Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Il manifesto - maggio 2003

Maria Pia De Vito & Patrice Heral
Tumulti

MARIA PIA DE VITO - voce, effetti
PATRICE HERAL -
batteria, percussioni
ERNST REIJSEGER -
cello
PAUL URBANEK -
piano, electronics

IL MANIFESTO CD – PROMOZIONE E UFFICIO STAMPA:
CLAUDIA FELICI, FABIO TIRIEMMI
Tel. 06/5012073
Fax 06/5011770
pressoff@bigtimeweb.it
promozione@bigtimeweb.it

TUMULTI è un lavoro di sperimentazione sulla composizione. L'improvvisazione, composizione istantanea, è chiaramente la spina dorsale del concept di questo lavoro: Improvvisazione come matrice di una nuova forma, l'impalcatura di una ri-composizione dei suoi elementi, di una reinvenzione della sua struttura, a livello formale, prospettico, armonico.

Gran parte della "matrice" delle ri-composizioni (come Zooubab de' Ouab, Michele, Forse no, Revolt) è il risultato di sessioni di improvvisazione del duo De Vito-Heral. La forma "estemporanea" diviene terreno di scrittura. Forme preesistenti vengono "aperte", frammentate, "scomposte" per poi riagglutinarsi (Verbo e Umore, Hallucinations, Coloured Shadow, The sixth nonsense); ricondotte al grido essenziale, alla forma nuda (joga). O infine la forma è dettata da un unico "flusso di coscienza", (Watery dreams) dai suoi mutamenti ed i suoi necessari tumulti.
Maria Pia De Vito



Quello tra Maria Pia De Vito e Patrice Heral è l'incontro tra due improvvisatori che hanno come fulcro della propria ricerca artistica la voce ed il ritmo.

Maria Pia De Vito ha posto da anni al centro del suo percorso musicale il lavoro sul suono e sull'utilizzo della voce dentro e fuori la cornice della forma–canzone, e sull'improvvisazione, dentro e fuori la cornice del jazz di matrice afro-americana. La voce come portatrice di senso, di storie e di parola, ma anche come medium per una comunicazione emotiva che dalla parola si affranca. La voce che si affranca dal suo ruolo naturale di strumento solista e melodico, diventando sostrato ritmico, grazie allo studio di forme ritmiche provenienti da culture diverse ed all'utilizzo di un "phrase sampler" che consente la sovraincisione, la " moltiplicazione " della voce e del respiro in tempo reale.

La sua collaborazione con Patrice Heral è inziata nel 2001, con la sua partecipazione alla registrazione di "Nel respiro" l'ultimo lavoro discografico della De Vito, insieme a Ralph Towner, John Taylor, Steve Swallow e ha trovato uno sbocco naturale nella registrazione di un cd che per le edizioni de "Il Manifesto", registrato a Montpellier nello scorso novembre con, ospiti, l'ironia del violoncellista olandese Ernst Reijseger e il visionario contributo del "riverse composing" di Paul Urbanek.

PATRICE HERAL, batterista, percussionista-cantante di grande inventiva ed originalità, una duttilità e sensibilità che gli consentono di passare da atmosfere rarefatte e liriche a momenti di grandissimo impatto, sia nel drumming sia nell'utilizzo della voce, anch'esse moltiplicate tramite l'uso della tecnologia.

Il risultato di questo incontro così "naturale " ed istintivo tra i due musicisti è un dialogo incessante, fatto di canto dispiegato ed accelerazioni, di umorismo e rumorismo, di poesia e di furore, attraverso improvvisazioni estemporanee e composizioni originali "arrangiate" per un' orchestra vocale e percussiva composta – virtualmente - da un numero illimitato di elementi.


Il canto di Maria Pia De Vito è soffio, è grido, è respiro di tutto il corpo, è ornamento scriteriato della melodia, è curva dolcissima di una linea di suoni, è virtuosismo rumoristico. Il canto di Maria Pia De Vito procede da una rottura col canto canonico, ma si collega a un canone che è quello del canto jazz. Solo che il canto jazz è da sempre non-canonico, è da sempre il risultato di una rottura col canto canonico. Lo scat all'interno del canto jazz, poi! Ecco: lo scat piace a Maria Pia De Vito. Le piace prenderlo come impossibile tradizione, impossibile "scuola". Nello scambio di suoni con Patrice Heral queste propensioni di De Vito vengono esaltate. Lui conosce le chances offerte dalle percussioni: quelle di fare una musica che più facilmente si sottrae alle regole. E conosce l'arte di usare la propria voce nei modi avant-jazz (o avant-garde in generale, perché no?) in un disegno artistico centrato sulla vocalità. Operando da attore e da co-regista in un attraente film.

Da qualche tempo Maria Pia De Vito cede a certi suoi impulsi sovversivi. Non si può dire quanto sia piacevole questo suo abbandonarsi. E avventurarsi. Che il nuovo album si chiami Tumulti, che uno dei brani si chiami Revolt, dice molte cose sul clima nel quale la vocalista elabora i suoi progetti artistici, trovando un partner disponibile come Heral. Si può pensare tanto ai tumulti di piazza e alle rivolte sociali quanto ai tumulti dell'anima e alle rivolte dei sentimenti nel più privato dei conflitti. Sovversione, comunque. In termini musicali vuol dire che Maria Pia De Vito disperde l'eredità folk e ballad e teatro naturalistico in mille frammenti di suono che appaiono come fantasmi nel flusso di suoni disancorati e proiettati verso la crisi vitale della forma, crisi goduta persino sensualmente.

A proposito di sensualità. Come Cathy Berberian, come Jeanne Lee, in modo persino più scoperto, Maria Pia De Vito fa sentire nel suo canto una coincidenza davvero esaltante tra le fughe mentali e le soavi avventure carnali. Dal punto di vista sonoro non c'è stacco tra questi due momenti, c'è un medesimo sapore, al massimo una sorta di modulazione. Giravolte astratte della voce e il timbro caldo, la pronuncia irriverente: così un'idea di sensualità viene affermata nel modo meno banale e più reale.

Con un compagno di strada come Patrice Heral e con Ernst Reijseger e Paul Urbanek, ospiti importanti e a loro volta "progettisti", Maria Pia De Vito punta tutto sull'improvvisazione. Una pratica della musica che le è familiare, che rivela la sua poetica in Nauplia come in Phoné, in A nulla come Nel respiro. Ma in questo nuovo cd c'è di più: l'improvvisazione si estende e soprattutto diventa filosofia musicale dalla prima nota all'ultima, senza che ci sia bisogno di ricavarla da contesti compositi. "Sotto il segno dell'improvvisazione" non significa qui, soltanto, un gran numero di sequenze sonore estranee alla scrittura: significa un modo di intendere la scrittura stessa come improvvisazione, cioè come un atto dove si gioca l'istante e non la durata, l'essere nell'oggi e non la mediazione tra passato, presente e futuro. Verbo e umore, per esempio, è una melodia tutta scritta, ma già prima dell'incredibile assolo di Ernst Reijseger (una sorpresa continua, una estremistica emotività, un'innovazione sconvolgente nella costruzione di un oggetto sonoro), già durante l'esposizione della melodia da parte di De Vito, il mood è quello di musica improvvisata.

Su questo punto, una piccola riflessione. Comporre musiche con la matita e il pentagramma e intitolarle Improvvisi o Impromptus come hanno fatto Schubert e Chopin, o Tre improvvisazioni come ha fatto più avanti nel tempo, nel 1957 per l'esattezza, Franco Donatoni, rendendo omaggio gli uni a un genere abbastanza in voga nell'800 e l'altro a opzioni che poi si sarebbero rivelate nel periodo "aleatorio" e in quello "ludico", è qualcosa di simile alle operazioni compiute in Tumulti da De Vito, Heral, Reijseger e Urbanek? Si parla di quelle parti dove si ha a che fare con melodie di base ben delineate (Verbo e umore, Revolt - che De Vito definisce, però, «una improvvisazione con il testo» -, Eklil e Jòga in sostanza) e di quelle parti dove il fattore compositivo è consistente e strutturale (gli interventi di Paul Urbanek in Michele e in Zoobab ‘de ouab, oltre ai suoi brani The sixth nonsense e Coloured shadow). La risposta alla domanda è no. Per un semplice motivo: l'esperienza dell'improvvisazione in Tumulti illumina la scena, dove anche la scrittura è presente, con una scioltezza, con un insinuarsi e insediarsi, che nel mondo della musica "accademica" sono alcunché di sconosciuto.

The sixth nonsense è, come dice De Vito, una «composizione sul ritmo» alla pari del diversissimo Eklil, l'unico retaggio mediterraneo, peraltro abilmente stravolto, con molta grazia e astuta gradualità, da una De Vito sovversivamente globale. Ma potrebbe essere il "manifesto" di Tumulti. Urbanek è addirittura diabolico nel pensare l'improvvisazione mentre dispone le sue note scritte. Il resto è Maria Pia De Vito che vola negli spazi free, è Heral che, sintetico e parco, ottiene grandi risultati free, è lo stesso Urbanek che compone/improvvisa al pianoforte (solista di vaglia) contrappunti, suggerimenti, episodi dialoganti free.

Soltanto il brano Forse no potrebbe contendere a The sixth nonsense il titolo di "manifesto" dell'album, o dividerlo con lui. Perché qui c'è il culmine della De Vito sventata e irrequieta e c'è un Reijseger swingante paradossale, nuovo Slim Gaillard, come lui surrealista e dadaista, come lui nelle sonorità tipo performance del jazz di mezzo. E tutto il brano è un elogio della dissoluzione e della dissolutezza. Michele è un prodigio di improvvisazione tematica su un non-tema. Su un'invocazione, cioè. Una teatralissima invocazione che sembra nascere nei vicoli e si trasforma, con altre voci che riprendono certe mirabili "lamentazioni" corali del primo Art Ensemble of Chicago, in un itinerario di libere associazioni.

Difficile trovare un album dove la coerenza di un'idea "radicale" della musica si associ, come in questo, con la caratterizzazione assai forte di ogni singolo brano. Niente classifiche, prego. Ma in qualunque rassegna di musica contemporanea o di jazz extra-routine si userebbe il vecchio termine "capolavoro" a proposito di Watery dreams. Voce sognante, voce orgasmica, voce mormorante, percussioni scabre e fantasiose, live electronics a dare al tutto un sapore di perdizione e di piacevole alterità. E il termine verrebbe replicato a proposito di Hallucinations, che simula una classicità post-bop ma esibisce una spettacolare «frammentazione della composizione» (di Bud Powell), come dice Maria Pia De Vito. Quanto a Jòga, l'autrice (cantautrice) ringrazia. Vero che gli apparati orchestrali di cui si avvale Bjork sono calibrati e raffinati, ma un Reijseger indisciplinato che commenta il suo canto se lo sogna, e si sogna una De Vito che le toglie ogni ombra di manierismo, con inaspettata linearità e fermezza dell'eloquio.

Mai come in questo lavoro Maria Pia De Vito ha cantato dentro un collettivo, strumento insieme agli strumenti, nessuno dei quali accompagna lei mentre lei li sollecita tutti e ne viene sollecitata. Anche questo vuol dire l'improvvisazione al primo posto. Eppure mai come in questo lavoro Maria Pia De Vito è stata una leader. Con l'autorevolezza di un canto da primadonna e di una proposta rivoluzionaria senza compromessi. Agisce nel miglior ensemble possibile. Patrice Heral (Montpellier, Francia, 1965), Ernst Reijseger (Bussum, Olanda, 1954), Paul Urbanek (Vienna, Austria, 1964) hanno biografie artistiche con poche dosi di eclettismo e molte di "radicalismo" non penitenziale. A leggerle bene, e ad ascoltare bene i loro suoni in Tumulti, si capisce che questi musicisti sono lontani dalle vecchie simmetrie e dai nuovi cliché populisti (world music variamente camuffata) che si diffondono da qualche tempo nel jazz e anche nella musica "colta". In sintonia con John Cage, attualissimo teorico, tengono alla libertà propria e dei suoni.
Mario Gamba







Articoli correlati:
16/02/2019

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019

26/08/2018

Moresche e altre invenzioni (Maria Pia De Vito & Burnogualà Large Vocal Ensemble)- Alceste Ayroldi

14/01/2018

I primi due giorni di Umbria Jazz Winter 2017/2018: "Per i suoi venticinque anni Umbria Jazz Winter si è voluta trattare bene: a Orvieto: un sacco di musicisti, molti dei quali "resident artist" che grazie a questo si sono esibiti in più concerti." (Aldo Gianolio)

22/10/2017

Una Striscia di Terra Feconda: "XX Edizione per il Festival Franco-Italiano di Jazz e Musiche Improvvisate ideato da Paolo Damiani, che ne cura la direzione artistica insieme ad Armand Meignan" (Vincenzo Fugaldi)

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

02/06/2014

Suoni dal carcere (Maria Pia De Vito, Silvia Bolognesi)- Alceste Ayroldi

16/06/2013

Live 2012 (Area International Popular Group)- Gianni Montano

31/12/2012

Intervista con Elisabetta Antonini: "Essere artista significa anche fare un certo tipo di vita, cercare un equilibrio, avere uno sguardo curioso verso il mondo..." (Vincenzo Fugaldi)

15/10/2012

If Not - Omaggio A Mario Schiano (Angelo Olivieri, Alipio C Neto, Doppio Trio Progetto Guzman)- Gianni Montano

12/11/2011

Serravalle Jazz 20011: "...una kermesse ricca e gratuita. Nel numero consistente di appuntamenti organizzati non tutti sono stati all'altezza delle aspettative, ma la rassegna ha fornito un quadro abbastanza diversificato su quanto "gira" attualmente nel jazz o nei suoi dintorni." (G. Montano, A. Gaggero)

18/09/2011

Intervista con Filomena Campus: "L'amore per il jazz c'e' sempre stato, ma la spinta fu l'incontro con Paolo Fresu e Maria Pia De Vito ai seminari jazz di Nuoro. Capii immediatamente che il jazz era la mia strada, e la mia vita cambiò radicalmente." (Alceste Ayroldi)

26/06/2011

European Jazz Expo 2011: Cinquanta concerti in quattro giorni, stand di case discografiche e case editrici del settore ma anche di specialità alimentari tipiche, un bellissimo allestimento destinato ai bambini con percorsi didattici sulla musica e soprattutto circa 200 artisti in gioco per una kermesse che ha saputo spaziare tra Jazz, ma anche world music, e non solo, dando vita ad un'intensa manifestazione che ha illuminato di festa e cultura il Parco di Monte Claro.(D. Floris, D. Crevena)

24/12/2010

Ethos (Quartetto Alborada) - Alceste Ayroldi

06/06/2010

Terza edizione del Reggio Calabria Top Jazz Festival: "...il concerto memorabile è stato quello del quartetto "Tinissima", una delle opere più importanti del jazz europeo degli ultimi anni, e nella dimensione live raggiunge una compiutezza che la già notevole registrazione in studio faceva solo intuire. A supporto della musica, una serie di struggenti fotografie di Tina Modotti proiettate a cura di Antonio Vanni." (Vincenzo Fugaldi)

