la fanno le poesie, poi vi sono alcune ballate – sempre a firma di Mauro Massari – la cui musicalità non si discute.

Burrascoso? Può darsi: dipende dai punti di vista. Io vedo, leggo e sento, qui una prosa mai forzata, sempre verace e immediata, che appartiene al gergo più giovane e di questa generazione ne canta sì le inquietudini, ma anche tutti gli aspetti positivi e propositivi che, fin troppo spesso, gli anagraficamente apparentati ad altri semi e stirpi sottovalutano: fors'anche per invidia.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia












Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 891 volte
Data pubblicazione: 16/04/2017

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti