Jazzitalia - Recensioni - Paul Rogers - Robin Fincker - Fabien Duscombs: Whahay
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Riparte il San Severo Winter Jazz Festival. Annunciata la XI^ Edizione 2020/21 a cura del direttore artistico Antonio Tarantino.

Il Saint Louis College Of Music presenta Master di I Livello in Music Business & Management (60 CFA).

Arduino Jazz 2020. Al Parco Archeologico dell'Appia Antica il grande jazz tra nomi internazionali e sperimentazione con la rassegna ‘Dal Tramonto all'Appia: Around Jazz'.

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            GADDI Piero (pianoforte)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Paul Rogers - Robin Fincker - Fabien Duscombs
Whahay



Babel-Label (2015)

1. Better Git It In Your Soul
2. Ecclusiastics
3. Jump Monk
4. Canon
5. Pithecanthropus Erectus
6. Reincarnation of a Lovebird
7. Bird Call
8. Work Song
9. Goodbye Pork Pie Hat

Paul Rogers - 7 strings double bass
Robin Fincker - tenor saxophone, clarinet
Fabien Duscombs - drums


Paul Rogers è un contrabbassista inglese di lunga esperienza, che ha frequentato il gotha del jazz britannico, da Keith Tippett ad Alan Skidmore, da Mike Osborne a Paul Dunmall. In questo disco sono accanto a lui due giovani musicisti francesi, dotati di solida preparazione e di mente apertissima. Il trio rilegge pagine famose di Charles Mingus, ma non siamo di fronte ad un tributo, né alla riproposizione letterale di celebri composizioni. Come si evince dalle note di copertina, i tre elaborano forme di improvvisazione in rapporto ai temi dell'artista evocato. Dalla poetica del grande compositore afroamericano, con antenati pellerossa e cinesi, peraltro, vengono estratti alcuni elementi portanti, come spunti, occasioni, per allontanarsi, andare altrove apparentemente e ritornare, in seguito, a bomba, procedendo ad elastico, dal vicino al distante e viceversa. Così nelle nove tracce, essenzializzati, si trovano lo spirito del blues, l'espressionismo cruento e icastico, i repentini cambi di tempo, il lirismo sottotraccia delle melodie del bassista di Nogales, dure e dolci nel contempo. E' un lavoro acuto di penetrazione profonda dentro l'universo estetico di una delle maggiori personalità della musica del novecento, per ricavarne schegge significative da rimettere in circolo. I temi di Mingus, poi, vengono nascosti, spesso, sotto una coltre di suoni sospesi o di effetti rumoristici, per sbucare fuori da dietro la copertura e rivelarsi in maniera piena, magari a metà del pezzo.

Paul Rogers è semplicemente maestoso al contrabbasso a sette corde. Nei suoi assoli tartassa lo strumento con un archetto tagliente e corrosivo, cavandone fuori un fraseggio spinto in avanti, ma con il modello di riferimento ben assimilato dietro le spalle. Nel pizzicato, lo storico componente di Mujician è altrettanto efficace nel cucire e ricucire una musica formata da brandelli tematici, inseriti in un contesto avant jazz, compatto e volutamente (in)definito.

Robin Fincker, al tenore e al clarinetto, cerca di miscelare il jazz, il protofunky, il camerismo, in un linguaggio moderno, in debito con la stagione del free e del post free. E allora, assoli incisivi, che partono regolari, vanno a concludersi in passaggi caratterizzati da note sporche, doppie o triple, in sovracuti ampiamente fuori dal rigo, atti a manifestare il massimo della tensione possibile.
Alla batteria Fabien Duscombs non si limita a tenere il tempo, ma dialoga alla pari con i partners, assicurando un contributo decisivo per delineare un aspetto ritmico instabile e selvaggio a tutta l'opera.

"Whahay", perciò, si pone come un omaggio all'arte di un grande e discusso personaggio, svolto nel modo più acconcio, prendendo, cioè, le mosse da un determinato repertorio per discostarsi e tradirlo, in un certo senso e produrre così un qualcosa di personale.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
27/01/2008

Chili Jazz 2007: "A pochi chilometri dal confine ungherese, in una regione immersa tra ridenti colline su cui pascolano numerosi greggi di pecore e mucche e si incontrano splendidi cavalli, si è svolto un festival dedicato all'avanguardia e all'improvvisazione." (Giovanni Greto)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 367 volte
Data pubblicazione: 18/09/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti