Jazzitalia - Wolff/Angiuli/Fryland: Prelude
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Bari in Jazz: Caetano Veloso, Francesco De Gregori, Paolo Fresu, Andrea Motis, Michel Godard, Redi Hasa, Aziza Brahim, Daniele di Bonaventura, Daniele Sepe, Amaro Freitas, Lucia Carvalho e molti altri per uno degli eventi più attesi dell'estate pugliese .

XVII edizione del Multiculturita Summer Fest: Tre concerti di particolare pregio e spessore all'insegna dell'incontro tra il jazz e le altre musiche con Patrizia Laquidara, Bungaro e Nino Buonocore.

XI edizione del CEMM Summer Camp aperto a tutti i musicisti professionisti e amatori, iscritti a scuole di musica, istituti musicali e Conservatori all'interno delle prestigiose Fattorie di Celli.

Serata finale del Concorso il Jazz ed i Colori della Musica ad Avellino con Paolo Fresu, Ada Montellanico, Franco Caroni, Alceste Ayroldi, Danilo Rea, Maria Pia De Vito, Pietro Condorelli.

Al via la terza edizione del Festival "Gianicolo in Musica 2019", anche quest'anno la collaborazione con il Saint Louis College of Music e direzione artistica affidata a Roberto Gatto.

Saranno gli Yellowjackets, la più longeva e creativa fusion band della storia ad aprire la 1^ Edizione del JAZZ in Masseria Celentano.

Samba De Roda, Corso on Line di batteria ideato da Alessandro D'Aloia, per studenti di livello intermediario - avanzato..

GaiaJazz VII Edizione. Con la direzione artistica di Antonio Farao', 4 appuntamenti di altissimo valore artistico .

BariJazz: il 22 luglio annunciato a Fasano Caetano Veloso, ultima data del tour italiano.

Cinquant'anni di ECM, al Teatro la Fenice un evento speciale con i tre concerti di Anouar Brahem, Egberto Gismonti, Enrico Rava. .

Il leggendario chitarrista Kenny Burrel in gravi difficoltà di salute e finanziare. Lettera della moglie per poterlo aiutare!.

Ecco la segnalazione di tutti i pezzi mancati dalla prestigiosa Collezione Attilio Berni a seguito del furto subito lo scorso 20 aprile 2019. Diamo un contributo al ritrovamento..

Marsicovetere Jazz Contest 2019 - ad agosto il contest riservato a giovani musicisti italiani, gruppi e solisti, di età inferiore a 35 anni.

Furto di Sax alla collezione privata del Maestro Berni. Trafugato anche un Selmer appartenuto a Sonny Rollins.

Ravenna Jazz 2019. Il festival ravennate raggiunge la 46ma edizione, caratterizzata da una programmazione ad ampio raggio: ben dieci giorni di musica con concerti diffusi su tutto il territorio cittadino..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry..

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Lorenzo Vitolo, pianista jazz, vince il prestigioso concorso per solisti Leiden Jazz Award 2019.

"La batteria jazz, strumento per...tamburi e griot", libro a cura di Enzo Lanzo con 21 assoli di batteristi jazz che hanno rivoluzionato il jazz drumming.

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Wolff/Angiuli/Fryland
Prelude



Your Favourite Jazz 2010 - Yjfcd 019

1. A Night To Forget
2. Luna di mezzogiorno
3. Wait A Minute
4. Casus belli
5. Prelude
6. Countdown
7. Acometano
8. Walt's Waltz
9. Neurotic Sunday
10. Lamma oss ej

Walter Wolff - pianoforte
Francesco Angiuli - contrabbasso
Andreas Fryland - batteria


Quanto proviene dall'Europa jazzistica diventa sempre più interessante e smuove quelle acque che, oramai, appaiono rese torbide dal modern mainstream, piuttosto ripetitivo e creato più per un pubblico dal palato ingrassato che per amanti dell'improvvisazione. La vena creativa nordeuropea, già da qualche tempo, ha intrapreso una strada del tutto differente rispetto ad un certo jazz cristallizzato che parte dagli Stati Uniti per ritagliarsi ampi spazi anche nel nostro Stivale. E per fortuna anche gli italiani – solo alcuni, però – sono coinvolti in tale nouvelle vague con produzioni, collaborazioni e composizioni di buon spessore. Ne è adamantina prova il trio Wolff – Angiuli – Fryland che unisce le fredde terre del nord con quelle assolate e marine della Puglia. Una sinergia più che proficua visti i risultati di Prelude, album licenziato per la Your Favourite Jazz, anello della Your Favourite Records, ottima etichetta danese fondata nel 2005 dal pianista Lars Winther, dall'orecchio particolarmente attento e lungimirante.

Walter Wolff, tre decadi di vita non ancora compiute, pianista finlandese sedente in Olanda che ha studiato privatamente nientedimeno che con Brad Mehldau, esperienza che ha notevolmente influenzato il suo tocco. Francesco Angiuli è un giovane contrabbassista di Monopoli, bella cittadina a sud di Bari. Da sempre ha fatto della ricerca il suo "credo" ed ha studiato con intensità, abnegazione e senso del dovere, intraprendendo tutte le strade e possibilità e non per mettersi in mostra, ma per fare vere e sentite esperienze di vita musicale. Dal 2006 studia e vive in Olanda, circostanza che gli ha consentito di suonare in buona parte dell'Europa con crescente successo. Andreas Fryland, danese, di anni ne ha ventisette e buona parte di questi passati con la batteria.

Prelude ruota intorno a composizioni di Wolff, che ne firma la metà, Fryland una e Wait a minute invece è una prova di scrittura corale. A queste si aggiungono Countdown di John Coltrane (dall'epocale album Giant Steps) saggiamente riscritta nel pieno rispetto della cortina di suoni fast-tempo latori di un flusso continuo; Luna di mezzogiorno di Bebo Ferra (dall'album Mari Pintau, 2003), che ben si intona nel contesto lirico del lavoro e dove traspare – forse per mano di Angiuli – una malcelata malinconia mediterranea. Il trittico dei non originals si chiude (e chiosa anche il lavoro) con Lamma oss ej di Carla Holmstrom, solipsistica esecuzione di Wolff di una dolce nenia che sottolinea il fraseggio pesato del pianista finlandese.

La scrittura di Wolff è fresca, ben radicata nella tradizione, ma senza appoggiarvisi sopra con stanchezza. A Night To Forget, brano d'apertura, descrive a chiare lettere l'attaccamento per il trio standard, scevro da noiose ripetizioni, ben attento ad alternare legato e staccato, senza pesare troppo sui muscoli. Gran senso delle dinamiche, opportunamente cucite dal contrabbasso di Angiuli, brillante e rotondo, moderno anche negli assoli, sostenuto a dovere da Fryland, puntuale e preciso, mai invadente e che riesce a trasferire un suono corposo ed avvolgente, come nell'altalenante metrica di Casus Belli, per esempio.

Venature di classicismo oscarpettersoniano, un virtuosismo – quello di Wolff – elegantemente misurato, swingante calato in un palpabile interplay (Neurotic Sunday, fra tutte) che rende ancora più bello questo interessante ed efficace lavoro.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
07/01/2017

Distanze (Vito Ottolino)- Alceste Ayroldi

01/11/2016

Bea (Andrea Sabatino another 5et)- Niccolò Lucarelli

01/02/2015

The night has a thousand eyes (Angelo Adamo, Guido Di Leone, Francesco Angiuli)- Alceste Ayroldi

17/11/2014

Epoca (Onofrio Paciulli)- Alceste Ayroldi

06/10/2014

The Visual (Nino La Montanara - Sri Hanuraga - Francesco Angiuli)- Alceste Ayroldi

08/02/2014

Quattro chiacchiere con...Guido di Leone: "C'è ancora chi pensa che sia una musica difficile e per vecchi: alcuni ragazzi non l'hanno mai sentito. Poi quando lo scoprono se ne innamorano!" (Alceste Ayroldi)

24/06/2012

Cisi, Ionata, Angiuli e Angelucci all'Alexander Platz di Roma: una formazione nata come trait d'union tra il Northbound 4tet e il Max Ionata 4tet per un grande "progetto" a due tenori. (Pasquale Raimondo)

26/09/2010

Al "Perse Visioni", l'European Jazz Trio di Andreas Fryland, Walter Wolff, Francesco Angiuli: "Il concerto ha dato l'idea di un perfetto compromesso fra musica jazz di stampo afro americano e jazz con influenze europee, sia scandinave che mediterranee." (Pasquale Raimondo)

18/03/2010

Javier Girotto Jazz Quartet a Monopoli: "Ho riunito una squadra straordinaria, composta da musicisti di alto livello - ha dichiarato Francesco Angiuli - è stato molto emozionante poter ascoltare la loro 'voce interpretativa' nei brani di mia composizione, così come è stato molto stimolante suonare per la prima volta dei brani di composizione di Girotto, Gwiss e Smimmo, i quali si sono dimostrati molto professionali in tutto". (Pasquale Raimondo)

01/01/2010

Antiche Pietre (Giuliana Soscia & Pino Jodice Italian Tango Quartet)- Alessandro Carabelli

08/03/2009

Latitango (Giuliana Soscia & Pino Jodice, Italian Tango Quartet)

22/12/2004

Intervista a Francesco Angiuli: "...Nel jazz il musicista è continuamente stimolato a mettersi in discussione rischiando e cercando di metter a nudo la propria personalità, cosa che non accade affatto nella musica leggera..." (Alceste Ayroldi)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 2.254 volte
Data pubblicazione: 05/12/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti