Jazzitalia - News: Robert Vignola da Trivigno a Hollywood e ritorno con la musica di Zerorchestra: l'anteprima mondiale di "Beauty's Worth" è stato un autentico trionfo.
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Robert Vignola da Trivigno a Hollywood e ritorno con la musica di Zerorchestra: l'anteprima mondiale di "Beauty's Worth" è stato un autentico trionfo..

Brda Contemporary Music Festival: festival dedicato alla musica creativa e d'improvvisazione vede la sua ottava edizione tornare a Smartno, con la dir. artistica di Zlatko Kaučič.

Seconda edizione del Premio Internazionale "Pino Massara" per giovani compositori di musica pop e jazz. Premi per un totale di 25.000 euro.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            COLI Alessio (sax)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            RONCA Marco (piano)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VIGNALI Michele (sax)
News n. 24525 del 19/08/2018 >> tutte le news...


Robert Vignola da Trivigno a Hollywood e ritorno con la musica di Zerorchestra

Robert Vignola - TrivignoRobert Vignola - TrivignoRobert Vignola - TrivignoRobert Vignola - TrivignoRobert Vignola - TrivignoRobert Vignola - TrivignoRobert Vignola - Trivigno
click sulle foto per ingrandire

Grande celebrazione a Trivigno (Potenza) per uno dei suoi figli più celebri, quel Rocco Giuseppe meglio conosciuto come Robert Vignola, che dal profondo meridione italiano parti per cercare fortuna in America all'età di tre anni, imponendosi poi sulla scena hollywoodiana, dove fu uno dei nomi di punta negli anni 10/20 con frequentazioni eccellenti (da Rodolfo Valentino a Clark Gable) e una carriera molto intensa (con oltre 100 film all'attivo, sebbene ne siano arrivati a noi una manciata), sia come attore che come regista. Adesso la sua figura è in corso di valorizzazione da parte di Effenove, una dinamica ed ambiziosa società lucana di produzioni cinematografiche, che ha coagulato intorno a sé diversi partner di valore, fra cui la Lucana Film Commission, Cinema Zero e la Cineteca del Friuli, oltre ovviamente a Michele Marino, Sindaco del piccolo borgo di Trivigno, che per il secondo anno consecutivo ha promosso e diffuso l'arte di Vignola, unanimemente considerato come un visionario precursore di certe tematiche sociali.

L'anteprima mondiale di "Beauty's Worth", musicata dal vivo dalla Zerorchestra di Pordenone, è stato un autentico trionfo: si è trattato della proiezione in piazza (dove ovviamente è convenuto tutto il paese), di un una pellicola finemente restaurata da Ben Model e la meritoria Library of Congress, il più antico istituto culturale americano, diretta da lui nel 1922, che aveva come protagonista l'indimenticabile volto di Marion Davies, fra le più grandi attrici nella storia del cinema muto. Il film, al suo debutto assoluto anche in Italia, è un capolavoro di leggerezza ed arte, con un tema portante ancora più che mai d'attualità, ponendo l'interrogativo su ciò che la bellezza dovrebbe essere come le musiche, dirette dal Maestro Stephen Horne, magnificamente eseguite dal collettivo formatosi in Friuli nel 1995 e che ha in Francesco Bearzatti (sax), Luca Grizzo (percussioni ed effetti sonori), Didier Ortolan (clarinetti), Gaspare Pasini (sax), Romano Todesco (tastiera) e Luigi Vitale (vibrafono e xilofono), suoi bravissimi esecutori.

A cavallo fra partitura ed improvvisazione, secondo un canovaccio molto ben consolidato, in cui la precisione e l'abilità tecnica dei solisti di formazione jazzistica, ha esaltato la poesia delle immagini ed il contenuto simbolico dell'opera. Un meccanismo così ben oliato quello dell'ensemble, da incutere persino un po' di timore al pur bravo Horne, abile nell'orientare la scrittura orchestrale nel senso di quell'agilità e versatilità che hanno conferito brillantezza e souplesse alla musica eseguita.

La proiezione sarà ancora replicata con la collaborazione del Comune di Sacile il prossimo 5 ottobre al Teatro Zancanaro, come evento di preapertura delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, il più importante festival dedicato al cinema muto da cui appunto il collettivo sonoro si è formato.

Vittorio Pio















Bookmark and Share
News visualizzata 490 volte