13/09/2009

Lunaria (Luca Aquino) - Alceste Ayroldi

16/08/2009

Piazza Jazz 2009 a Piazza Armerina, una realtà dove "cuore e passione sono il motore primo, e tutto il resto viene dopo...sotto la direzione artistica di Giovanni Mazzarino, Piazza Jazz per tre giorni ha fatto risuonare di musica e cultura la città dei mosaici, grazie pure a protagonisti di rilievo internazionale." (Antonio Terzo)

16/08/2009

Il Multiculturita Summer Jazz Festival giunto quest'anno alla VII edizione, ha offerto ben sette eventi - di cui quattro del tutto gratuiti - affidando l'epilogo alle mani sapienti di un "guru" della musica a 360 gradi come Arturo Sandoval: "La sua unicità rimarrà nella storia di questo bel festival come pochi altri musicisti hanno saputo fare. Quando un concerto come questo termina e il silenzio torna li' dov'era un paio d'ore prima, ci si rende conto di aver assistito ad un evento che non si dimenticherà." (Marco Losavio)

04/07/2009

Reggio Top Jazz Festival, Seconda Edizione: "Nell'accogliente Teatro Cilea della città sullo Stretto, si sono alternati otto fra i vincitori della competizione, e due ospiti stranieri." (Vincenzo Fugaldi)

13/04/2009

Ethos (Quartetto Alborada)

05/10/2008

A Sagliano Cavour (LE) il Locomotive jazz festival 2008. In questa terza edizione, sotto la direzione artistica di Raffaele Casarano, Sheila Jordan con Billy Drummond, Roberto Cipelli, Attilio Zanchi e Alborada quartet; Franco Califano, Cuncordu e Tenore De Orosei, Nguyen Le; e ancora Massimo Manzi, Bebo Ferra, Maria Pia De Vito, hanno incontrato il meglio del jazz pugliese e salentino. (Mariagiovanna Barletta)

05/01/2008

I Festival Piemontesi, II Tappa: "I viaggi sono costruiti attraverso ritorni, passaggi e paesaggi e possono diventare con il tempo frequentazioni; le novità sanno stupire presentandosi come eccezioni o consolidate esperienze e il jazz acquista nuovamente lo stimolo per attraversare e ri-attraversare il Piemonte dell'estate 2007." (Alessandro Armando)

14/12/2006

Intervista a Rita Marcotulli: "Credo però anche che sia molto importante trovare una propria voce, raccontare la propria storia, non quella di qualcun altro, altrimenti si diventa solo dei grandi interpreti, come gli esecutori di musica classica. Non è poco, perchè non è facile interpretare qualcun altro. Però il jazz non è musica scritta come la musica classica: vale la pena dipingere il quadro di un altro pittore?" (Antonio Terzo)

19/03/2006

So Right (Maria Pia De Vito)

12/06/2005

Workshop di Maria Pia De Vito al CEMM di Bussero: "...Una giornata senza dubbio fruttuosa per tutti i presenti, che hanno avuto modo di attingere all'esperienza e al know-how di una docente di alto livello, grande preparazione e serietà, e chiara eloquenza nelle spiegazioni..." (Eva Simontacchi)

11/12/2004

Intervista a Maria Pia De Vito: "...Io penso che per cantare oggi qualcosa che è stato scritto e cantato in maniera magistrale sessant'anni fa, ci voglia una grossa maturità..." (Cinzia Eramo)

09/07/2003

Maria Pia De Vito al Dolce Vita Jazz Festival: "L'ultima immagine del concerto è una processione di spettatori che fa la fila sotto il palco per ringraziare Maria Pia De Vito per le emozioni che ha fatto provare stasera." (Alessandro Marongiu)

31/08/2002

Nel Respiro (Maria Pia De Vito)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 9.959 volte
Data pubblicazione: 12/08/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti