Jazzitalia - Swan Dive : Until
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

E' morto Jimmy Cobb.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Aldo Bassi, trombettista, direttore d'orchestra, insegnante e leader di varie band, è venuto a mancare a Latina..

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Addio a Giorgia Mileto, Con grande dolore apprendiamo della scomparsa della responsabile ufficio stampa del Saint Louis College of Music di Roma e di vari festival internazionali della capitale. .

Vic Juris, chitarrista jazz, noto soprattutto per il suo importante ruolo nella band di Dave Liebman, è mancato il 31 dicembre 2019. Era ricoverato al St. Barnabas Medical Center di Livingston, New Jersey..

E' morto Mario Guidi, uno dei più illuminati manager del mondo del jazz, padre del pianista Giovanni e titolare della MGM Produzioni Musicali, agenzia tra le migliori e serie a livello internazionale.

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
Swan Dive
Until



Distribuito da Edel

1. 1.Until
2. Slowly
3. Quiet Song
4. Gentle Rain
5. Matchstick
6. Happy Sad
7. Imagining
8. Une fois
9. Bebe
10. You Deserve A Song
11. Tender Love
12. Good Mornin Tokyo
13. In Blossom

Molly Felder - voice
Bill De Main - guitar
Mickey Grimm - drums
Brad Jones - bass
James Haggerty - bass
Jim Hoke - flute
Bryan Cumming - saxophone
Barry Green - trombone
Chris Carmichael - strings


Swan Dive è il nome di un duo americano ancora estraneo in Italia. Dalla città natale, Nashville,otto album realizzati a partire dal 1997 hanno già fatto il giro del mondo ed in moltissime occasioni si è manifestato per la loro musica l'interesse da parte di cinema, pubblicità e televisione. La risonanza di questo successo è rimasta finora estranea al nostro Paese. I primi ad esserci arrivati sono stati Giappone e Corea, seguiti da Stati Uniti ed Europa, così soltanto con Until, Bill DeMain e Molly Felder vengono presentati anche a noi. Nato come giornalista musicale e scrittore, Demain è chitarrista e autore dei testi, mentre lei, proveniente da un'importante esperienza come black vocalist, è percussionista oltre che cantante. Il loro è uno stile personale che mette radici nella bossanova, per arrivare a soluzioni lounge, d'ispirazione ampissima.

Ritmi sudamericani, flamenco e canzone francese: c'è da chiedersi se non siano queste le più moderne derive del jazz samba che ormai tende ad avvicinarsi sempre più ad una nuova versione del pop melodico e che gli Swan Dive interpretano con metodo. La formazione musicale del duo comprende qualsiasi influenza, The Beatles, The Beach Boys, Dusty Springfield, Burt Bacharach, Antonio Carlos Jobim, Elis Regina e João Gilberto ed include gli italiani Ennio Morricone, Piero Umiliani, Piero Piccioni e Mina, per defluire infine ad un fantasioso e creativo "tutto". Così come anche le collaborazioni con Conan o'Brie, Norah Jones, Jill Sobule, Jane Siberry e Sixpence, lo trasformano progressivamente in un prodotto fresco, senza tempo ma riconoscibilmente familiare, tra l'altro più volte premiato dall' Independent Music Awards.

Il carattere degli Swan Dive segue un sentimento di sollevamento e di ottimismo temperato con una risacca di malinconia, come sensazioni ugualmente presenti nell'animo durante una giornata che nasce soleggiata e poi diventa nuvolosa. E' questa la caratteristica che, indistintamente dalla matrice del singolo brano, si riesce a percepire in maniera netta in tutta la selezione di Until. L'approdo avviene intimo e sognante e nel costante rinnovamento al loro approccio alla musica si aggiungono di volta in volta alla chitarra, al piano, alle spazzole e alla tromba, anche strumenti portati da diversi generi, svariatissimi e colorati, dall'armonica all'ukulele e dalla fisarmonica alle nacchere fino al vibrafono, oltre alle corde e ai fiati.

Until inizia con il brano omonimo, un patinato suggerimento ambient per la chiave di lettura dell'intero album, il quale si arricchisce di brani come Quiet Song,una di quelle nate con la collaborazione di Celso Fonseca. E' infatti sua la proposta di accattivare il brano con la canzone in lingua originale, scelta che induce il duo a portare nel disco l'inglese, il portoghese e, con Une fois, anche il francese. Il tutto si dispiega sul filo teso di quello che accadrà dopo, su leggeri passi di flamenco, nel misto tra curiosità e sorpresa. La voce inoltre è quasi suggerita, soffiata e usata costantemente con leggerezza, anche quando avvengono cambi di ritmi improvvisi e i brani si plasmano in maniera diversa da come nascono, passaggio ancora più chiaro tra il quarantesimo e il cinquantesimo secondo, di Good Morning Tokyo, secondo l'incisività che man mano prendono nell'insieme del testo voci e strumenti. Così, passate altre tracce importanti come Tender Love, Matchsick e Imagining e le ultime note si scandiscono nell'aria, viene voglia di ricominciare da capo, per un ascolto più consapevole, divertito e rilassato.

Si scoprirà un'iniziativa musicale che si allontana dalla retorica chiusura all'intermittenza e che, al contrario, porta con sé la disponibilità ad arricchirsi grazie all'apertura dell'ascolto. Una pacata tendenza alla musica globalizzata che sarà chiara soltanto alla fine: una cultura musicale "domestica" che stende a sradicarsi dal passato e che va verso una nuova fruizione sociale, vivace in tutta la sua portata creativa e aperta più che alle contaminazioni, alla ricerca di sintesi provenienti da nuovo modo di immaginare percorsi. Da Nashville passando per Rio fino a Parigi, dal 22 febbraio anche in Italia, è una scoperta che va fatta così, con un cuore pieno di speranza e una scarpa riempita di pioggia, "Finché" (Until) lo si vorrà.

Rosanna Perrone per Jazzitalia







Articoli correlati:
09/10/2017

She Moves On (Youn Sun Nah)- Alceste Ayroldi

20/09/2015

Ana (Emilia Mårtensson)- Gianni Montano

30/12/2012

Jazz&Wine of Peace Festival 2012: Ray Anderson-Marty Ehrlich Quartet e Manu Katche': una verve, una grinta, un groove, come ben poche volte capita di assistere per il primo, un repertorio non vario, senza picchi per il secondo. (Giovanni Greto)

06/02/2011

Dave Douglas & Keystone alla Casa del Jazz: "Con uno spettro espressivo che variava tra mood metropolitano ed echi orientaleggianti, la tensione non si è affievolita per l'intera durata dei due concerti, strutturati su scalette omogenee per atmosfera, ma diverse per brani eseguiti." (Dario Gentili)

19/12/2010

13ma edizione del Padova Jazz Festival: La musica e le immagini del Dave Douglas & Keystone, i New Quartet di Gary Burton - con Antonio Sanchez, Scott Colley e il giovane sorprendente talento Julian Lage - e del veterano Charles Lloyd con i solidissimi Jason Moran, Eric Harland e Reuben Rogers. Tre concerti di alto livello e molto apprezzati da un pubblico spesso in visibilio dinanzi alle performance di questi maestri.







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.952 volte
Data pubblicazione: 06/03/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti