Jazzitalia - Dimitri Grechi Espinoza, Tito Mngialajo Rantzer: When We Forgot The Melody
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

E' morto Ben Riley, batterista di Thelonious Monk.

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

Secondo appuntamento per la rassegna del The Empty Space presso RED Eventi di Gusto di Molfetta, con la presentazione del nuovissimo disco della vocalist Francesca Leone.

Chick Corea, Steve Gadd, Dave Douglas, Carla Bley, Steve Swallow e molti altri i protagonisti di Giordano In Jazz Winter Edition 2017.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Il Saint Louis, Istituzione di Alta Formazione Artistica Musicale autorizzata dal Miur a rilasciare titoli accademici di I e II livello, apre le iscrizioni al prossimo anno accademico 2016/2017.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            AMELIA SMOOTH JAZZ (gruppo)
            AUTINO Adriano (chitarra)
            CAIAZZA Igor (perccussioni)
            CIMINO Lorenzo (tromba)
            DI IENNO Gianluca (piano)
            ESPOSITO Sergio (chitarra)
            GIOLLI Marco (batteria)
            MINI Elisa (voce)
            MOON WALKER JAZZ BAND (gruppo)
            PELLITTERI Marcello (batteria)
            PIRAINO Alessandro (chitarra)
            RONCA Marco (piano)
            SCARAMELLA Giulio (piano)
            SILVESTRI Vittorio (chitarra)
            VENTUROLI Danilo R. (piano)
            VIGNALI Michele (sax)
Dimitri Grechi Espinoza, Tito Mngialajo Rantzer
When We Forgot The Melody



Rudi Records (2011)

1. When we forgot the melody
2. 2nd time we forgot the melody
3. 3th time we forgot the melody
4. 4th time we forgot the melody
5. 5th time we forgot the melody
6. 6th time we forgot the melody
7. 7th time we forgot the melody
8. 8th time we forgot the melody
9. 9th time we forgot the melody

Dimitri Grechi Espinoza - alto sax
Tito Mangialajo Rantzer - doublebass


Dimitri Grechi Espinoza è noto come leader del gruppo "Dinamitri jazz folklore", un ensemble che spinge molto verso un jazz di pura matrice afroamericana, la "Great Black Music" sbandierata dall'Art Ensemble Of Chicago per intenderci. Mangialajo Rantzer è, allo stesso modo, bassista favorito dei musicisti italiani più indirizzati rispetto alla progettualità e alla ricerca, quali Giovanni Falzone o Antonio Zambrini. L'incontro su Cd dei due artisti avviene attraverso nove brani originali dal titolo emblematico di "When we forgot the melody". C'è una qualche provocazione o perlomeno una contraddizione esibita in questa scelta. La melodia, infatti, aleggia o compare a tutti gli effetti dentro il disco. Non è assolutamente bandita o dimenticata, semmai è recuperata nei meandri della memoria come un residuo che non si può resettare. Il duo marcia dritto in direzione di un jazz-jazz, dopo aver attraversato, nelle rispettive esperienze, pure territori di confine o appena oltre lo stesso limite. E' un jazz con ascendenze cool, rivisto con uno spirito contemporaneo o meglio con la volontà di ritornare a determinati climi per assaporarli, riappropriandosene.
Il sax di Grechi Espinoza ha un suono caldo, il suo fraseggio è stretto, bene articolato con sequenze di note puntate e distinte, l'uso di cliché - ma personalizzati- per un omaggio più o meno dichiarato, in linea diretta o obliqua, a Lee Konitz e a quel tipo di stile, ma non solo.

Mangialajo accompagna il partner con un timbro secco e deciso del suo contrabbasso, attento a seguire le direzioni suggerite o rese esplicite dal collega in un dialogo sempre incisivo e fruttuoso.
Alla prova dei fatti si ascolta un jazz al naturale, quasi biologico, privo di additivi e contaminazioni. Un'operazione di riciclaggio attivo di materiali magari giacenti fra i ricordi dei due protagonisti, ma vivi e pulsanti, privi di ogni "odore" di muffa o di stantio.

Fra i vari pezzi si raccomanda all'ascolto il quarto tempo che si apre con un solo di atmosfera ellingtoniana da parte dal sax alto, a cui si intreccia un basso prima contrastante e nervoso, poi discorsivo, ritmico e swingante. Anche il sesto ha parecchi motivi di interesse. Qui iniziano in coppia con un dialogo serrato, fra note aeree e controllate astrazioni di Grechi Espinoza e ritorni sul pezzo, mentre Mangialajo concretizza un accompagnamento quanto mai realistico e di base. Nel n.7 il musicista livornese parte con accenni atonali e passaggi avanguardistici per confluire in una ballad della "più bella acqua", dove il dialogo fra i due strumenti non può non rammentare lo storico connubio Konitz-Mitchell.

In conclusione un disco da sentire rinunciando ad aspettative nei confronti di un jazz avanzato, proiettato verso il futuro. Qui i due musicisti hanno lasciato perdere i tentativi di rimodernare, di attualizzare o di trasgredire. Si sono limitati, come opzione di fondo, a improvvisare senza sovrastrutture mentali o di metodo. Si sono dedicati, in fin dei conti, ad una collaborazione quali buoni jazzisti, divertendosi sicuramente nell'operazione e riuscendo, però, a convincere, oltre il piacere del divertimento superficiale fine a sé stesso. C'è della profondità, dello spessore, infatti, nella musica di questo duo. Basta ascoltare con attenzione il disco per accorgersene.

Gianni Montano per Jazzitalia






Articoli correlati:
26/12/2016

Dedications (Tito Mangialajo Rantzer Quartet)- Gianni Montano

26/01/2015

Aurum (Piero Delle Monache)- Alceste Ayroldi

08/06/2014

Young Jazz Festival 14: "Dieci anni di Young Jazz a Foligno, celebrati con un'edizione densa di appuntamenti, che ha puntato a valorizzare il centro storico della cittadina umbra con una serie di momenti musicali di notevole spessore." (Vincenzo Fugaldi)

25/05/2014

Suoni, Parole, Ritmi del mondo - V Edizione: "...quattro appuntamenti dignitosissimi, malgrado l'attuale periodo di crisi generalizzata, collegati dall'idea dell'omaggio a personaggi che hanno fatto la storia della musica afroamericana." (G. Montano - A. Gaggero)

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

08/09/2013

Slight Imperfection (Paolo Botti Quartet with Betty Gilmore)- Marco Buttafuoco

17/06/2013

La Società Delle Maschere (Dinamitri Jazz Folklore)- Gianni Montano

07/10/2012

Thunupa (Piero Delle Monache)- Matteo Mosca

27/11/2010

Large (Silvia Bolognesi Open Combo)- Vincenzo Fugaldi

31/07/2010

Progetto Macchiaioli (Quintetto di Livorno) - Cinzia Guidetti

06/03/2010

Darwinsuite (Ferdinando Faraò) - Giuseppe Mavilla

13/02/2010

Are U Standard? (Minardi - Grechi Espinoza - Pintori - Mangialajo Rantzer - Spina)- Rossella Del Grande

06/01/2010

Everything We Love (Francesca Ajmar)- Rossella Del Grande

02/01/2010

Out Of a Logical Choice (Michele Franzini)- Rossella Del Grande

14/09/2008

R-Evolution Suite (Giovanni Falzone Contemporary Orchestra)

22/12/2007

Brisa (Doze Cordas Trio)

05/01/2007

Congo Evidence (Dinamitri Jazz Folclore & Sadiq Bey)

27/12/2006

Artistic Alternative Music (Dimitri Grechi Espinoza)

05/09/2003

Folklore in black (Dinamitri Jazz Folklore avec Tony Scott)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.404 volte
Data pubblicazione: 17/03/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti