Jazzitalia - Brian Groder and The Sam Rivers Trio: Torque
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Latham Records 2006
Brian Groder and The Sam Rivers Trio
Torque


1. Spellcast (Groder) 2:15
2. Betwixt (Groder) 3:35
3. Diverging Orbits (Groder) 6:40
4. Behind The Shadows Part 1 (Groder/Rivers) 1:46
5. Behind The Shadows Part 2 (Groder) 1:36
6. Iota (Groder) 3:31
7. Cross-Eyed (Groder/Rivers/Mathews/Cole) 4:25
8. Involution (Groder/Brackeen) 6:18
9. Camouflage (Groder/Rivers) 2:48
10. Oculus (Groder) 4:44
11. Jingo (Groder) 4:28
12. Tragic Magic (Groder/Rivers) 2:26
13. Fulcrum (Groder/Rivers/Mathews/Cole) 4:06
14. Water Prayer 2:43

Brian Groder - trumpet & flugelhorn
Sam Rivers - flute & saxophones
Doug Mathews - double-bass
Anthony Cole - drums





Stella emergente del panorama statunitense, con Torque, il trombettista Brian Groder concepisce un lavoro ambizioso, che possa definitivamente consacrarlo. E per riuscirvi non sceglie la via più naturale e scontata, registrando con il suo Ensemble, ma si affida addirittura al trio dell'ottantenne mostro sacro Sam Rivers, con Anthony Cole alla batteria e Doug Mathews al contrabbasso. Scelta affascinante e rischiosa al contempo, in quanto denota la volontà di Groder di mettersi del tutto in gioco: non soltanto per il confronto diretto con la storia, l'autorevolezza e l'esperienza di Rivers, ma in particolare perché il Sam Rivers Trio è una formazione concepita intorno al suo leader, ben affiatata, che suona insieme da quindici anni.

Tali considerazioni preliminari di certo non saranno sfuggite allo stesso Groder e probabilmente servono a giustificare il progetto di Torque. Torque significa torsione e, pertanto, rende bene il senso di questa collaborazione e registrazione, caratterizzata da una complessa, sofisticata e raffinata improvvisazione, condotta in pieno stile freejazz. Ecco, dunque, come si spiega la collaborazione con Rivers e il suo trio, che rappresenta quasi un marchio di garanzia in fatto di free. Sono, infatti, vere e proprie torsioni quelle che tromba o flicorno e sax o flauto intrecciano, soprattutto in brani dove Groder e Rivers duettano senza accompagnamento ritmico, come in Behind the Shadow Part 1 e 2, Camouflage e Tragic Magic.

Ogni brano è, tuttavia, una breve istantanea free, che non si allunga mai troppo al di là dei quattro minuti, con l'unica eccezione di Involution, l'unico pezzo in cui infatti si riconosce una struttura più canonica, con un tema ben definito. Un vero e proprio gioiello è Water Prayer, in conclusione: a dispetto di non pochi momenti d'infuocato freejazz e di una tensione tenuta sempre accesa, Torque sembra davvero lentamente spegnersi nelle acque quiete e pacifiche di questo brano. Un rullio dei piatti ne decreta la fine così come aveva segnato l'incipit del brano d'apertura Spellcast: poco più che un dettaglio, che può però ben rappresentare un lavoro estremamente pensato, in ogni particolare.

Torque è un cd di freejazz, in continuità rispetto alla sua migliore tradizione, che tuttavia la sensibilità di Groder riesce a traghettare dentro l'attuale panorama jazzistico; ovviamente, trent'anni fa come oggi, il free richiede un ascolto non distratto per riuscire a svelare i preziosi segreti delle sue torsioni.
Dario Gentili per Jazzitalia







Articoli correlati:
30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

05/01/2007

JAZZin': a photografic story by Luca Buti

07/12/2006

Black Stars (Jason Moran)

10/07/2006

La gallery di Ziga Koritnik dal Vision Festival 2006 di Huston

23/07/2005

Terniinjazz #5: impressioni...(non solo) fotografiche. Mostra improvvisata, ossia come recuperare una gaffe... (Patrizio Gianquintieri)

08/07/2005

Jazz folk e free jazz: I Tangheri featuring Marc Ribot, i WARM con Workman, akLaff, Rivers, Mitchell: "...Anche in questo caso la serata mette insieme due situazioni musicali "antipodiche", una prima leggera ed alla portata di tutte le orecchie, la seconda, invece, più inoltrata fra le pieghe delle enciclopedie storiche del jazz..." (Antonio Terzo)

07/12/2003

Anthony Braxton e Sam Rivers per il Roma Jazz Festival: "Il pubblico romano ha tributato una calorosa accoglienza a un concerto che si può definire tranquillamente un evento e certo un'occasione da non perdere..." (Dario Gentili)

26/11/2003

Sam Rivers per Aperitivo in Concerto: "...la maestria ed il grande senso musicale dei quattro ha saputo essere un valido collante consentendo al pubblico di poter godere dell'unità di intenti che accomuna le più variegate espressioni musicali: la comunicatività tra autore/esecutore e pubblico." (Paolo Treffiletti)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 2.280 volte
Data pubblicazione: 21/10/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti