Jazzitalia - News: Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Dolomiti Ski Jazz 2019. 22° Edizione, dal 9 al 17 marzo 2019: concerti su misura per… sciatori. Il Dolomiti Ski Jazz è un incrocio di passioni: quelle per gli sport invernali, per la black music, per la natura alpina.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

"Musicista Italiano dell'anno" e "Disco Italiano dell'anno" per Franco D'Andrea al Top Jazz 2018.

Marilena Paradisi & Kirk Lightsey in concerto a Roma presso l'Auditorium Parco della Musica.

Susanna Stivali in "Caro Chico" (omaggio a Chico Buarque de Hollanda) all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Un duo particolare per Notti di Stelle Winter: Enrico Rava e Danilo Rea per la Camerata Musicale Barese.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
News n. 24701 del 19/01/2019 >> tutte le news...


ECM - Releases January 2019

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60!

Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica e sempre alla ricerca di sonorità esclusive che possano offrire, nella loro purezza, la sensazione di esserne avvolti quasi toccandole.

Joe Lovano
Trio Tapestry
Joe Lovano: tenor saxophone, tarogato, gongs; Marilyn Crispell: piano; Carmen Castaldi: drums, percussion

ECM 2615

Il grande sassofonista Joe Lovano è apparso su varie registrazioni ECM nel corso degli ultimi quattro decenni, tra cui album molto amati come quelli con Paul Motian, Steve Kuhn e John Abercrombie. Trio Tapestry è il suo primo album per la label tedesca come leader e presenta un nuovo gruppo con una musica dal grande lirismo e dalla interazione ispirata. Lovano e la pianista Marilyn Crispell mostrano un affiatamento di grande livello all'interno delle strutture. "Marilyn ha un suono, un tocco, un vocabolario stupendi » afferma con entusiasmo Joe. La batterista Carmen Castaldi, suona da lunga data con Lovano e riesce a rispondere all'atmosfera del trio con sensibilità, impreziosendo in modo delicato i pezzi. « Suoniamo insieme come un'orchestra, creando un'incredibile arazzo. Ho portato io il materiale, ma c'è parità di peso nel contributo, creando una musica dall'interno e armonizzandola in modo davvero speciale ». Trio Tapestry è stato registrato a New York nei Sear Sound studio nel marzo del 2018 e prodotto da Manfred Eicher.


______________

Yonathan Avishai
Joys and Solitudes
Yonathan Avishai: piano; Yoni Zelnik: double bass; Donald Kontomanou: drums

ECM 2611

Il pianista israelo francese Yonathan Avishai ha contribuito in modo importante alla musica di Avishai Cohen, come documentato su Into The Silence e Cross My Palm With Silver. In parallelo negli ultimi cinque anni ha sviluppato il suo proprio progetto con questo trio, con Yoni Zelnik, bassista israeliano basato a Parigi e Donald Kontomanou, batterista francese della Guinea con origini greche. Conosciuto come Modern Times Trio, il repertorio di questo gruppo apre con « Mood Indigo » di Duke Ellington: « Ellington è un pianista e compositore assolutamente moderno » riflette Avishai. Nei brani che seguono il pianista fa riferimento ad una vasta gamma di musiche ed esperienze. "Les pianos de Brazzaville" ricorda i suoi viaggi nella repubblica del Congo mentre "Tango" è una risposta creativa all'ascolto di Dino Saluzzi e Anja Lechner su Ojos Negros. "When Things Fall Apart" è invece ispirato dalle composizioni di Avishai Cohen. Queste diverse influenze sono filtrate dal pianoforte di Yonathan, consapevole della tradizione, attento ai valori del blues e dello swing, ma anche sorprendentemente originale nella sua risolutezza e concisione. Joys and Solitudes è stato registrato a Lugano nell'Auditorio Stelio RSI nel febbraio del 2018 e prodotto da Manfred Eicher.


______________

Eleni Karaindrou
Tous des oiseaux

Savina Yannatou: voice; Vangelis Christopoulos: oboe; Yiannis Evangelatos: bassoon;
Alexandros Botonis: violoncello; Dinos Hadjiiordanou: accordion; Aris Dimitriadis: mandolin; Eleni Karaindrou: piano; Sokratis Sinopoloulos: Constantinople lyra, lute;
Nikos Paraoulakis: ney; Stefanos Dorbarakis: canonaki; Giorgos Kontayannis: percussion, Cretan lyra. String orchestra conducted by Argyro Seira

ECM New Series 2634

L'opera di Eleni Karaindrou riunisce la musica originale scritta per la pièce Tous des oiseaux e la musica per il film Bomb, A Love Story dell'attore e regista iraniano Payman Maadi. Tous des oiseaux è un affresco epico del regista libano-canadese Wajdi Mouawad che esplora il problema delle origini e dell'identità sullo sfondo del conflitto israelo-palestinese. Rappresentato presso il Théâtre National de la Colline il 17 novembre 2017, lo spettacolo ha avuto un successo fenomenale di pubblico e critica. Ha ricevuto il prestigioso Grand Prix de la critique e il premio per la migliore creazione di elementi scenici. Ripreso a Parigi, a partire dal 5 dicembre con 20 spettacoli, è stato considerato uno dei momenti salienti della stagione teatrale 2018/2019. La musica originale di Eleni Karaindrou, registrata nello studio di Atene, gioca un ruolo essenziale nella fiction e nel dramma. La musica per il film Bomb, A Love Story, presentata a Teheran il 3 febbraio 2018, è stata candidata agli Asia Pacific Screen Awards. In entrambe le composizioni, l'orchestra d'archi forma il pilastro dell'opera, con il primo violino Argyo Seira, al fianco di musicisti di talento e fedeli ai progetti della compositrice, lei stessa impegnata al pianoforte in alcuni dei brani. Il produttore Manfred Eicher ha contribuito a delineare la struttura d'insieme delle due composizioni in studio, come un direttore d'orchestra invisibile.

______________


Mats Eilertsen Trio
And Then Comes The Night

Harmen Fraanje: piano; Mats Eilertsen: double bass; Thomas Strønen: drums

ECM 2619

Il bassista norvegese Mats Eilertsen è stato una presenza distintiva nelle registrazioni ECM, tra gli altri di Tord Gustavsen, Trygve Seim, Mathias Eick, Nils Økland, Wolfert Brederode e Jakob Young, mantenendo vari progetti a suo nome come questo trio che esiste da 10 anni. And Then Comes The Night (chiamato così dal racconto dello scrittore islandese Jón Kalman Stefánsson) è stato registrato a Lugano all'Audiotorio Stelio Molo. I tre musicisti fanno pieno uso di quello che Mats chiama « l'atmosfera speciale ed il carattere » del luogo che incoraggia così l'interazione tra di loro. « Siamo arrivati nello spazio dell'Auditorium con solo qualche bozzetto di composizione e l'intenzione di vedere, anche con l'aiuto di Manfred, cosa potesse succedere in questo spazio ». Il risultato è un album di musica sottile che elude molte delle convenzioni del trio, in una registrazione che richiede, premiandolo, l'ascolto concentrato.

______________


Ralph Alessi
Imaginary Friends

Ralph Alessi: trumpet; Ravi Coltrane: tenor and sopranino saxophones; Andy Milne: piano; Drew Gress: double-bass; Mark Ferber: drums

ECM 2629

I primi due album come leader per ECM di Ralph Alessi – Baida (2013) e Quiver (2016) – gli hanno fatto guadagnare molti premi e riconoscimenti. Il New York Times ha lodato « l'elegante precisione e potenza » di Baida, mentre The Guardian ha esaltato Quiver, sottolineando la « tecnica impeccabile e la capacità di attingere alla tradizione jazz evitando i suoi cliché ». Dopo i suoi album in quartetto, questo terzo disco per ECM presenta Alessi come frontman di un quintetto che esiste già dal 2010. I compagni della band di Alessi hanno un spirito affine a quello di Ravi Coltrane, compagno del trombettista dai tempi del California Institute of the Arts alla fine degli anni '80. Sono raggiunti per l'occasione dal pianista Andy Milne e dal batterista Mark Ferber, qui ai loro esordi per ECM, mentre il bassista Drew Gress era già presente su Baida e Quiver. Le nove composizioni di Alessi includono un irresistibile highlight in "Iram Issela," dalla melodia agrodolce e in generale gli eccezionali solo di Coltrane definiscono un album di argentina bellezza.

I Dischi ECM sono distribuiti in Italia da Ducale www.ducalemusic.it
















Bookmark and Share
News visualizzata 610 volte