Jazzitalia - News: E' morto il pianista Cecil Taylor, aveva 89 anni
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

E' morto il pianista Cecil Taylor, aveva 89 anni.

"The Early Ragtime". A cento anni dalla scomparsa di Scott Joplin, a San Severo una serata dedicata al ragtime con Marco Fumo ed Alceste Ayroldi.

Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Serena Brancale, Javier Girotto e Martin Bruhn per la II edizione del Festival Special Guest nato dalla collaborazione tra il Teatro Eliseo e il Saint Louis College of Music.

A Bari, in esclusiva per il Sud Italia, Free The Opera, il progetto italo-americano, già candidato ai Grammy Award di Fabrizio Mocata, Gianmarco Scaglia e Paul Wertico..

Tra gli appuntamenti della settimana del 31/o Valdarno Jazz anche due guide all'ascolto in compagnia del critico musicale Alceste Ayroldi, venerdì 9 e sabato 10 marzo.

Workshop di Comunicazione Musicale e Music Management con Alceste Ayroldi. .

Master class e concerto finale con Mario Rosini: "Reinterpretazione e rilettura del repertorio del canto jazz e pop".

Piacenza Jazz Fest XV Edizione: Più di 50 eventi in 40 giorni. Grande attesa per Toquinho Dave Douglas, Uri Caine, Lee Konitz, Michel Portal, Mauro Ottolini e Vjay Iyer.

Blue Note Off: La musica del Blue Note esce dallo storico locale per andare in location "unconventional", non solo a Milano.

Fred Hersch, Billy Child, John Mclaughlin, Cècile McLorin Salvant, Christian McBride, Miguel Zenón, Pablo Ziegler, sono alcuni dei musicisti che si contenderanno il Grammy Award 2018.

Otto concerti per il ritorno nel Napoli Jazz Winter. Un cartellone di respiro internazionale per la XII edizione della rassegna.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            AUTINO Adriano (chitarra)
            CAIAZZA Igor (perccussioni)
            CIMINO Lorenzo (tromba)
            DI IENNO Gianluca (piano)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            ESPOSITO Sergio (chitarra)
            FUMO Marco (piano)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            MINI Elisa (voce)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PELLITTERI Marcello (batteria)
            RONCA Marco (piano)
            SCARAMELLA Giulio (piano)
            SILVESTRI Vittorio (chitarra)
            VENTUROLI Danilo R. (piano)
            VIGNALI Michele (sax)
News n. 24404 del 07/04/2018 >> tutte le news...


 

E' morto il pianista Cecil Taylor, aveva 89 anni
foto in home page di Riccardo Crimi

Cecil Taylor
foto by Riccardo Crimi

Cecil Percival Taylor, nato il 25 marzo 1929, è morto nella sua casa di Brooklyn, il 5 marzo del 2018, all'età di 89 anni.

Di formazione classica, Taylor è noto per il suo enorme contributo al free jazz, di cui è stato uno dei pionieri. Dotato di un pianismo percussivo, dissonante, alla ricerca di quell'oltre che riuscisse da un lato a trasporre l'energia corporea nel suono prodotto dal gesto e dall'altro la decostruzione massima possibile di qualunque elemento armonico e ritmico riconducibile a radici della tradizione afroamericana sempre presente nel suo background .

Cresciuto nei Queens, a New York, ha iniziato a suonare il piano all'età di sei anni incoraggiato dalla madre. Ha poi frequentato il New York College of Music e il New England Conservatory di Boston dove si è diplomato in composizione ed arrangiamento ed è stato proprio in questo periodo in cui ha avuto le prime influenze della musica contemporanea europea prevalentemente attraverso i compositori Bartók e Stockhausen.
Nel 1955, Taylor torna a New York dove forma un quartetto con Steve Lacy (sax soprano), Buell Neidlinger (basso), Dennis Charles (batteria).
La sua prima registrazione, "Jazz Advance", è del 1956 ed è incisa insieme a Lacy col quale, sempre nel quartetto, si esibisce nel 1957 al Newport Jazz Festival che poi diventa l'album "At Newport". Nello stesso periodo collabora anche con John Coltrane incidendo l'album "Stereo Drive", attualmente disponibile con il titolo "Coltrane Time".

La musica di Taylor, nel decennio '50 - '60, diviene sempre più complessa allontanandosi dagli stilemi tipicamente jazzistici tanto da non riuscire ad essere ingaggiato dai club i quali cercavano un jazz più tradizionale. Taylor utilizzava anche uno spiccato virtuosismo con rapidi cambiamenti di stile e ritmici, frase dopo frase, caratteristica che ha poi sempre identificato la musica del pianista.
Negli anni '60 Albert Ayler collabora con Taylor e registrano varie sessioni che poi sono state pubblicate solo nel 2004 in un box di Ayler.

Dal 1961, Taylor lavora regolarmente con Jimmy Lyons al sax alto che, insieme anche al batterista Sunny Murray (e successivamente Andrew Cyrille) compongono il nucleo principale di "The Unit", durato fino al 1986, quando Lyons scompare prematuramente. La vicinanza di Lyons al jazz parkeriano, rendeva la musica avanguardistica del The Unit di Taylor comunque collegata alla tradizione. Numerose le incisioni tra cui vanno menzionate "Conquestador" e "Unit Structures" per la Blue Note e il livel al Cafè Montmartre di Copenhagen pubblicato nell'album "Nefertiti" (1962).

Dopo la morte di Lyons, agli inizi del '90 Taylor forma il "Feel Trio" con William Parker (bass) e Tony Oxley (drums). Il trio ha un approccio musicale più astratto rispetto a "The Unit" avvicinandosi ancora molto all'improvvisazione europea. Taylor, infatti, ha vissuto molti anni a Berlino dove ha suonato con musicisti free com Oxley, Derek Bailey, Evan Parker, Han Bennink, Tristan Honsinger, Louis Moholo e Paul Lovens.

Negli anni 2000 Taylor ha continuato a registrare e suonare dal vivo con musicisti come Joe Locke, Max Roach, e incontrando anche il poeta Amiri Baraka.















Bookmark and Share
News visualizzata 475 volte