Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

http://www.slamproductions.net
Recorded at the Mascherona Studio In Genova, Italy, October 24 – 25, 2005.
Stefano Pastor Quartet
Transmutations


1. Bird Food (O.Coleman) 5:46
2. Seul B. (S. Pastor) 6:22
3. Nel Blu Dipinto di Blues (S. Pastor) 5:31
4. Don Juan (S. Pastor) 8:14
5. Quarenta (S. Pastor) 5.18
6. Crescent (J. Coltrane) 9:34
7. Dimorfismo (S. Pastor) 6:17
8. I Fall in Love Too Easily (J. Styne – S. Cahn) 6:35
9. Vucciria (S. Pastor) 6:05
10. Esquecendo Voce (A.C. Jobim) 2:33

Stefano Pastor - violin, percussions (5), vocals (10)
Stefano Calcagno - trombone
Piero Leveratto - double-bass
Maurizio Borgia - drums


Ennesima conferma di una scena musicale con una progettualità forte a tutti i livelli, "Transmutations" di Stefano Pastor – che si presenta con una bella immagine di copertina, anticonvenzionale come il contenuto – è un disco che ha un orizzonte culturale preciso, una salda enciclopedia e tante energie spese bene.



La prima informazione che dobbiamo al lettore riguarda il Pastor musicista: il suo strumento è il violino, e questo fatto basterebbe a determinare per statuto una certa lateralità di discorso, se è vero che – citando l'ottimo Carles-Clergeat-Comolli – "la storia del violino nel jazz è contorta, contraddittoria". Come accade, allora, che Pastor si ritrovi al centro delle cose, a esplorare il nucleo stesso del jazz di ricerca, da Ornette Coleman a John Coltrane? Credo che la risposta sia data da una capacità di estendere il dominio timbrico del violino stesso, che diventa strumento mutante, piegato alle esigenze del musicista e pronto a interagire con l'ensemble ora per contrasto (con il contrabbasso di Leveratto) ora per affinità (con il trombone di Stefano Calcagno), invertendo come si vede le possibilità di orchestrazione più "ragionevoli".

Ne viene fuori un disco importante, in cui le composizioni originali impressionano non soltanto, come in tanto jazz contemporaneo, per la "distribuzione" degli spazi, ma proprio per la scrittura tematica: "Don Juan" lavora sulla tradizione della musica colta occidentale, "Quarenta" su quella popolare sudamericana, mentre "Dimorfismo" e "Vucciria" sono agglomerati di cellule differenti, oscillanti fra sintassi e paratassi in un disegno di grande perizia.

Difficile indicare un climax di "Transmutations": certo, l'esecuzione di "Crescent", che rispetto al modello si va a situare fra la più breve master take e la più estesa alternate take (quella con il duetto Coltrane-Jones), è una notevole, ambiziosa prova del trio Pastor-Leveratto-Borgia.

Ci sono tanti buoni motivi per mettere "Transmutations" di Stefano Pastor nel lettore cd; personalmente, ormai ci finisce dentro così spesso che i motivi li ho dimenticati.
Luca Bandirali per Jazzitalia







Articoli correlati:
26/01/2014

The Complete Remastered Recordings on Dischi della Quercia (Giorgio Gaslini)- Marco Losavio

17/02/2013

Narcète (Dagnino - Haslam - Pastor - Waterman)- Gianni Montano

01/05/2012

Per Kelli Fini Que Ki Contene (Andrea Rossi Andrea Ground Plane Antenna)- Andrea Gaggero

27/09/2011

Novo (Giampaolo Casati Trio) - Cinzia Guidetti

03/07/2011

North South Dial (Stefano Pastor - Ari Poutiainen)- Gianni Montano

26/02/2011

A Cuàntas Paradas De Aqui’? (Andrea Rossi Andrea Ground Plane Antenna)- Gianni Montano

24/12/2010

Freedom - Bows (Stefano Pastor)- Gianni B. Montano

01/02/2010

Live at Tortona (Borah Bergman-Stefano Pastor)- Gianni B. Montano

05/09/2009

Chants (Stefano Pastor) - Marco Buttafuoco

07/04/2009

Baudrillard Est Mort (Andrea Rossi Andrea Ground Plane Antenna )

15/03/2009

Concert For Mirella (Bill Smith & Gianmarco Lanza)

16/03/2008

Uncrying Sky (Stefano Pastor)

04/02/2007

Catanzaro Jazz fest 2006: "Si inizia con Adam Kolker accanto al celebre John Abercrombie, Dick Oatts assieme al nostrano Pietro Condorelli. L'ultima serata è invece dedicata proprio al pianoforte, ed è proprio una bella dedica: ad esibirsi è il trio di Jean Michel Pilc..." (Andrea Caliò)

04/02/2006

Note a margine, intervista parallela a quattro contrabbassisti: Pietro Leveratto, Paolino Dalla Porta, Ferruccio Spinetti, John Patitucci (Antonio Terzo)

19/07/2005

Una Notte in Italia (Stefano Pastor)

10/06/2005

Intimate Conversation (Marilena Paradisi - Piero Leveratto)

28/06/2004

Un po' come...noi (Dino Massa)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.471 volte
Data pubblicazione: 02/06/2006

Bookmark and Share


Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti