Jazzitalia - Recensioni - Gabriele Mirabassi & Roberto Taufic: Um Brasil Diferente
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità

Benny Benack III dagli Stati Uniti e il suo Italian Quartet incontrano il salento con i Bija per la seconda edizione di OdA Music Fest..

Pat Metheny cita Pasquale Grasso come "il più significativo nuovo chitarrista che abbia ascoltato in molti, molti anni... ".

2016 senza tregua, Alphonse Mouzon non c'è più! Muore a 68 anni il grande batterista americano..

Il crooner e trombettista statunitense Benny Benack III con il suo Italian Quartet al The Empty Space di Molfetta .

VI edizione per il Multiculturita Black Music Contest per solisti e gruppi di giovani musicisti e per promuovere la cultura e la pratica della musica afroamericana sul territorio .

14 grandi concerti con star internazionali, live performance, incontri divulgativi per il festival di produzioni originali Special Guest presso il Teatro Eliseo di Roma.

Proposta di legge per erogare 1 Milione di euro l'anno al Festival Umbria Jazz..

Spettacolarità, coinvolgimento, creatività, originalità: sono i tratti che contraddistinguono ancora una volta la rassegna musicale "Aperitivo in Concerto" 2016-2017.

Cartellone internazionale per la settima edizione del San Severo Winter Jazz Festival che apre ad ottobre con Luis Perdomo.

Fabrizio Bosso, Incognito, Falzone, Rosario Giuliani, Fresu, Petrella, Billy Cobham fra i concerti di gennaio e febbraio 2017 al Blue Note Milano.

Il Saint Louis, Istituzione di Alta Formazione Artistica Musicale autorizzata dal Miur a rilasciare titoli accademici di I e II livello, apre le iscrizioni al prossimo anno accademico 2016/2017.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            ASCANI Riccardo (chitarra)
            BALLANTI Marco (chitarra)
            BOCCIA Marco (contrabbasso)
            CHECCHINI Igor (batteria)
            CIUFFREDA Daniele (chitarra)
            DEL PEZZO Massimo (batteria)
            ESPOSITO Gianluca (sax)
            FRASCAROLI Andrea (piano)
            JESSIE & THE HOT NUTS (gruppo)
            MORONE Franco (chitarra)
            PAISSA Roberto (chitarra)
            PIOVESAN Sebastian (basso e contrabbasso)
            SANTANGELO Giuseppe (sax)
            VENDRAMIN Graziella (voce)
            VERGALITO Gianluca (chitarra)
            VOLPICELLI Lucia (voce)
Gabriele Mirabassi & Roberto Taufic
Um Brasil Diferente



dodicilune (2014)

1. Jongo de compadres (Guinga, Blanc, Guimarães)
2. O mar nos teus olhos (Taufic)
3. Maxixando (Taufic)
4. As rosas não falam (Cartola)
5. Quem te viu, quem te vȇ (Buarque)
6. Valsinha pra Duda (Taufic)
7. Desalento (Buarque, de Moraes)
8. Violão vadio (Powell, Pinheiro)
9. Tempo feliz (Powell, de Moraes)
10. Desprezado (Pixinguinha)
11. Arrivederci e grazie (Mirabassi)
12. Noite (Ayres)
13. Suburbano coração (Buarque)



Gabriele Mirabassi - clarinetto
Roberto Taufic - chitarra classica



Via Ferecide Siro 1/e
73100 LECCE
Tel. +39 0832.091231 - 0832.092478
Fax +39 0832.1831054
email: ufficiostampa@dodicilune.it
web: www.dodicilune.it


Differente. È in quest'aggettivo la chiave di volta dell'album che vede il cosmopolita Roberto Taufic e l'umbro verace Gabriele Mirabassi, incontrarsi in terra brasiliana, e raccontare, attraverso tredici brani, un Paese colto e popolare insieme, solare e crepuscolare, fatalista e ribelle, affascinante nelle sue contraddizioni così come nella ricchezza di suoni e linguaggi che lo caratterizza. Una ricchezza ripercorsa con un repertorio di canzoni e pezzi strumentali di epoche diverse, ma tutte ugualmente rappresentative dell'anima brasiliana, cui si aggiungono quattro composizioni originali di Taufic e Mirabassi, che si calano con entusiasmo e rispetto nelle atmosfere locali. Mirabassi non è nuovo alla tradizione musicale brasiliana, e l'album è un'occasione per aggiunge un ulteriore tassello al suo percorso esplorativo.

Un universo complesso, quella della musica brasiliana, alla quale si possono attribuire tre anime: quella bianca (europea, soprattutto portoghese), quella africana, e quella indigena. Dalla tradizione musicale europea (barocca, rinascimentale, ma anche popolare), la musica brasiliana ha ottenuto la melodia e la ricchezza armonica; dalla tradizione degli schiavi neri ha attinto il ritmo e gli strumenti, e dalla cultura degli Indios il temperamento e il carattere. Mirabassi e Taufic si muovono con disinvoltura in mezzo a questo caleidoscopio di brani romantici e malinconici che si alternano ad altri più allegri, ma comunque lontani dallo stereotipo samba/bossa nova, e dove, invece, il clarinetto jazz e classico dialoga con la chitarra brasiliana.
Ad esempio, As rosas não falam è una struggente ballata su un amore perduto, intrisa di quella saudade che il clarinetto interpreta spargendo note come fossero lacrime. L'assenza delle parole cantate non pregiudica l'atmosfera e la verità del brano, che la delicatezza degli strumenti sembra anzi accentuare.

La chitarra di Taufic (che contribuisce con tre brani da lui firmati), scorre leggera come la penna su una pagina di Antonio Machado, e ci regala un Brasile autentico, sognatore, allegro e oscuro insieme.

Arrivederci e grazie
, di Mirabassi, ha come protagonista il suo dinamico clarinetto, che costruisce armonie placide come lo scorrere del Rio delle Amazzoni, scavando nell'anima più profonda e solare del Brasile, salendo e scendendo sulla scala cromatica, una vivacità che si accosta con naturalezza a Buarque, Cartola, Pinheiro, e in particolare all'Ayres di Noite, con cui condivide i virtuosismi di clarinetto.

Un jazz atipico, dai connotati fortemente latinoamericani, per intenditori e amanti del genere.

Niccolò Lucarelli per Jazzitalia






Articoli correlati:
19/10/2014

Parole Inutili (Lillo Quarantino)- Alessandra Monaco

05/10/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco. Gabriele Rampino, Dodicilune: "La vera difficoltà è la bastardizzazione del senso del jazz, sia nella sua deriva verso la mediocrità, sia nella creazione di cartelloni di festival e rassegne, sempre meno progettuali e troppo ruffiani, con troppi nomi che nulla c'entrano col jazz..." (Alceste Ayroldi)

20/10/2013

Talos Festival 2013: Dopo una sosta forzata, rinasce nel 2012 grazie al formidabile agitatore culturale Pino Minafra e giunge quest'anno al ventennale con un grande successo di pubblico. (Vincenzo Fugaldi)

18/08/2011

Meu mundo è hoje (Ligia Franca)- Alessandro Carabelli

05/04/2010

Green Moon (Rino Vernizzi)- Marco Buttafuoco

15/09/2008

Plays Pixinguinha (Rino Vernizzi Quartet & Corrado Giuffredi)

17/10/2006

Jogo de Cordas (Luigi Tessarollo - Roberto Taufic)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 553 volte
Data pubblicazione: 03/01/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti