Jazzitalia - Terez Montcalm: Voodoo
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ed. Dreyfuss Records – Distr. Egea – 2006
Terez Montcalm
Voodoo


1. Love - Bert Kaempfert, Milt Gabler
2. Growing Stronger - Térez Montcalm, Jo-Ann Demers
3. Sweet Dreams - Annie Lennox, Dave Stewart
4. Shattered - Térez Montcalm, Jo-Ann Demers
5. Close Your Eyes - Bernice Petkere
6. Parce que y a toi - Térez Montclam
7. Voodoo Child - Jimi Hendrix
8. I Want To Be Around - Sadie Vimmerstedt, Johnny Mercer
9. For Heaven's Sake - Elise Bretton, Sherman Edwards
10. Sorry Seems To Be The Hardest Word - Bernie Toupin, Elton John
11. How Sweet It Is - Brian Holland, Lamont Dozier, Edward Holland
12. Be Anything - Irving Gordon
13. Be anything – Irving Gordon
14. Le Cinema – Michel Legrand, Claude Nougaro

Térez Montcalm - chitarre, voce
Francois Marion - contrabbasso
Alain Bastien - batteria
Luc Boivin - percusssioni
Stéphane Montanaro - piano
Aron Doyle - tromba
Benoit Glazer - tromba




Distributed by Egea Distribution


Balza fuori come la Venere Callipigia Terez Montcalm. Già pronta per il grande salto nell'universo dell'ortodossia smooth jazz. Raffinata eleganza, tessiture dinamiche ben strutturate, un'equilibrata scelta di brani popular acutamente arrangiati. Bella presenza scenica. Detto così sembrerebbe di assistere ad un ennesimo clone, ad "una copia di mille riassunti", direbbe qualcuno. Così non è. La singer-guitarist canadese ha una marcia in più. Terez Montcalm contestualizza, legge e rilegge le partiture e, in quattro occasioni, mostra le proprie qualità compositive dalla decisa caratura melodica.



Un album di un'assoluta coerenza espressiva che si snoda attraverso quattordici brani variegati, seppur medio-lenti, discretamente eseguiti oltre che dalla Nostra che ben tocca anche la chitarra, da un cospicuo manipolo di musicisti armonicamente amalgamati e sempre attenti al giusto equilibrio sonoro.

Le scelte "popolari" ricadono, in alcuni casi, su brani che, oramai, appartengono allo sferisterio degli standard jazzistici, come Voodoo Child di Hendrix, la "classica" Close your eyes e la lussureggiante Love, qui con delle coloriture tra il country ed il blues.

Non rammento, invece, arrangiamenti in chiave jazz di Sweet Dreams, brano che ha iconizzato il duo Eurythmics: Annie Lennox e Dave Stewart. La canzone mantiene il suo pattern melodico essenziale, ma le armonie vengono ridisegnate e liberate dalle acidità elettroniche. Il risultato è vivificante. Un'altra piccola perla è Sorry Seeems to be the hardest word della fortunata accoppiata Bernie Taupin e Elton John. Alla stregua di How sweet it is, uno dei simboli del bagaglio sonoro di James Taylor. Ed ancora: Be anything, con il suo mood malinconico, qui eseguita con troppa leggerezza espressiva.

Le Cinemà di Michel Legrand, delicato bozzetto romantico, sussulta nelle frasi nervose e vibranti della vocalist e nelle ricche valenze timbriche della sua voce.

Growing Stronger ha quello charme notturno che mette a proprio agio l'ascoltatore, gradevole quanto Shattered, sempre firmata dalla Montcalm.

Parce que y a toi e Dance Lumiere sono entrambe francofone. La prima troppo caracollante intorno a temi già noti, la seconda, invece, swingante, frizzante e coinvolgente.

Completano il bouquet di jazz offerto dall'artista canadese, il significativo groove di I want to be around e For Heaven's Sake.

Onesta. Ed è una grande dote in questo periodo vampiresco. Periodo in cui si attinge a piene mani da melodie da poster di camerette adolescenziali, senza citare, però, la fonte e costruendo intorno chorus su chorus. Terez Montcalm è dotata di una notevole voce, con un variopinto range, un buon voicing scat e, per di più, di una consistente tecnica chitarristica. La sua vena compositiva è ibridata da generi differenti. Ma i suoi arrangiamenti sono competenti, garbatamente filologici e stilisticamente convincenti.

Un album da ascoltare senza barriere precostituite.
Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
27/08/2010

Lennie's Pennies (Rosario Giuliani)- Franco Bergoglio

25/07/2010

A Night in Montecarlo (Marcus Miller)- Roberto Biasco

26/06/2010

Gipsy Trio (Biréli Lagrène)- Giovanni Greto

14/03/2010

Origine (Aldo Romano) - Alceste Ayroldi

21/02/2010

A Quite Time (Ahmad Jamal) - Alceste Ayroldi

23/01/2010

Standards (Sylvain Luc) - Alceste Ayroldi

20/04/2009

Petrucciani/NHOP (Michel Petrucciani & Niels-Henning Ørsted Pedersen )

16/06/2007

Anything Else (Rosario Giuliani Quintet)

30/12/2005

Morning, Teatime, Evening, Midnight, Noon (AA.VV.)

22/09/2005

Intervista a Francis Dreyfus, fondatore dell'etichetta discografica Dreyfus Jazz, una di quelle etichette alle quali si presta sempre un'attenzione particolare...(Eva simontacchi)

13/08/2005

Concerts (Michel Portal – Richard Galliano)

26/06/2005

After Fair (Ahmad Jamal)

06/01/2005

Conversation (Michel & Toni Petrucciani)

24/07/2004

Live Jazz a Vienne (Bireli Lagrene)

17/07/2004

Fountain of Youth (Roy Haynes)

06/06/2004

Jazz Reference (AA. VV.)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 5.528 volte
Data pubblicazione: 22/10/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti