Jazzitalia - News: Proposta di legge per erogare 1 Milione di euro l'anno al Festival Umbria Jazz.
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Tour americano di Fabrizio Bosso con il suo quartetto, da Chicago a New York, passando per Greensboro e Washington.

Anteprima Beat Onto Jazz Festival 2018: Presentazione del libro "Puglia, le età del jazz" di Ugo Sbisà e tributo a Michel Petrucciani con Nico Marziliano.

Mast Bari organizza un workshop di Legislazione musicale e dello spettacolo con Alceste Ayroldi.

Serata all'insegna del groove per la rassegna Special Guest. Di scena il Soul Train R-Evolution di Michele Papadia con Fabrizio Bosso & Serena Brancale.

Siae & Co.: workshop di Alceste Ayroldi che illustra le leggi fondamentali del settore musicale e dello spettacolo.

Cammariere, Paoli e Rea, Chano Dominguez e il progetto Hudson di Jack Dejohnette &, John Scofield per la 29ma edizione di Notti di Stelle, il festival jazz della Camerata Musicale Barese.

Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Serena Brancale, Javier Girotto e Martin Bruhn per la II edizione del Festival Special Guest nato dalla collaborazione tra il Teatro Eliseo e il Saint Louis College of Music.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            AUTINO Adriano (chitarra)
            CAIAZZA Igor (perccussioni)
            CIMINO Lorenzo (tromba)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            ESPOSITO Sergio (chitarra)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RONCA Marco (piano)
            SCARAMELLA Giulio (piano)
            VENTUROLI Danilo R. (piano)
            VIGNALI Michele (sax)
News n. 23677 del 24/12/2016 >> tutte le news...


Proposta di legge per erogare 1 Milione di euro l'anno al Festival Umbria Jazz

Il 18 ottobre 2016, l'on. del PD Marina Sereni, insieme ad altri colleghi onorevoli, si è fatta promotrice di una proposta di legge per rendere "il festival Umbria Jazz tra le manifestazioni musicali e operistiche di assoluto rilievo internazionale" e che porterebbe, in base alla legge 20 dicembre 2012, n. 238, ad ottenere un finanziamento annuale di 1 milione di euro.

Di seguito riportiamo il testo integrale della proposta di legge disponibile sul sito della Camera dei Deputati.

XVII LEGISLATURA
PROPOSTA DI LEGGE
d'iniziativa dei deputati
SERENI, ASCANI, CIPRINI, GALGANO, GALLINELLA, GIULIETTI, LAFFRANCO, VERINI
Modifiche alla legge 20 dicembre 2012, n. 238, per il sostegno e la valorizzazione del festival Umbria Jazz
Presentata il 18 ottobre 2016
Onorevoli Colleghi! — Il festival Umbria Jazz, con i suoi quarantatré anni di storia, è la più famosa manifestazione jazz in Italia e una delle più importanti del mondo. È l'unico festival italiano membro dell'International Jazz Festival Organization che associa le sedici principali manifestazioni del settore nel mondo.

Fin dalle prime edizioni, gratuite e ambientate nelle piazze dell'Umbria, ha portato il jazz alla fruizione di un pubblico molto più vasto di quello legato ai piccoli spazi svolgendo un ruolo di diffusione e di conoscenza del jazz, soprattutto tra i giovani.

In seguito, stabilmente collocato a Perugia, ha promosso a livello internazionale una formula strettamente legata al territorio, ai centri storici e allo stile di vita italiano.
È importante ricordare, a riprova del successo di pubblico, che la voce principale delle entrate finanziarie, pari, in media, a oltre un terzo del costo complessivo, deriva dalla vendita dei biglietti.
Dal punto di vista artistico il festival Umbria Jazz ha presentato nelle varie edizioni tutti i grandi interpreti americani ed europei ma nello stesso tempo ha contribuito in modo significativo alla crescita del jazz italiano accompagnando molti musicisti nella loro evoluzione artistica e dando un fondamentale impulso all'attuale elevatissimo standard di qualità della scena jazz nazionale.
Da oltre venticinque anni durante il festival si tengono a Perugia, in collaborazione con Berklee College of Music di Boston e con il Conservatorio di musica, corsi di formazione che hanno permesso a migliaia di giovani musicisti italiani e provenienti da tutto il mondo di perfezionare il linguaggio e la cultura jazz.

Nel corso degli anni Umbria Jazz ha organizzato con il suo marchio manifestazioni in tutto il mondo: Stati Uniti d'America, Australia, Brasile, Argentina, Giappone, Serbia, Sudafrica e Cina. In particolare, la Fondazione che organizza il festival (di cui sono soci la regione Umbria e il comune di Perugia) ha appena concluso un accordo che prevede nei prossimi cinque anni la realizzazione, nella Repubblica Popolare Cinese, di un festival con il marchio di Umbria Jazz. In questi eventi i musicisti italiani hanno sempre avuto un ruolo da protagonisti che ha permesso loro di affermarsi dovunque come interpreti di una visione originale, legata alle tradizioni, colte e popolari, della musica italiana. Nei mesi scorsi un nutrito gruppo di musicisti ed esperti italiani e stranieri ha lanciato un appello per sostenere il festival Umbria Jazz e riconoscerne pienamente il valore nazionale e internazionale «Sarebbe, insieme, un giusto riconoscimento non solo per il lavoro sin qui compiuto, ma anche per l'intero movimento jazzistico nazionale (gli altri festival definiti di interesse nazionale si occupano in gran parte di melodramma e di musica sinfonica) attraverso la manifestazione storicamente più prestigiosa. Il riconoscimento cadrebbe proprio nell'anno, il 2017, in cui il mondo del jazz e non solo festeggerà una ricorrenza importante: i cent'anni dalla registrazione del primo disco di questa musica che, guardacaso, venne effettuata in America da un musicista di sangue italiano come Nick La Rocca, figlio di siciliani emigrati a New Orleans». (Renzo Arbore, Stefano Bollani, Stefano Di Battista, Paolo Fresu, Roberto Gatto, Rosario Giuliani, Giovanni Guidi, Dado Moroni, Alessandro Paternesi, Enzo Pietropaoli, Mario Raja, Enrico Rava, Danilo Rea, Fabrizio Sferra, Giovanni Tommaso, Herbie Hancock, Wayne Shorter, Chick Corea, Sonny Rollins, Hiromi, Christian McBride, Marcus Miller, Brandford Marsalis, Brad Mehldau, Joshua Redman, Ron Carter, George Wein, Joe Lovano, Tony Bennet).
Oltre alla edizione estiva di dieci giorni, la cui formula comprende una media di venti spettacoli quotidiani, a pagamento e per la maggior parte gratuiti, da venticinque anni si aggiunge un'edizione invernale, Umbria Jazz Winter, che si svolge a Orvieto nel periodo delle feste di fine anno.
Grazie alla loro formula che prevede eventi diffusi nei centri storici, i due festival esercitano una forte attrattiva turistica. Il festival Umbria Jazz infatti è stato ed è uno degli strumenti di promozione delle bellezze italiane e del made in Italy.
Il festival Umbria Jazz in definitiva è una manifestazione economicamente sana e in costante crescita, il cui potenziale potrebbe ulteriormente consolidarsi grazie a risorse che vadano oltre la dimensione locale degli attuali strumenti di finanziamento, il che permetterebbe al festival di svolgere con ancora maggior forza il compito che si è dato di promotore del jazz come musica d'arte e della cultura italiana nel mondo.
Con la presente proposta di legge si intende dunque proporre l'inclusione del festival Umbria Jazz tra le manifestazioni musicali e operistiche di assoluto rilievo internazionale ai sensi della legge 20 dicembre 2012, n. 238, e conseguentemente l'erogazione di un contributo finanziario annuo, a decorrere dal 2017, di un milione di euro a favore della Fondazione di partecipazione Umbria Jazz per l'organizzazione del festival Umbria Jazz affinché lo stesso possa svilupparsi in modo compatibile e coerente ad altri festival di rilievo nazionale e internazionale.


News correlate:

Al via Umbria Jazz Winter #24: si comincia mercoledi' con un omaggio di Fresu e Curreri a Dalla e De Andre' e con il Trio di Chihiro Yamanaka (27/12/2016)
Umbria Jazz premiata per il Festival di Chengdu in Cina (16/11/2016)
Umbria Jazz Assist: il 30 settembre in solidarietà con, tra glia altri, Arbore, Bollani, Paoli, Fresu, Rava, Di Battista, i Funk Off, Bosso, Marcotulli (07/09/2016)
Umbria Jazz Assist: il 30 settembre in solidarietà con, tra glia altri, Arbore, Bollani, Paoli, Fresu, Rava, Di Battista, i Funk Off, Bosso, Marcotulli (03/09/2016)
Iniziate le prevendite per il concerto del 9 Luglio di Diana Krall ad Umbria Jazz 16 (23/12/2015)
Umbria Jazz nel 2016 sbarcherà nella Repubblica popolare cinese e vi organizzerà un festival in cui i musicisti italiani avranno un ruolo importante. (18/12/2015)
A Umbria Jazz 16 Mika il 10 luglio. Le prevendite dei biglietti avranno inizio alle 18 di lunedì 14 dicembre. (12/12/2015)











Bookmark and Share
News visualizzata 485 volte