Jazzitalia - Soni Sfardati: Tri Soni
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

​Rosetta Jazz Club, il primo jazz club a Matera, ospita la Masterclass e il concerto di John Patitucci per un evento unico. .

Chiusura del Multiculturita Summer Fest con uno dei più raffinati autori e compositori italiani: Bungaro e il suo Maredentro.

Stresa Festival: Dan Tepfer e il suo progetto, commissionato dal festival, ispirato a Stravinskij: Pulcinella Revisited. .

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019con grandi protagonisti del Jazz.

Apre a Matera, nella splendida cornice dei sassi, il Rosetta Jazz Club con la grande energia del sassofonista americano Jerry Weldon.

Otto concerti internazionali gratuiti nello splendido scenario della piazza Cattedrale sotto il tema "La fisarmonica nel jazz" per la diciannovesima edizione del Beat Onto Jazz Festival..

Riflettori accesi sul Montreux Jazz Festival: un programma da capogiro che coinvolge anche le altre due sedi, un programma vario, variopinto che tiene a mente solo una cosa, la buona musica..

Tutto pronto a Londra per l'edizione 2019 del magnifico British Summer Time nello straordinario scenario di Hyde Park con Celine Dion, Lionel Richie & Stevie Wonder, Barbra Stresand, Brian Ferry.

Bari in Jazz: Caetano Veloso, Francesco De Gregori, Paolo Fresu, Andrea Motis, Michel Godard, Redi Hasa, Aziza Brahim, Daniele di Bonaventura, Daniele Sepe, Amaro Freitas, Lucia Carvalho e molti altri per uno degli eventi più attesi dell'estate pugliese .

XI edizione del CEMM Summer Camp aperto a tutti i musicisti professionisti e amatori, iscritti a scuole di musica, istituti musicali e Conservatori all'interno delle prestigiose Fattorie di Celli.

Serata finale del Concorso il Jazz ed i Colori della Musica ad Avellino con Paolo Fresu, Ada Montellanico, Franco Caroni, Alceste Ayroldi, Danilo Rea, Maria Pia De Vito, Pietro Condorelli.

Al via la terza edizione del Festival "Gianicolo in Musica 2019", anche quest'anno la collaborazione con il Saint Louis College of Music e direzione artistica affidata a Roberto Gatto.

Saranno gli Yellowjackets, la più longeva e creativa fusion band della storia ad aprire la 1^ Edizione del JAZZ in Masseria Celentano.

Samba De Roda, Corso on Line di batteria ideato da Alessandro D'Aloia, per studenti di livello intermediario - avanzato..

GaiaJazz VII Edizione. Con la direzione artistica di Antonio Farao', 4 appuntamenti di altissimo valore artistico .

BariJazz: il 22 luglio annunciato a Fasano Caetano Veloso, ultima data del tour italiano.

Cinquant'anni di ECM, al Teatro la Fenice un evento speciale con i tre concerti di Anouar Brahem, Egberto Gismonti, Enrico Rava. .

Il leggendario chitarrista Kenny Burrel in gravi difficoltà di salute e finanziare. Lettera della moglie per poterlo aiutare!.

Ecco la segnalazione di tutti i pezzi mancati dalla prestigiosa Collezione Attilio Berni a seguito del furto subito lo scorso 20 aprile 2019. Diamo un contributo al ritrovamento..

Marsicovetere Jazz Contest 2019 - ad agosto il contest riservato a giovani musicisti italiani, gruppi e solisti, di età inferiore a 35 anni.

Furto di Sax alla collezione privata del Maestro Berni. Trafugato anche un Selmer appartenuto a Sonny Rollins.

Ravenna Jazz 2019. Il festival ravennate raggiunge la 46ma edizione, caratterizzata da una programmazione ad ampio raggio: ben dieci giorni di musica con concerti diffusi su tutto il territorio cittadino..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry..

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Lorenzo Vitolo, pianista jazz, vince il prestigioso concorso per solisti Leiden Jazz Award 2019.

"La batteria jazz, strumento per...tamburi e griot", libro a cura di Enzo Lanzo con 21 assoli di batteristi jazz che hanno rivoluzionato il jazz drumming.

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PILATO Frank (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Soni Sfardati
Tri Soni



Improvvisatore Involontario (2011)

1. Beneamata improsatura
2. Musciaccà (Quinci)
3. Culur'i vitru
4. Tri soni
5. Scerra
6. A pittara
7. Assettiti
8. U cantu da lupa (Cassia)
9. Suli

Tutte le composizioni sono di Enrico Cassia e Antonio Quinci tranne quelle indicate.

Enrico Cassia - Chitarra elettrica, chitarra acustica
Antonio Quinci - batteria, percussioni


Ancora un disco del catalogo “Improvvisatore involontario”, un'etichetta sicuramente coraggiosa nelle scelte di fondo,  che ci fa conoscere Enrico Cassia e Antonio Quinci, entrambi siciliani, impegnati in un duo abbastanza anomalo: chitarra più batteria. Lascia un po' perplessi, innanzitutto,  l'opzione, quasi ostentata, di incidere il cd su due piani distinti con la sola comunicazione attraverso le cuffie. Ognuno decide di lavorare secondo le sue esigenze e le sue convinzioni. Non è detto che registrare fianco a fianco avrebbe prodotto un'altra musica, resa “impura” dall' ”inquinamento”di sguardi o cenni d'intesa, sempre possibili quando si suona in uno stesso ambiente. Poi viene portato avanti come garanzia di qualità il fatto che non si sia proceduto a nessun editing. Anche qui, la tecnologia esiste. Chi vuole usarla è padronissimo. Chi decide di non servirsene non deve per forza guadagnare considerazione, in base ad un atteggiamento più ecologico, meno sofisticato nei confronti della realizzazione artistica. Quello che conta, dopo le premesse sul metodo di lavoro, come sempre, è, comunque,  quello che è racchiuso in questi trentun minuti di musica.

In effetti si ascolta una musica piena di spunti diversi e di riferimenti, ma con una cifra stilistica abbastanza originale. Indubbiamente Cassia e Quinci sanno il fatto loro. Il chitarrista privilegia lo strumento elettrico, rivelando un fraseggio pesante e duro, in certe tracce, oppure si abbandona a sonorità più vicine alla wave rock della west coast californiana (Grateful dead, Jefferson Airplane, tanto per intenderci). Quando passa all'acustico, come in “U cantu da lupa”, si raggiungono i momenti migliori dell'intero disco, perché lo sfilacciamento (la sfardatura) parte da melodie e arpeggi con una loro personalità locale e al tempo stesso universale, fino a costruire un qualcosa di unico all'interno dello stesso progetto.

Quinci è un percussionista sensibile e curioso. Trova modo di colpire, con effetti musicali sorprendenti, strumenti propri e oggetti impropri, evidenziando una considerevole abilità nell'anticipare o posticipare l'eloquio del partner.

Ed è proprio la complicità fra i due musicisti il punto di forza dell'incisione, unita ad un atteggiamento “ruspante”, “domestico” o “regionale” nei confronti di una musica composta e/o improvvisata, apparentemente lontana dalle atmosfere dell'isola, dalle sue tradizioni. Invece tutti i titoli sono in dialetto (non è un caso, né uno sfizio inutile)  e certe sonorità, ad una analisi più attenta, risentono delle radici etniche dei due protagonisti. Non siamo, però, in ambito world music, né etno-jazz, sia ben chiaro.  Siamo più prossimi ad un hard rock jazzato,  ad un jazz elettrico piuttosto violento, se possono servire le definizioni, con qualche venatura (più di una) mediterranea.

Insomma, pur con qualche perplessità sulla filosofia dell'incisione e dell'improvvisazione  si deve rimarcare l'onestà intellettuale dei due musicisti, la loro grande complicità e la capacità di dialogare su una certa gamma di sollecitazioni, di input contrastanti, per dar vita ad un suono ben caratterizzato e a undici tracce di un certo spessore. C'è della sostanza, in fin dei conti, nei “Soni sfardati”....

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
03/01/2016

Fair is Foul and Foul is Fair (Costanza Alegiani)- Niccolò Lucarelli

13/12/2015

Sphere (Try Trio)- Niccolò Lucarelli

11/10/2015

Love (Francesco Cusa & The Assassins)- Antonella Chionna

10/05/2015

Laut (Gaia Mattiuzzi)- Laura Scoteroni

16/11/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Francesco Cusa, Improvvisatore Involontario: "Il jazz è musica di sincretismi, senza una dialettica costante finisce per cristallizzarsi in schematismi e idiomi surreali..." (Alceste Ayroldi)

06/07/2014

The Sleepwalker (Massimo Spano Rural Electrification Orchestra)- Gianni Montano

28/04/2014

Emoticons (Simone Sassu)- Gianni Montano

15/04/2014

Open Letter To Mingus (Matteo Marangiu)- Gianni Montano

06/04/2014

Flowers In The Garbage (Francesco Cusa 'Vocal Naked Musicians')- Gianni Montano

02/03/2014

Tree Forms (Forthcoming Trio)- Nina Molica Franco

09/06/2013

R.A.V. (Giorgio Distante)- Gianni Montano

05/02/2012

Ragh Potato (Heimweh)- Gianni Montano

05/02/2012

Mansarda (Mansarda)- Gianni Montano







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.434 volte
Data pubblicazione: 04/02/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti