Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


ECM - 1860

Keith Jarrett - Gary Peacock - Jack DeJohnette
Up For It

1. If I Were A Bell
2. Butch & Butch
3. My Funny Valentine
4. Scrapple From The Apple
5. Someday My Prince Will Come
6. Two Degrees East, Three Degrees West
7. Autumn Leaves
8. Up For It

Keith Jarrett: piano
Gary Peacock:
double-bass
Jack DeJohnette:
drums

 

Il Trio, a dispetto delle ultime innovative ed ardite uscite discografiche, commemora il ventesimo anniversario della sua formazione con l'uscita di un disco più ortodosso, rigorosamente di jazz e di standards, tratto dall'ormai quasi tradizionale esibizione estiva a Juan les Pins, cui ebbi la fortuna di assistere lo scorso anno (nel vero senso della parola, poiché il tempo fu inclemente fino a pochi minuti dal concerto, mettendolo a grave rischio di sospensione, come si evince anche dalle insolite e comprensibilmente retoriche note di copertina scritte da Jarrett per l'occasione) e lo fa omaggiando nel migliore dei modi, la sorgente di tutto il jazz moderno, ossia pubblicando un disco sostanzialmente e quasi rigorosamente di bop.

Un modo come un altro per riaffermare il leit motiv progettuale della formazione e lo stretto legame dei musicisti con il padre di tutti i linguaggi del jazz moderno, indispensabile e inderogabile nella formazione di qualsiasi jazzista che voglia definirsi tale all'alba di, si spera, un nuovo secolo di jazz.

Del resto Jarrett, pur essendo sempre stato un jazzista estremamente eterodosso nell'approccio al materiale musicale più tradizionale e, più estensivamente, un musicista a tutto tondo per indole e cultura musicale, non ha mai negato la centralità del jazz più genuino nella sua formazione e probabilmente anche nel suo personale gusto musicale.

Un disco, in sostanza, che sembra fatto apposta per smentire per l'ennesima volta i pregiudizi dei puristi più incalliti sul suo conto e che, contrariamente ad altre analoghe occasioni, mi ha sostanzialmente confermato le impressioni che ebbi sul posto e che ebbi modo di riferire a suo tempo in altra sede. Jarrett e il suo trio suonano qui un concerto di bop "duro e puro", con pochissima voglia di suonare brani anche lenti con modalità melense, se, ad esempio, confrontiamo l'asciutta e antiretorica interpretazione di My funny valentine qui contenuta (mentre uno dei due bis, uno splendido Smoke gets in your eyes è stato escluso dalla pubblicazione, credo più per motivi di overtime discografico che per incoerenza stilistica col resto del disco-concerto) con qualsiasi altra precedentemente pubblicata o registrata. Se vogliamo, un tantino meno fresca ed ispirata (credo sia inevitabile anche per il fan più incallito di Jarrett notare dopo vent'anni un seppur minimo appannamento nella capacità dei tre di approcciare in modo sempre massimamente creativo materiale così fortemente sfruttato) di quella capolavoro tratta da "Still live" del 1986, ma certo mai autoreferenziale o oleografica, sempre e comunque concepita in modo nuovo, cioè autenticamente e spontaneamente jazzistico, come credo pochi altri saprebbero ancora fare, al vertice dell'attuale successo commerciale ed artistico del Trio.

I brani migliori sembrano essere appunto quelli più marcatamente bop, come Butch and butch e Scrapple from the apple, dove un Jarrett in forma smagliante e ben coadiuvato da un sempre attento e brillante Jack De Johnette, sforna assoli asciutti, essenziali nella forma, ma estremamente creativi, ricchi musicalmente e, non ultimo, rigorosamente jazzistici. Tra gli altri, anche da segnalare un bellissimo e non casuale omaggio al blues e allo stringato approccio compositivo del compianto John Lewis in Two degrees East, three degrees West, brano spesso suonato in concerto ma mai sino ad ora pubblicato ufficialmente su disco, e l'ennesima riuscita versione di Autumn leaves con coda finale chiamata appunto Up for it, da considerare la vera firma jarrettiana del disco e giocata sullo scontro armonico generato tra il "vamp" in maggiore improvvisato e la citazione del tema in minore.

Pertinente, ma ordinaria, invece la prestazione di un Gary Peacock ancora convalescente, a causa dei gravi problemi di salute citati da Jarrett nelle note di copertina. Comunque e sempre, chiariamo, di alto profilo.

Certo, si dirà, niente di nuovo sotto il sole e non era certo questo il disco e l'occasione per manifestarlo, ma come soleva spesso dire a suo tempo il mitico Arrigo Polillo sulle righe di Musica Jazz: "non sempre il nuovo è buono e il buono è nuovo" e noi, accodandoci al suo pensiero, ci "accontentiamo".

Ciò che sembra importante sottolineare, al di là di tutto, è che il trio a distanza di vent'anni mantiene ancora lo spirito del jazz più autentico, dando un'ennesima dimostrazione di come la creatività non sia di esclusiva competenza di stili ben precisati, o di ambiti forzatamente innovativi, ma possa essere identificata perfettamente anche in materiali musicali ritenuti oggi ingiustificatamente esausti da molti tra musicisti e addetti ai lavori. Argomentazione che rischia di nascondere invece comodi alibi e talvolta fa emergere pretesti mistificatori e ingiustificate velleità artistiche da parte di taluni. Ciò senza nulla togliere alle giuste e necessarie istanze di evoluzione, ricerca ed innovazione continua del linguaggio, cui credo nessuno possa però oggi vantarne a priori l'esclusiva. Certo, potrà infastidire quell'alone da star che lo circonda (ma siamo sicuri che sia creato da lui?), quelle sontuose Limousine addette al trasporto dei musicisti, quei fans eccessivamente veneranti, ma ci sembrano dettagli musicalmente del tutto irrilevanti e crediamo sia difficile oggi non riconoscere a Jarrett di essere uno dei pochi veri "grandi" ancora in attività.
Riccardo Facchi






Articoli correlati:
01/09/2019

Keith Jarrett: Improvvisazioni dall’anima (Alessandro Balossino)- Gianni Montano

01/09/2019

La Fenice (Keith Jarrett)- Alceste Ayroldi

24/06/2018

After The Fall (Keith Jarrett Trio)- Alceste Ayroldi

18/09/2016

Quattro chiacchiere con...Fabio Prota: "...il nostro obiettivo più o meno implicito è quello di provare a comunicare chiaramente con il pubblico talora attraverso l'utilizzo di linee melodiche accessibili talaltra mediante l'uso di contrasti timbrici e ritmici." (Alceste Ayroldi)

23/08/2015

Creations, Barber/Bartók, (Keith Jarrett)- Alceste Ayroldi

09/08/2014

Keith Jarrett: "...una coltre melodica e armonica che ha avvolto il pubblico che senza alcuna resistenza si è lasciato trasportare in quel mondo di luci e ombre." (NIna Molica Franco)

27/10/2013

Umbria Jazz Clinics 2013: 16 anni, partecipare con emozione alle Clinics di Umbria Jazz e portarsi dentro qualcosa che costituirà un ricordo tangibile nel tempo. Racconto di un'esperienza attraverso gli occhi dell'allieva Alessandra Caradonio.

15/08/2013

Keith Jarrett, Gary Peacock, Jack DeJohnette: A Venezia un Jarrett che ha suonato con la consueta passione e brillantezza, concede un concerto di quasi due ore e tre bis. (Giovanni Greto)

14/08/2013

Umbria Jazz 2013 - 40th Anniversary: Umbria Jazz 2013 40th Anniversary: "Tra l'algida Krall, i capricci di Jarrett e gli affollati concerti border-line, spiccano i duo Garbarek-Gurtu, Fresu-Sosa e Mirabassi-Castaneda". (Daniela Floris)

05/08/2012

Rio (Keith Jarrett) - Alceste Ayroldi

08/10/2011

51a Jazz a Juan, dedicata a Miles Davis: "Bitches Brew Beyond", una Allstar band con Wallace Roney alla tromba e formata tutta da grandiosi musicisti che hanno collaborato con Davis, "Tribute To Miles" di Marcus Miller con Herbie Hancock, Wayne Shoreter, Sean Jones e Sean Rickman e l'immarcescibile trio di Keith Jarrett, Gary Peacock e Jack De Johnette. (Gabriele Prevato)

22/08/2010

Jasmine (Keith Jarrett – Charlie Haden) - Alceste Ayroldi

24/10/2009

Testament (Paris/London) (Keith Jarrett)- Gianmichele Taormina

14/04/2009

Yesterdays (Keith Jarrett / Gary Peacock / Jack DeJohnette )

28/07/2008

Keith Jarrett Trio nella sua prima italiana al teatro Regio di Torino: "...il suo modo attuale di eseguire gli standards è adorabile, molto più maturo e controllato del passato, la maggiore attenzione alla dinamica espressiva con l'uso frequente del pianissimo. Il suo vocabolario improvvisativo va ben oltre il fraseggio classico in terzine e ottavi del jazz con cui sono stati interpretati molte volte questi temi, cioè nei "cliché" dello swing." (Andrea Zandonella)

07/01/2008

Intervista al giovane chitarrista Simone Gubbiotti: "In Italia credo ci sia scarsa disponibilità alla progettualità, specialmente di idee nuove e originali ed è davvero complesso entrare in contatto con le persone, molto spesso con gli stessi musicisti...Negli Stati Uniti la novità è sempre accettata ben volentieri, c'è scambio di idee..." (Eva Simontacchi)

02/11/2007

Jazz a' Juan 2007: "Il programma interessante e variegato di proposte musicali interpretate da alcuni dei gruppi più degni di nota nel panorama mondiale ha suscitato apprezzamento e consenso tanto da garantire il "tutto esaurito" ogni serata..." (Bruno Gianquintieri)

12/04/2007

"Corpi Liberi in Concerto, teatro e danza su ritmi jazz". In un'anteprima tenutasi per la stampa, un progetto in cui la musica di Bollani, Jarrett, Marcotulli, Mehldau e Petrucciani anima una "inusuale piece di teatro e danza". (Alceste Ayroldi)

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

01/10/2006

Keith Jarrett - Gary Peacock - Jack DeJohnette a Jazz a Juan 2006: "...affabile e disponibile nel dopo concerto in cui si è avuta l'impressione di un Jarrett alla ricerca di nuovi orizzonti..." (Patrizio Gianquintieri)

09/10/2005

Due grandi per Jazz a Juan 2005, Keith Jarrett: "...fluidità, miriadi di delicatissimi accenti ricercati nel più profondo della propria anima, fraseggi vertiginosi che accompagnano e si incanalano verso armonie vibranti..." e Sonny Rollins: "...Magiche sonorità, piene, potenti, tutte di un fiato...esecuzioni magnifiche all'altezza del personaggio, protagonista indiscusso del jazz moderno..." (P. & B. Gianquintieri)

09/10/2005

Radiance (Keith Jarrett)

02/10/2004

Keith Jarrett Standard Trio a Verona nell'ambito di Veneto Jazz: "...di un concerto improntato sulla filosofia musicale jarrettiana vanno gustati i picchi; le pianure restano e devono forse essere accettate così, in quanto contraltari di cotanta delizia estetica..." (V. Mancino, N. Lott)

22/08/2003

Keith Jarrett (Ivo Franchi)

01/08/2001

K. Jarrett, G. Peacock, J. DeJohnette: Perugia, 20 luglio 2001

17/06/2001

Facing You, il primo, e forse il migliore, CD di piano solo di Keith Jarrett.

19/07/2000

K. Jarrett, G. Peacock, J. DeJohnette: Perugia, 15 luglio 2000





Video:
Keith Jarrett - Summertime
Keith JarrettSolo TributeThe 100th Performance In Japan1987Keith Jarrett: Piano...
inserito il 26/02/2010  da moom1000 - visualizzazioni: 4362
Keith Jarrett, Charlie Haden & Paul Motian - Germany 1972
Keith Jarrett performing with his trio in the Hamburg Funkhaus, Germany, on June 14, 1972., , Keith Jarrett - p, Charlie Haden - b, Paul Motian - dr...
inserito il 13/12/2009  da OhNoxius - visualizzazioni: 3196
Oscar Peterson Trio - You Look Good to Me @ Amsterdam
The Oscar Peterson Trio performing the piece You Look Good to Me at Het Concertgebouw in Amsterdam, the Netherlands. I don't think the Oscar Peterson ...
inserito il 03/01/2009  da boasdubbelman - visualizzazioni: 3864
Keith Jarrett about Miles Davis and the Very Slow Beat
Keith Jarrett tells a story about Miles Davis and how this great musician explained a very slow beat to a drummer. Very funny!...
inserito il 08/07/2008  da frafrafrafrabla - visualizzazioni: 3558
Keith Jarrett - Somewhere Over the Rainbow
played at Tokyo '84...
inserito il 30/09/2007  da PianomanPortugal - visualizzazioni: 2641
Keith Jarrett - I Loves You Porgy
Keith Jarrett performing Gershwin's ballad "I Loves You Porgy" from Solo Tribute - The 100th performance in Japan...
inserito il 08/04/2007  da jazzster123 - visualizzazioni: 3083


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 11.749 volte
Data pubblicazione: 11/06/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti