Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Apria Records

Distribuzione:
Italia: 
J-Jazz -Nicolosi Production
United States: Sunnyside Records

Ada Rovatti
Under the Hat


1 Oh corko mio
2 Stuntman

3 They can't take away that from me
4 Under the hat

5 Blues for Kahl
6 Where is Home
7 Roman-ce
8 4th step


Ada Rovatti tenor and soprano sax
Jill McCarron
piano
Nikki Parrot
acoustic
& electric bass
Steve Johns
drums

Special guests:
Randy Brecker
trumpet and flugehorn
Michael Stern
guitar
Don Alias
percussions






Apria Records
350 5th Ave New York, NY - 10118
web:
http://www.apriarecords.com
email:
jazz@apriarecords.com

 

Nel pur vasto panorama italiano di musicisti jazz non è così consueto imbattersi in una sassofonista (che infatti vive negli Stati Uniti…). E che sassofonista!

Ada Rovatti, supportata da un'ottima sezione ritmica (che comprende anche Don Alias alle percussioni) e da solisti del calibro di Randy Brecker e Mike Stern non solo suona in maniera incantevole sia il tenore che il soprano, ma mostra anche, in questo suo lavoro, una vena compositiva estremamente versatile, oltre che felice.

Nonostante, infatti, tutto il disco sia concepito in una chiave prettamente moderna, c'è un filo rosso che lo lega indissolubilmente alla tradizione musicale afroamericana. Non è un caso, credo, che la Rovatti riunisca in un unico contesto e in un modo perfettamente armonico pezzi prettamente modern a ballads che evocano vecchie sonorità.

Tra i primi Oh Corko mio, Stuntman, le stesse Under the hat e la vertiginosa 4th step (i soli di Ada Rovatti sono pura adrenalina) in cui il tenore ed il soprano sono a loro perfetto agio nel "condividere" la scena con le note di Brecker e Stern (oltre a quelle della bravissima pianista Jill McCarron).

Tra le seconde invece la bella interpretazione di They can't take away that from me, la raffinata Where is home… e poi Blues for Kahl e Roman-ce, esempi di quella commistione di classico e moderno così ben interpretata da tutti i musicisti.

Insomma "sotto il cappello" di Ada Rovatti c'è del talento e questo disco ne è un saggio. Se continuerà sulla (promettente) strada intrapresa di una continua ricerca della propria identità stilistica credo sinceramente che sentiremo ancora parlare di lei, e presto anche.

A quando in Italia?
Vito Mancino






Articoli correlati:
13/12/2015

Disguise (Ada Rovatti)- Gianni Montano

01/06/2010

Green Factor (Ada Rovatti)- Roberto Biasco

16/03/2008

Airbop (Ada Rovatti)

17/02/2008

Urban Tribe (Anne Ducros)

31/03/2004

Intervista a Ada Rovatti: "Nella musica cerco me stessa...e credo che sia un'eterna ricerca! Voglio migliorare, e tentare di mantenere un certa semplicità: poter tradurre le emozioni e le mie esperienze di vita in musica senza nessuna pretesa ma per la pura gioia e fortuna di fare quello che mi piace." (Marco Losavio)

09/02/2004

Intervista a Stefano Bollani: "...Il primo amore per me è stato Oscar Peterson ... poi mi sono appassionato ad Art Tatum ... e finalmente intorno ai 15 anni mi sono innamorato di Bill Evans..." (Ada Rovatti)

30/12/2003

For Rent (Ada Rovatti & The Elephunk Band)





Video:
Ada Rovatti - presenting DISGUISE
Ada Rovatti - DISGUISE, Available on JULY 22nd, 2014 - on Itunes, Amazon and stores !, Featuring : Randy Brecker, Dean Brown, Adam Rogers, Zach Brock,...
inserito il 23/09/2014  da birbat12345 - visualizzazioni: 5025


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 7.624 volte
Data pubblicazione: 11/01/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti