Jazzitalia - Vittorio Sabelli R-Evolution Band: Versus
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Si è spento all'età di 95 anni la grande icona della chitarra jazz Franco Cerri..

Annunciato il San Severo Winter Jazz Festival 2021, 7 concerti internazionali dal 29 ottobre al 1 aprile 2022..

Pubblicato "The Rising Sun" il nuovo e quarto album del chitarrista modern jazz Fabrizio Savino.

ECM: le novità in uscita della prestigiosa casa discografica tedesca. .

Open Day del Saint Louis Music School dedicato al Master in I livello in Music Business & Management. .

Al via il Premio Rota 2021. Un'edizione dove accanto alla consegna dei riconoscimenti vi sarà tanta musica dal vivo. .

Morto Don Marquis (4 maggio 1933 - 29 luglio 2021) indimenticabile storico del jazz e autore del volume “In search of Buddy Bolden: first man of jazz".

Ciao Paolo, musica e Jazzitalia in lutto per la scomparsa del sassofonista Pietro Paolo Mannelli. Aveva 84 anni..

Disponibile dal 2 dicembre per Adda Editore il libro "Paolo Lepore e la Jazz Studio Orchestra" curato da Alceste Ayroldi.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            BLASIOLI Simone (sax)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISPINO Luca (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            CUOCO Ramon (tromba)
            GADDI Piero (pianoforte)
            GHIDONI Davide (tromba)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MAZZA Cristina (sax)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Vittorio Sabelli R-Evolution Band
Versus



Wide (2011)

1. Evolution
2. Revolution
3. Whisky woman
4. Count basic
5. Il delirio del re
6. Riflessi in prospettiva
7. Islay Sky
8. Folk ‘n Blue
9. Rom
10. Iceberg
11. MG

Vittorio Sabelli - clarinet
Lutte Berg - guitars
Lorenzo Paesani - piano
Graziano Brufani - double bass
Stefano Costanzo - drums



via L. Fioravanti 26
64020 Nepezzano (TE)
Tel./Fax 0861.558611
email:
info@widesound.it



Il rintocco di una campana, le note gravi del clarinetto, un'escursione verso il registro più acuto, le note di una scala blues su una ritmica decisamente rock e con tanto di intersezioni di chitarra elettrica. Così si apre questo disco davvero insolito della R-Evolution Band di Vittorio Sabelli. "Versus" è un progetto musicale aperto a 360° che ha come base l' improvvisazione collettiva.

Proprio da questo concetto nasce un discorso musicale che non presenta nulla di scontato e che prende di volta in volta direzioni inaspettate. Il percorso è incentrato sul sound, sull'energia, sul timbro e sulla struttura formale delle composizioni, che risultano caratterizzate ciascuna da una sua distinta personalità che creerà degli spunti per un'improvvisazione il più varia possibile.
E' proprio l'elemento improvvisazione la linea comune del progetto. Dopo "One Way" uscito nel 2010, in questo nuovo album il suo autore non ha sentito il bisogno di creare un disco dallo stile omogeneo. Le situazioni che qui si creano sono spinte all'estremo attraverso un dialogo e un percorso comune tra i musicisti basato sull'ascolto e l'interazione che porta il discorso musicale in un senso anziché in un altro attraverso una vasta varietà di colori, timbri, ritmi, con una grande ricerca a tutto campo e con l'esplorazione di nuovi contesti sonori e musicali.
Sabelli, descrivendo se stesso, parla di una persona che cerca sempre di spalancare orecchie, occhi e testa in qualunque posto del mondo si trovi, da un'isoletta sperduta della Scozia (da cui ha tratto ispirazione per "Whisky Woman" ed "Islay Sky") ad altri luoghi o contesti totalmente differenti, come può essere l'ambiente Mediterraneo o luoghi lontani ed esotici.
Stimolato da tutti e cinque i sensi, il clarinetto di Vittorio Sabelli si trasforma in continuazione e gli stessi termini di jazz e rock diventano definizioni troppo strette per la sua musica, contaminata anche da mille altri stili ed influenze. Ma come dicevamo è l'improvvisazione l' ingrediente fondamentale, ed è proprio questo l'elemento che differenzia il jazz da tutti gli altri generi di musica.
Dopo i primi due brani innegabilmente jazz rock, nel terzo troviamo un'atmosfera meno contaminata. "Whisky Woman" è un jazz waltz. Ma subito nei brani successivi, "Count Basic" e "Il delirio del Re", ritroviamo un approccio più sperimentale.
"Riflessi in Prospettiva" lascia ampio spazio al pianoforte, suonato in maniera molto creativa e libera, ma ci indica molto chiaramente che l'approccio a questo brano è assolutamente jazzistico. Dopo un lungo assolo della batteria, il piano esegue un ostinato nel registro basso. Ed ecco riapparire il clarinetto che di colpo trasforma l'atmosfera del pezzo. Dialoga con la batteria. Viene riproposto il tema iniziale dal piano, e il pezzo si conclude nel rispetto dei canoni jazzistici, ma dopo avere comunque spaziato con grande libertà.
E' la volta di "Islay Sky" un pezzo dove la chitarra elettrica di Lutte Berg ha un ruolo importante, intersecandosi anche con l'assolo del basso. Sul finale del pezzo il clarinetto fraseggia abbastanza docilmente, viene riproposto il tema, seguito da un finale netto, come avviene in tanto jazz contemporaneo.
"Folk ‘n Blue" accosta colori ed effetti assai contrastanti. Chitarra elettrica distorta, pianoforte jazz, ed ecco il nostro clarinetto che propone e ripropone un tema che ci porta a pensare alla musica del repertorio antico partenopeo e mediterraneo. Netto allontanamento da qualunque genere e stile che ci possa apparire consueto, con improvvisazione libera su una ritmica martellante e decisamente rock, ma appena ci sembra di trovare qualche elemento di stabilità in ambito rock, ecco che entra un nuovo elemento destabilizzante e ci sembra quasi di vedere apparire le sagome un po' inquietanti del Teatro dei Pupi.
Il nono brano sembra superare i confini mediterranei e sembra guardare lontano, verso oriente. Qui l'intersezione di stili e la contaminazione creativa sono tali che la chitarra di Lutte Berg fa pensare addirittura ad un sitar indiano, il clarinetto ripete quei suoi riffs un po' ossessivi, fino a quando cambia mood suonando sul registo più basso ed in modo più morbido e l'atmosfera che si crea ci fa pensare ad una danza popolare.
"Iceberg" presenta un ostinato del piano su cui si intersecano nuovamente chitarra elettrica ed effetti, fino al bell'assolo del pianoforte, nervoso, basso ed incisivo, in un interessante dialogo con la batteria. Si unisce un riff della chitarra elettrica e il brano si chiude sfumando.
Proprio quando pensiamo di avere finalmente colto lo spirito di "Versus", di aver finalmente saputo riconoscere tutte le influenze e contaminazioni all'interno di questo discorso improvvisativo totale ed in continuo movimento, la track n. 11 con cui l'album si chiude, ci spiazza nuovamente. Sembra proprio appartenere ad un altro disco, se non fosse per la presenza del suono del clarinetto, unico elemento in comune con le altre dieci tracce.
Sabelli qui si esibisce in un tema in pieno stile "marchin' band", con un salto all'indietro di un secolo, seguito dal pianoforte che si cimenta in uno stride tanto virtuosistico quanto breve e con finale pirotecnico e repentino. Quest'ultimo brano appare come un ennesimo elemento imprevisto in un album già caratterizzato dalla continua ricerca di idee e spunti sempre diversi e da contaminazioni infinite.
Non disponiamo di una chiave di lettura che ci permetta di dare la spiegazione di questa scelta. Possiamo solo azzardare delle ipotesi. Ma forse la vera risposta alle tante domande che questo disco ci ispira sta semplicemente dentro all'unica frase riportata nelle liner notes, una frase dell'inquietante e controverso poeta inglese Aleister Crowley (1875–1947), una delle figure più enigmatiche del '900, viaggiatore, scalatore, occultista, satanista, dedito a pratiche esoteriche, al quale si sono ispirati fra l'altro anche moltissimi musicisti rock dagli anni '60 in poi, dai Beatles a Marilyn Manson, da Jimmy Page a Mick Jagger: "Do what thou wilt…." ("Fà ciò che vuoi…").

Rossella Del Grande per Jazzitalia








Articoli correlati:
25/10/2015

It Came to Broadcast the Yucatan (Niccolò Faraci)- Niccolò Lucarelli

26/04/2015

Tricatiempo (Stefano Costanzo)- Gianni Montano

31/08/2014

Harmozein (Alessandro Tedesco)- Antonella Chionna

08/12/2013

Yiddish Melodies In Jazz (Gabriele Coen Jewish Experience)- Gianni Montano

07/10/2012

Genesi (Giovanni Francesca) - Alceste Ayroldi

09/09/2012

Songs From The Top Of The World (Nina Pedersen)- Enzo Fugaldi

05/12/2010

Awakening (Gabriele Coen Jewish Experience)- Vincenzo Fugaldi

17/10/2010

I grandi pianisti Jazz: Un mini festival per celebrare il jazz pianistico. Di sicuro si è sentita bella musica, molto varia, essendosi avvicendati sul palco due nuovi giovanissimi talenti (Vincenzo Danise ed Enrico Zanisi) e due solidi jazzisti (Dave Kikoski e Antonio Farao'). Prima della musica un'ardita introduzione del critico d'arte Vittorio Sgarbi con un parallelismo tra il jazz e una certa arte figurativa contemporanea passando dal cubismo per arrivare alla "action painting". (Daniela Floris)

05/07/2010

Lutte Berg Ensemble al Teatro Arciliuto di Roma: "Un jazz o piuttosto un etno-jazz che davvero va oltre i confini di ciò che siamo soliti collocare all'interno di questo genere, senza però lasciare mai l'ascoltatore spaesato." (Laura Mancini)

04/06/2010

One Way (Vittorio Sabelli) - Alceste Ayroldi

21/12/2009

Canto De Perdas (Worldream) - Alceste Ayroldi

19/07/2009

Golem (Gabriele Coen Jewishexperience)- Gianni B. Montano

24/04/2004

Ensemble (Lutte Berg)





Video:
salis+worldream.mp4
...
inserito il 02/05/2010  da MrGtrHero - visualizzazioni: 2955
FUGA A TRE - LUTTE BERG ENSEMBLE
...
inserito il 29/09/2009  da Italclip - visualizzazioni: 3377
MINNUSH
...
inserito il 22/08/2009  da DDFvideo - visualizzazioni: 2937
Ennio Rega in concerto: Asti, Salerno, Biella
...
inserito il 14/04/2009  da Marcellinadeangelis - visualizzazioni: 2849
collettivo dedalus in concerto
...
inserito il 02/09/2008  da checcopallone - visualizzazioni: 2851
Ennio Rega - Fnac
...
inserito il 20/04/2008  da beatmeda - visualizzazioni: 2706
NULLA di Fernando Pessoa musicato da Ennio Rega
...
inserito il 16/03/2008  da applausigroup - visualizzazioni: 3047


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.658 volte
Data pubblicazione: 22/02/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti