Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Videoradio - VR0485

Claudio Campadello
Zone Remote

1. Autumn Leaves
2. Birdland
3. All the things you are
4. Variazioni
5. Resta...resta cu'mme'
6. Colline
7. You are the sunshine of my life
8. Parole mai dette

Polybass trio:
Claudio Campadello -
basso
Lucrezio de Seta -
batteria
Alessandro Gwis -
pianoforte

Nicola Puglielli -
chitarra
Filiberto Palermini -
sax
Giancarlo Evangelisti -
congas

Fare del basso uno strumento autosufficiente, in grado di ricoprire contemporaneamente ruoli armonici, melodici e ritmici è, da tempo, il sogno proibito di molti musicisti d'esperienza. Anche Zone Remote, primo CD di Claudio Campadello, persegue l'obiettivo del "basso polifonico", aggiungendo così un nuovo tassello a questa importante ricerca espressiva.

Campadello è un contrabbassista di vaglia in ambito classico-sinfonico, con alle spalle numerose collaborazioni illustri, soprattutto nel settore delle colonne sonore (a lungo al fianco di Ennio Morricone). In Zone Remote imbraccia invece un 5 corde elettrico, saggiando su territori fusion l'approccio polifonico allo strumento e disegnando un percorso alternato tra cover e brani originali. Il disco si apre con il taglio latin applicato allo standard Autumn leaves, nel quale il basso di Campadello si disimpegna con scioltezza nel duplice lavoro di tessitura dei temi melodici e di accompagnamento tradizionale.

Ancora più impegnativo il meccanismo di sdoppiamento su
Birdland, abbassata di un tono e mezzo per sfruttare le corde a vuoto. In più occasioni la simultaneità delle parti è ottenuta acquisendo la tecnica chitarristica di arpeggio con pollice (Colline e You are the sunshine of my life), mentre questa viene integrata da un maggiore ventaglio di soluzioni (legati, armonici, interventi percussivi) in Parole mai dette, brano conclusivo dell'album.

Da ricordare il contributo della chitarra di Nicola Puglielli, sul classico di Stevie Wonder, oltre al prezioso supporto di Alessandro Gwis al piano e Lucrezio De Seta alla batteria.
Simone Maiolo






Articoli correlati:
21/01/2006

LEZIONI (Basso elettrico): Fili: una mia composizione (Claudio Campadello)

17/06/2004

LEZIONI (Basso elettrico): Una melodia del XVII secolo di Henry Purcell (Claudio Campadello)

31/12/2003

LEZIONI (Basso elettrico): Secondo studio polifonico elementare con esempio sul brano Birdland di Joe Zawinul. (Claudio Campadello)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 6.040 volte
Data pubblicazione: 12/08/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti