Jazzitalia - Marco Piccioni Quartet: Waterflight
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

dde records
Marco Piccioni Quartet
Waterflight


1. The unknower
2. More Time
3. Wings
4. The diver
5. Evocazione
6. One Chance
7. Scent
8. Natural Circle
9. Renaissance
10. Think

Marco Piccioni - electric guitar & voice
Davide Liberti - double bass
Mattia Barbieri - drums & percussion
Paolo Porta - alto saxophone



Come un dolce volo nell'acqua……Ecco cosa potremmo dire di questo bel lavoro dell'esordiente Marco Piccioni. Del resto mai nome più azzeccato poteva essere scelto come titolo alla copertina dell'album: Waterflight.



Marco Piccioni, chitarrista trentenne, ancora fresco di studi, ha saputo catturare l'attenzione di chi scrive attraverso la sua Fender Stratocaster. Un plauso generale andrebbe fatto anche alla band (Davide Liberti, contrabbasso; Mattia Barbieri, batteria e percussioni) che ha saputo esaltare questa giovane promessa del jazz italiano. E' giusto allora spendere due parole per un talentuoso chitarrista e compositore che si spera in futuro possa avere maggiore visibilità.

Nel 2002 dopo 4 anni di studio e lavoro tra Boston e New York, Piccioni ritorna nella sua Torino, deciso a voler creare un progetto personale contaminato da rock, jazz e blues. L'incontro con gli altri componenti di derivazione jazz, non solo mainstream ma addirittura tendenti al free, è la molla che crea la giusta chimica musicale. Marco Piccioni si considera un chitarrista blues-jazz ma sicuramente è un amante della musica a 360° come dimostra quella voglia di comunicare, anche con lo strumento per antonomasia: la voce. Buoni i testi così come la timbrica vocale davvero intensa e profonda.

"Lo sconosciuto" pezzo di apertura dell'album sembra in qualche modo essere la presentazione del gruppo. Davvero notevole l'atmosfera creata dalle parole. Marco Piccioni esordisce in qualità di cantante tendente quasi al parlato così da supportare i testi non lasciati al caso in un intreccio di acqua e aria che si sussegue. More Time, prima traccia ad impronta blues, ci introduce invece da subito nell'atmosfera creata dalla musica del diavolo……Ma ampio spazio viene lasciato per i pezzi c.d. solo strumentali: primo tra tutti Evoc, davvero ipnotico e incline all'improvvisazione generale. Si crea così quel clima con un'atmosfera tersa che approda a One Chance. Una possibilità per capire dove sta la ragione e dove il torto; dov'è andata la nostra mente? Il sassofono di Porta è un serpente a sonagli e l'ipnosi prosegue, così come prosegue la continua ricerca di un qualcosa tra acqua e aria come l'inizio di tutto. L'apertura mentale e il suono caldo di Porta sembra incontrare l'anima blues di Piccioni anche se armonicamente, il sassofonista, omaggia la tradizione di Coltrane. Notare l'eccellente accompagnamento alla batteria di Barbieri in buzz roll. L'armonia si presenta diatomica, ma sempre legata ad un centro tonale. Nel complesso, lodevole il lavoro di tutti i componenti, capaci di stare al loro posto senza mai invadere le sonorità della chitarra di Piccioni come per il sax di Porta, chiamato a dialogare e a creare continuamente il "sound giusto". L'interplay, per ricalcare le parole dell'autore, è generoso nel supportare un'intenzione momentanea ma allo stesso tempo protagonista nella spinta di nuove idee ritmiche, dinamiche e armoniche. E sono forse le dinamiche che caratterizzano l'intero album. E' altresì evidente come la ricerca comunicativa tra i musicisti sia stata uno dei cardini di questo progetto. Apprezzerete così lo scorrere di queste dieci tracce, a cavallo tra blues e jazz moderno con un omaggio al Funky anni 70 nel pezzo Renaissance. Una felice realtà per il nostro Paese. Auguriamoci di sentirli presto in uno dei club sotto casa. Nel frattempo a tutti loro, un in bocca al lupo.
Alessandro Gibelli per Jazzitalia







Articoli correlati:
12/01/2015

Pleasures (poLO)- Gianni Montano

11/03/2005

Deceptive Resolution (Paolo Porta)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 2.043 volte
Data pubblicazione: 20/05/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti