Jazzitalia - Paolo Faga: Without Name
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

XXXVIII Edizione di Roccella Jazz Festival 2018 - Rumori Mediterranei: Un omaggio all'Italia, al contributo italiano offerto alla musica di tutto il mondo.

Seconda edizione del Premio Internazionale "Pino Massara" per giovani compositori di musica pop e jazz. Premi per un totale di 25.000 euro.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            AUTINO Adriano (chitarra)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            RONCA Marco (piano)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VIGNALI Michele (sax)
Paolo Faga
Without Name



UltraSound Records - 2010

1. Tutu (Marcus Miller)
2. Seven Steps To Heaven (Miles Davis)
St. John (Paolo Faga)
4. Intro to without (Paolo Faga)
5. Without Name (Paolo Faga)
6. Flamenco Sketches (Miles Davis)
7. To Miles (Paolo Faga)
8. Free(t)to mist (Paolo Faga)
9. Tangezzango (Paolo Faga)

Paolo Faga - tromba)
Alex Carreri - basso elettrico ed acustico
Giorgio Di Tullio - batteria
Mario Zara - piano acustico ed elettrico
Vittoria Suppa - piano in "Tangezzango"

special guest:
Flavio Nicotera - sax tenore



Via Cascina Sparapina, 2
27011 Belgioioso Pavia

email:
info@ultrasoundrecords.it


Un "quasi tributo" a Miles Davis in questo esordio del trombettista Paolo Faga che, oltre a dedicare un brano di sua composizione al grande maestro, va a rivisitarne tre classici di epoche e stili diversi. Mentre "Seven Steps To Heaven" e "Flamenco Sketches" vengono dal repertorio più "classico" dei quintetti di Davis dei primi anni sessanta, "Tutu" - di Marcus Miller - è invece una delle ultime gemme "elettriche" degli anni ottanta. In questo caso il problema – di ardua soluzione - è quello di riuscire svincolarsi dall'ombra immensa di uno dei giganti della musica, innanzitutto riconoscendo il debito ad una tale eredità e cercando, poi, di costruire una chiave di lettura personale, per quanto possibile.

Miles Davis e Chet Baker costituiscono l'alfa e l'omega della poetica di Paolo Faga, in un disco che nel complesso privilegia i tempi medi e le atmosfere sospese. In questo quadro sorprende il fatto che i momenti più convincenti arrivino allorchè il gruppo si allontana dai classici stilemi davisiani che permeano tutto l'album, e cerca strade più avventurose, in odore di free-jazz, come nell'estesa libera improvvisazione di "Intro to Without", una spiazzante cadenza di oltre sette minuti caratterizzata dapprima da un serratissimo dialogo tromba-batteria, seguita a ruota da un altrettanto avvincente incontro-scontro tra contrabbasso e sax tenore e chiusa liricamente dal piano di Mario Zara.

In particolare il sax di Flavio Nicotera onora a pieno il ruolo di "ospite d'onore" della formazione, dando un incisivo apporto espressivo in tutti i brani, con un fraseggio sicuro e autorevole. La sezione ritmica in alcuni brani si elettrifica, con basso e piano elettrico, per dare il giusto risalto alle composizioni originali di Faga come in "Without Name" e soprattutto "Free(t)to Mist", dal sapore più decisamente "funk". "Tangezzango" è una bella esecuzione per piano solo di Vittoria Suppa, moglie del leader, che interpreta con sensibilità il brano a lei dedicato.

Un disco gradevole fatto di atmosfere post-bop, con la giusta dose di suggestioni elettriche e qualche ponderata escursione nei territori più sperimentali.

Roberto Biasco per Jazzitalia







Articoli correlati:
09/08/2014

Jaz7even (Gianluca Chiarini Tetra Quartet)- Gianni Montano

08/06/2014

Dune (F.M. 4tet plus Mauro Negri)- Nina Molica Franco

25/03/2014

Stories Yet To Tell (Giorgia Barosso)- Francesco Favano

08/04/2012

A Life Behind (Cromax)- Andrea Gaggero

06/11/2011

Res Nova (Mattia Cigalini) - Alceste Ayroldi

18/10/2011

Volume I (Quartetto Z) - Alceste Ayroldi

08/05/2011

Reflections (Claudio Fasoli Emerald Quartet) - Alceste Ayroldi

07/02/2011

Natura Morta Con Flauto (Beppe Aliprandi Jazz Accademy New 4tet)- Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

04/12/2010

Monday Orchestra (Monday Orchestra)- Roberto Biasco

07/11/2010

L'ora blù (Toni Germani Quartet) - Cinzia Guidetti

23/10/2010

Elè (Fabio Zambelli Trio)- Alessandro Carabelli

06/02/2010

Hard To Find - Tribute To Leroy Vinnegar (Giovanni Sanguineti)- Roberto Biasco

06/01/2010

Everything We Love (Francesca Ajmar)- Rossella Del Grande

05/01/2010

Through The Rain (Debora Lombardo - Mario Zara)- Rossella Del Grande

26/12/2009

Intrecci (Paola Atzeni – Marco Bianchi)- Roberto Biasco

26/12/2009

Free (Antonietta Sanna)- Rossella Del Grande

22/11/2009

Not Really Jazz (Marcello Testa Trio)- Stefano Ferrian

03/08/2009

To Advance (Luigi Bonafede Quintet) - Roberto Biasco

28/06/2009

All I Missed (Gendrickson Mena Quintet) - Eva Simontacchi

22/06/2009

Donne in Jazz (AA. VV.)

13/04/2009

High Energy (New Trio One)

15/03/2009

Real Life (Lorenzo Erra, Marco Conti, Gio' Rossi)

23/11/2008

An Ordinary Week (Marcello Testa Trio)

02/11/2008

Way Out (Debora Lombardo Quartet)

22/04/2008

Gendrickson Mena Quartet al Blue Note di Milano: "La bravura e la grandezza di un trombettista è data da fattori quali il talento innato e lo studio personale, doti che Gendrickson Mena possiede e coltiva, e che lo portano ad evolvere sempre più il suo stile e la sua tecnica. La dote più ambita per un musicista è quella di farsi riconoscere alle prime note di un brano; la voce di Gendrickson Mena è riconoscibile fin dall'attacco del suono." (Marco Luigini)

27/12/2007

Private Tales (Zara - Goloubev - Zanoli)

27/12/2007

Promenade (Claudio Fasoli Emerald Quartet)

23/09/2007

Gendrickson Mena & The New Cuban Experience al Blue Note: "L'accoglienza da parte del pubblico è estremamente calorosa, in parte perché il personaggio di Gendrickson Mena incontra molto il favore del pubblico grazie alla sua simpatia e alla sua spontaneità, e in parte anche grazie al calore e all'energia che i musicisti infondono nella musica." (Eva Simontacchi)

15/09/2007

Gospel Fusion Vol. 3 - Revolution (Corale Universitaria Lorenzo Valla)

07/05/2006

Colours (Erra - Di Tullio - Goloubev)

07/05/2006

Lucky Escape (Simone Lisino)

07/05/2006

Thinking Blue (Alberto Bonacasa 4et)

07/05/2006

Just In Time (Riccardo Bianchi)

22/08/2005

Songs (Mario Zara)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 3.317 volte
Data pubblicazione: 19/09/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti