Jazzitalia - Recensioni - Gabriele Coen Jewish Experience: Yiddish Melodies In Jazz
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Umbria Jazz Winter 2019: Cinque giorni di musica da mezzogiorno alle ore piccole, novanta eventi, sette location nel centro storico di Orvieto, trenta band, più di centocinquanta musicisti, una rappresentanza di altissimo livello del jazz italiano. .

Songwriting Camp. Il Saint Louis sostiene le idee di giovani artisti, musicisti e cantautori con un corso gratuito e a numero chiuso realizzato con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell'ambito del programma "Per Chi Crea"..

Giordano in Jazz Autunno/Inverno 2019, edizione del segno delle donne e del piano solo internazionale. Apertura affidata a Linda May Han Oh e poi si continua con Rickie Lee Jones e Brad Mehldau..

Ventisettesima edizione per l'EFG London Jazz Festival, uno dei più importanti festival europei in programma dal 15 al 24 Novembre prossimi con una line up stellare, disseminata fra le principali (e prestigiose) venues della capitale britannica. .

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Il leggendario chitarrista Kenny Burrel in gravi difficoltà di salute e finanziare. Lettera della moglie per poterlo aiutare!.

Ecco la segnalazione di tutti i pezzi mancati dalla prestigiosa Collezione Attilio Berni a seguito del furto subito lo scorso 20 aprile 2019. Diamo un contributo al ritrovamento..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry.

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ALESSI Piero (batteria)
            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Gabriele Coen Jewish Experience
Yiddish Melodies In Jazz



Tzadik (2013)

1. Bublitcki
2. Di Grine Kuzine
3. Liri
4. Jewish Five
5. Yosel Yosel
6. Der Shtiler Bulgar
7. Bei Mir Bist Du Schoen
8. Mazal Tov from Tobago
9. Yiddish Mame
10. Leena from Palestina

Gabriele Coen - clarinetto, sax soprano e tenore
Pietro Lussu - pianoforte
Lutte Berg - chitarra
Marco Loddo - contrabbasso
Luca Caponi - batteria


E' motivo di orgoglio per Gabriele Coen incidere un secondo cd per la Tzadik, la prestigiosa etichetta di John Zorn. Il disco segue a distanza di tre anni il precedente "Awakening" e sostanzialmente ne ricalca le orme. Il musicista romano si impegna in una rinfrescata, una riverniciata, con lo sguardo del contemporaneo, a un repertorio tradizionale della cultura ebraica o a brani di autore, sempre nello stesso stile e ripresi già dagli uomini del jazz dagli anni Venti-Trenta in poi. L'operazione del clarinettista italiano è su tinte soft: le arie scelte trasudano di storia. Non è lecito stravolgerle. Gli arrangiamenti si limitano ad arricchire la tavolozza di colori ritmici, con un lavoro spesso di scomposizione, in controtendenza, da parte di basso e batteria. La chitarra serve, invece, a fornire un quid rockeggiante alla rilettura dei brani. Lutte Berg si impegna allungando il suono distorto del suo strumento con un timbro, a volte, simile al violino elettrico, strumento che non mancava quasi mai nei complessi yiddish: i conti tornano, nulla è lasciato al caso. E l'operazione di andata e ritorno fra passato e presente è all'ordine del giorno nell'estetica del gruppo.

Le ance del leader sono protagoniste della enunciazione del motivo e poi vi volteggiano attorno con grazia e dinamismo. Coen è particolarmente ispirato con il clarinetto dove rivela radici ben vincolate al modus operandi tipico del klezmer, ma non disattende neppure con i sassofoni con interventi di notevole impatto. Il pianoforte di Pietro Lussu, invece, mette dentro una buona dose di note blue o di romanticismo, a seconda dei casi e funziona da pendolo atmosferico, nel senso che determina o contribuisce a creare il mood dei vari pezzi.
Di fatto la musica risulta piuttosto facile all'ascolto, adatta alla danza, composta da melodie di matrice mediterranea, balcanica, mediorientale, rielaborate con gusto e profonda conoscenza da parte di un polistrumentista- studioso, profondamente coinvolto in questo tipo di impresa.
Due tracce si elevano sulle altre. "Liri", di Mickey Katz, si sviluppa da un solo compositivo del basso di Marco Loddo e miscela yiddish, dixieland e swing in un insieme volutamente sfilacciato, non rifinito. Qui Pietro Lussu, a metà percorso, prende un solo consistente e concettualmente pregno. "Bei Mir Bist du Schoen" è un gioiellino di per sé. Il bel motivo è riletto con un occhio rivolto alla Mitteleuropa e l'altro al blues e al bop. Questa riproposizione si distingue proprio per i cambi di modo e di tempo che si succedono al suo interno..
Gabriele Coen ha composto anche due brani, assolutamente congrui con il resto dell'album, anche se uno ("Mazal Tov From Tobago") ci trasporta in un ipotetico viaggio ai Caraibi, però, con le valigie piene di nostalgia per la terra promessa. E', per semplificare, una sorta di klezmer in vacanza.

L'idea dell'yiddish in jazz ha illustri praticanti e seguaci anche nel panorama contemporaneo. Due nomi su tutti, evitando di citare l'icona Zorn, David Krakauer e Ben Goldberg. Gabriele Coen con questo album prosegue coerente sulla sua strada, pur trovandola piuttosto affollata, come detto. I suoi pregi sono la passione per il genere, la documentazione e l'approfondimento sul campo. In questa maniera riesce a costruirsi uno spazio e a colmarlo con una proposta non di rimbalzo o di risulta, ma che contiene certamente elementi di originalità.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
11/10/2015

Optics (Alice Ricciardi)- Alceste Ayroldi

05/07/2015

Young Jazz Festival 15: "L'undicesima edizione del festival fulginate patrocinato da Umbria Jazz e diretto da Giovanni Guidi ha confermato l'ormai consueto taglio innovativo e la festosa partecipazione di numerosissimi giovani nel nuovo spazio dell'ex cinema Vittoria, oggi denominato Zut!" (Vincenzo Fugaldi)

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

14/04/2013

Piani Diversi (Susanna Stivali)- Marco Losavio

03/03/2013

Joyful (Flavio Boltro 5tet)- Alceste Ayroldi

09/09/2012

Songs From The Top Of The World (Nina Pedersen)- Enzo Fugaldi

22/02/2012

Versus (Vittorio Sabelli R-Evolution Band)- Rossella Del Grande

18/10/2011

Oriental Night Fever (Hector Zazou)- Giovanni Greto

18/08/2011

Challange (Eugenia Munari)- Alessandro Carabelli

10/04/2011

Basentini/Hoffman Quintet alla Casa del Jazz: "Gli arrangiamenti sono ridotti al minimo così come introduzioni e code ma il senso di tutto ciò sta nella prevalenza della pura facoltà improvvisativa, nella ricerca di continui gesti estemporanei. Ogni chorus è diverso dall'altro e la sensazione - a volte - è che Basentini potrebbe continuare a soleggiare all'infinito per la grande varietà di soluzioni lessicali di cui è capace." (Paolo Incani)

07/02/2011

Intervista a Gabriele Coen: "La mia formazione jazz mi ha impedito di diventare un filologo, un esegeta della musica giudaica. Il folk mi ha tenuto lontano dalle secche pericolose del mainstream, dello swing a tutti i costi. Secche nella quale paiono essersi incagliati tanti giovani musicisti, anche talentuosi, della scena jazzistica." (Marco Buttafuoco)

05/12/2010

Charles & Joe (Gianluca Renzi All Stars Orchestra)- Elide Di Duca

05/12/2010

Awakening (Gabriele Coen Jewish Experience)- Vincenzo Fugaldi

01/11/2010

Camera Ensemble (Camera Ensemble)- Paolo Incani

31/07/2010

Stand up...one more time (Ares Tavolazzi - Daniele Pozzovio Quintet) - Marco Buttafuoco

05/07/2010

Lutte Berg Ensemble al Teatro Arciliuto di Roma: "Un jazz o piuttosto un etno-jazz che davvero va oltre i confini di ciò che siamo soliti collocare all'interno di questo genere, senza però lasciare mai l'ascoltatore spaesato." (Laura Mancini)

18/05/2010

Bye Bye Lazybird (Gerardo Bartoccini) - Alceste Ayroldi

22/04/2010

Too High (Marco Acquarelli)- Franco Bergoglio

21/12/2009

Canto De Perdas (Worldream) - Alceste Ayroldi

02/12/2009

Elisabetta Antonini presenta il suo album "Un minuto dopo" all'Alexander Platz di Roma insieme a Gabriele Coen, Alessandro Gwis e Paul McCandless. (Laura Mancini)

25/10/2009

Un minuto dopo (Elisabetta Antonini)- Andrea Gaggero

04/10/2009

Reincarnation Of a Lovebird (Pietro Ciancaglini) - Alceste Ayroldi

19/07/2009

Golem (Gabriele Coen Jewishexperience)- Gianni B. Montano

24/12/2007

Bindi in Jazz (Cristiana Polegri)

07/07/2007

Tjololo (Enrico Bracco)

16/06/2007

Alhambra (Gabriele Coen Atlante Sonoro)

01/10/2006

Gianluca Renzi Sextet a Diagonal Jazz 2006: "Le melodie nascono spesso da un riff di contrabbasso, su cui si sviluppano gli assoli...Il leader del sestetto è in gran forma, accompagna e improvvisa con fervore e gusto del ritmo..." (Andrea Caliò)

13/04/2005

Duende (Gabriele Coen - Atlante Sonoro)

10/03/2005

Solo Trio (L. Cesari - R. Fassi - G. Coen)

24/04/2004

Ensemble (Lutte Berg)





Video:
salis+worldream.mp4
...
inserito il 02/05/2010  da MrGtrHero - visualizzazioni: 2662
HOT CLUB ROMA - SUR LA ROUTE DE DJANGO ROMA 18 -01-2010
HOTCLUB ROMA - SUR LA ROUTE DE DJANGO ROMA 18-01-2010 TEATRO DEI SATIRI con Moreno Viglione chitarra solista, Emanuele Rastelli fisarmonica, Gianfranc...
inserito il 28/01/2010  da MrGtrHero - visualizzazioni: 2903
FUGA A TRE - LUTTE BERG ENSEMBLE
...
inserito il 29/09/2009  da Italclip - visualizzazioni: 2846
MINNUSH
...
inserito il 22/08/2009  da DDFvideo - visualizzazioni: 2608
Ennio Rega in concerto: Asti, Salerno, Biella
...
inserito il 14/04/2009  da Marcellinadeangelis - visualizzazioni: 2485
collettivo dedalus in concerto
...
inserito il 02/09/2008  da checcopallone - visualizzazioni: 2533
Ennio Rega - Fnac
...
inserito il 20/04/2008  da beatmeda - visualizzazioni: 2398
NULLA di Fernando Pessoa musicato da Ennio Rega
...
inserito il 16/03/2008  da applausigroup - visualizzazioni: 2728


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 705 volte
Data pubblicazione: 08/12/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti