Jazzitalia - Gino Sitson feat. Lonnie Plaxico, Willard Dyson, Helio Alves : Way to go
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ravenna Jazz 2019. Il festival ravennate raggiunge la 46ma edizione, caratterizzata da una programmazione ad ampio raggio: ben dieci giorni di musica con concerti diffusi su tutto il territorio cittadino..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry..

I 50 anni di Woodstock: fu vera gloria? Incontro gratuito col giornalista e critico musicale Alceste Ayroldi per un'analisi dei momenti chiave che ne hanno fatto un evento simbolo di una generazione..

JAZZ e Cinema: la storia della musica jazz nel cinema attraverso aneddoti, proiezioni a cura di Alceste Ayroldi con la band di Mike Zonno.

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Rosario Giuliani Hammond Trio per il prosieguo della rassegna Boogie Jazz Season a Roma, curata da Gabriele Buonasorte.

Lorenzo Vitolo, pianista jazz, vince il prestigioso concorso per solisti Leiden Jazz Award 2019.

"La batteria jazz, strumento per...tamburi e griot", libro a cura di Enzo Lanzo con 21 assoli di batteristi jazz che hanno rivoluzionato il jazz drumming.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Gino Sitson feat. Lonnie Plaxico, Willard Dyson, Helio Alves
Way to go



Alessa records

1. Welcome 02:49
2. A peaceful journey 04:06
3. Way to go 03:43
4. Magny Marcelline 03:56
5. Lucia 03:52
6. Nsi keu beu zi 01:05
7. Just a little prayer 05:37
8. What's up? 00:41
9. Djila? 03:36
10. 10. Fake 05:18
11. 11. Mobwo 04:35
12. 12. Daddy 03:18

Gino Sitson - lead vocal, perc., vocal instr., misc. vocal effects, body percussion, sanza, backing vocals
Helio Alves - piano
Lonnie Plaxico - double-bass
Willard Dyson - drums


Quando si parla di canto maschile nel jazz contemporaneo è facile cadere nel paragone con il fenomenale Bobby McFerrin. Anche per Gino Sitson questa trappola potrebbe scattare se le somiglianze, anche timbriche, tra le due voci non fossero poi stemperate da un approccio e da un repertorio abbastanza diversi tra il funambolico cantante americano e l'altrettanto estroso giovane vocalist di origine camerunense.

Residente a New York, con un background familiare alle spalle di amore e rispetto per la musica e un approccio multi-culturale alla propria arte, Sitson mescola jazz, blues, gospel, polifonie africane, influenze latine, utilizzando una notevole estensione vocale, tecniche di body e vocal percussion, improvvisazioni scat strettamente jazzistiche e un cantato sensibile.
Riconoscendo questo talento lo stesso McFerrin lo ha coinvolto in alcuni progetti, lodandone la maestria e per gli stessi motivi vale la pena di ascoltare Sitson nella sua originalità, fin dalle prime note di questo disco.

I musicisti che lo accompagnano in questo lavoro contribuiscono a tenere alta la qualità musicale e mostrano la versatilità necessaria nell'affrontare i brani. Il cd si presenta omogeneo all'ascolto, dal benvenuto iniziale di Welcome fino all'ultimo rivolo sonoro. Si alternano ballate splendidamente melodiche, Lucia a fianco di afro funky frantumati come in Fake. Ottimi gli interventi solistici di Helio Alves al pianoforte e il supporto del maturo contrabbasso di Lonnie Plaxico.

Un lavoro di qualità: forse questo approccio universalistico, che mescola in un unico calderone tradizioni e stili diversi senza snaturarne alcuno (e senza imporsi violentemente), caratterizzerà la musica del XXI secolo. Se andrà così ancora una volta arriverà dalla musica il vero soft power spesso vanamente evocato dai politici indispensabile per far dialogare tra loro popoli e culture.

Franco Bergoglio per Jazzitalia







Articoli correlati:
29/03/2015

Intervista ad Antonio Tarantino - San Severo Jazz Winter: "Il palco viene inteso come un luogo di incontro, scambio, crescita e sviluppo. Una percezione che mira alla riscoperta della curiosità e della bellezza." (Alceste Ayroldi)

30/07/2008

Tribute to A. C. Jobim feat. Toninho Horta al Barletta Jazz festival: "Un grande Toninho Horta che però ha potuto esprimersi solo a tratti in un progetto che sembra prendere solo spunto da Jobim, come un pretesto. Il numero cospicuo di leader rende necessarie varie combinazioni di formazioni per far esprimere tutti a dovere col rischio, però, di proporre un'esecuzione non basata su una matrice di gruppo ben identificata quanto piuttosto su alcune individualità." (Marco Losavio)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.992 volte
Data pubblicazione: 04/07/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti