Jazzitalia - Recensioni - Jacob Garchik: Ye Olde
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Enrico Rava "Special Edition" In concerto a Monopoli per il suo Rava's 80th Anniversary - World Tour 2019.

presso il Duke Jazz Club di Bari, Bobby Watson meets Dino Plasmati Hammond Trio per la presentazione dell'album "Matera Encounters".

Brad Mehldau per la rassegna Giordano in Jazz Autunno/Inverno 2019 a Foggia, candidato ai Grammy Awards per l'album "Finding Gabriel" .

Umbria Jazz Winter 2019: Cinque giorni di musica da mezzogiorno alle ore piccole, novanta eventi, sette location nel centro storico di Orvieto, trenta band, più di centocinquanta musicisti, una rappresentanza di altissimo livello del jazz italiano. .

Songwriting Camp. Il Saint Louis sostiene le idee di giovani artisti, musicisti e cantautori con un corso gratuito e a numero chiuso realizzato con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell'ambito del programma "Per Chi Crea"..

Giordano in Jazz Autunno/Inverno 2019, edizione del segno delle donne e del piano solo internazionale. Apertura affidata a Linda May Han Oh e poi si continua con Rickie Lee Jones e Brad Mehldau..

Ventisettesima edizione per l'EFG London Jazz Festival, uno dei più importanti festival europei in programma dal 15 al 24 Novembre prossimi con una line up stellare, disseminata fra le principali (e prestigiose) venues della capitale britannica. .

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Il leggendario chitarrista Kenny Burrel in gravi difficoltà di salute e finanziare. Lettera della moglie per poterlo aiutare!.

Ecco la segnalazione di tutti i pezzi mancati dalla prestigiosa Collezione Attilio Berni a seguito del furto subito lo scorso 20 aprile 2019. Diamo un contributo al ritrovamento..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry.

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Rita Marcotulli per la 20a Edizione di Sorrento Jazz.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ALESSI Piero (batteria)
            CALIGIURI Francesco (sax)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Jacob Garchik
Ye Olde



Yestereve Records (2015)

1. Ye Olde of Flatbush
2. The Sinister Scheme of Mortise Mansard
3. A Clue Wrought in Stone
4. The Lady of Duck Island
5. and Meanwhile
6. The Elders of Ocean Pathway
7. Stained Glass Transoms Illuminate a Hidden Crypt
8. The Opossum King of Greenwood Forest
9. Crenulated Corbels
10. Post-Modern Revival
11. while Meanwhile
12. The Battle of Brownstone Bulge
13. Refuge in the Ruins of Castle Martense
14. The Throne Room of Queen Anne

Jacob Garchik - trombone, alto horn, tenor horn
Mary Halvorson - guitar
Brandon Seabrook - guitar
Jonathan Goldberger - guitar, baritone guitar
Vinnie Sperrazza - drums.


Jacob Garchik è un trombonista assai stimato negli Stati Uniti, nel giro di musicisti come Anthony Braxton e Lee Konitz, membro dell' Ensemble Kolossus di Michael Formanek fra l'altro. Per questo cd a suo nome Garchik riunisce tre chitarristi di larghe vedute, con un piede nel jazz e l'altro in musiche di confine ad alto tasso di elettricità. Al trio delle sei corde viene affiancato, poi, un batterista piuttosto orientato verso il rock come Vinnie Sperrazza. Alla base del progetto c'è una storia improbabile di impianto medievale, risalente al 1014. Protagonista è un gruppo di allegri compari che si coalizza per sconfiggere un nemico comune, impersonato da un malvagio architetto. Il disco si configura, quindi, come un concept-album di tematica pseudo-ambientalista.
Nei quattordici segmenti si ascoltano tracce di prog-rock, lampi psichedelici, squarci melodici improvvisi e imprevisti, sequenze solenni e marziali. Sulla selva aggrovigliata, ma non inestricabile, di suoni creati delle tre chitarre e sopra i colpi secchi e incalzanti delle percussioni si erge la voce olimpica del trombone del leader, a volte raddoppiata grazie all'uso dell'elettronica. Si produce, quindi, un contrasto voluto fra le chitarrate pesanti e allucinate e il fraseggio nitido, lineare dello strumento di ottone. E' una musica spesso sopra le righe, con momenti di calma, anche lirici, che non convince appieno, però, anche per la statura dei partner coinvolti nell'impresa. Viene da dire che ci si poteva aspettare di più dalla presenza nel disco di personaggi come la Halvorson o Brandon Seabrook.

In effetti il leader si è invaghito di una idea abbastanza pellegrina e vi ha costruito attorno una musica di gusto retrò, con rimandi alla stagione progressive e zone limitrofe, aggiungendo qualche pennellata di simil- barocco per antichizzare le atmosfere. E' un pastiche con una sua coerenza di fondo, tutto sommato, realizzato dignitosamente, ma privo di contenuti veramente probanti. Le composizioni di Garchik, infatti, non decollano mai, malgrado l'impegno, gli sforzi dei fuoriclasse arruolati nella band.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
15/07/2012

Mestre 2008 (Anthony Braxton Quartet)- Gianni Montano







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 222 volte
Data pubblicazione: 11/09/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti