Jazzitalia - Recensioni - Gabriele Mirabassi & Roberto Taufic: Um Brasil Diferente
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ravenna Jazz 2019. Il festival ravennate raggiunge la 46ma edizione, caratterizzata da una programmazione ad ampio raggio: ben dieci giorni di musica con concerti diffusi su tutto il territorio cittadino..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry..

I 50 anni di Woodstock: fu vera gloria? Incontro gratuito col giornalista e critico musicale Alceste Ayroldi per un'analisi dei momenti chiave che ne hanno fatto un evento simbolo di una generazione..

JAZZ e Cinema: la storia della musica jazz nel cinema attraverso aneddoti, proiezioni a cura di Alceste Ayroldi con la band di Mike Zonno.

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Rosario Giuliani Hammond Trio per il prosieguo della rassegna Boogie Jazz Season a Roma, curata da Gabriele Buonasorte.

Lorenzo Vitolo, pianista jazz, vince il prestigioso concorso per solisti Leiden Jazz Award 2019.

"La batteria jazz, strumento per...tamburi e griot", libro a cura di Enzo Lanzo con 21 assoli di batteristi jazz che hanno rivoluzionato il jazz drumming.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Gabriele Mirabassi & Roberto Taufic
Um Brasil Diferente



dodicilune (2014)

1. Jongo de compadres (Guinga, Blanc, Guimarães)
2. O mar nos teus olhos (Taufic)
3. Maxixando (Taufic)
4. As rosas não falam (Cartola)
5. Quem te viu, quem te vȇ (Buarque)
6. Valsinha pra Duda (Taufic)
7. Desalento (Buarque, de Moraes)
8. Violão vadio (Powell, Pinheiro)
9. Tempo feliz (Powell, de Moraes)
10. Desprezado (Pixinguinha)
11. Arrivederci e grazie (Mirabassi)
12. Noite (Ayres)
13. Suburbano coração (Buarque)



Gabriele Mirabassi - clarinetto
Roberto Taufic - chitarra classica



Via Ferecide Siro 1/e
73100 LECCE
Tel. +39 0832.091231 - 0832.092478
Fax +39 0832.1831054
email: ufficiostampa@dodicilune.it
web: www.dodicilune.it


Differente. È in quest'aggettivo la chiave di volta dell'album che vede il cosmopolita Roberto Taufic e l'umbro verace Gabriele Mirabassi, incontrarsi in terra brasiliana, e raccontare, attraverso tredici brani, un Paese colto e popolare insieme, solare e crepuscolare, fatalista e ribelle, affascinante nelle sue contraddizioni così come nella ricchezza di suoni e linguaggi che lo caratterizza. Una ricchezza ripercorsa con un repertorio di canzoni e pezzi strumentali di epoche diverse, ma tutte ugualmente rappresentative dell'anima brasiliana, cui si aggiungono quattro composizioni originali di Taufic e Mirabassi, che si calano con entusiasmo e rispetto nelle atmosfere locali. Mirabassi non è nuovo alla tradizione musicale brasiliana, e l'album è un'occasione per aggiunge un ulteriore tassello al suo percorso esplorativo.

Un universo complesso, quella della musica brasiliana, alla quale si possono attribuire tre anime: quella bianca (europea, soprattutto portoghese), quella africana, e quella indigena. Dalla tradizione musicale europea (barocca, rinascimentale, ma anche popolare), la musica brasiliana ha ottenuto la melodia e la ricchezza armonica; dalla tradizione degli schiavi neri ha attinto il ritmo e gli strumenti, e dalla cultura degli Indios il temperamento e il carattere. Mirabassi e Taufic si muovono con disinvoltura in mezzo a questo caleidoscopio di brani romantici e malinconici che si alternano ad altri più allegri, ma comunque lontani dallo stereotipo samba/bossa nova, e dove, invece, il clarinetto jazz e classico dialoga con la chitarra brasiliana.
Ad esempio, As rosas não falam è una struggente ballata su un amore perduto, intrisa di quella saudade che il clarinetto interpreta spargendo note come fossero lacrime. L'assenza delle parole cantate non pregiudica l'atmosfera e la verità del brano, che la delicatezza degli strumenti sembra anzi accentuare.

La chitarra di Taufic (che contribuisce con tre brani da lui firmati), scorre leggera come la penna su una pagina di Antonio Machado, e ci regala un Brasile autentico, sognatore, allegro e oscuro insieme.

Arrivederci e grazie
, di Mirabassi, ha come protagonista il suo dinamico clarinetto, che costruisce armonie placide come lo scorrere del Rio delle Amazzoni, scavando nell'anima più profonda e solare del Brasile, salendo e scendendo sulla scala cromatica, una vivacità che si accosta con naturalezza a Buarque, Cartola, Pinheiro, e in particolare all'Ayres di Noite, con cui condivide i virtuosismi di clarinetto.

Un jazz atipico, dai connotati fortemente latinoamericani, per intenditori e amanti del genere.

Niccolò Lucarelli per Jazzitalia







Articoli correlati:
24/06/2018

Correnteza (Mirabassi, Taufic, Renzetti)- Lavinia Testi

19/10/2014

Parole Inutili (Lillo Quarantino)- Alessandra Monaco

05/10/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco. Gabriele Rampino, Dodicilune: "La vera difficoltà è la bastardizzazione del senso del jazz, sia nella sua deriva verso la mediocrità, sia nella creazione di cartelloni di festival e rassegne, sempre meno progettuali e troppo ruffiani, con troppi nomi che nulla c'entrano col jazz..." (Alceste Ayroldi)

20/10/2013

Talos Festival 2013: Dopo una sosta forzata, rinasce nel 2012 grazie al formidabile agitatore culturale Pino Minafra e giunge quest'anno al ventennale con un grande successo di pubblico. (Vincenzo Fugaldi)

18/08/2011

Meu mundo è hoje (Ligia Franca)- Alessandro Carabelli

05/04/2010

Green Moon (Rino Vernizzi)- Marco Buttafuoco

15/09/2008

Plays Pixinguinha (Rino Vernizzi Quartet & Corrado Giuffredi)

17/10/2006

Jogo de Cordas (Luigi Tessarollo - Roberto Taufic)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 821 volte
Data pubblicazione: 03/01/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti