Jazzitalia - News: McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni.
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Arriva a Roma dal 4 al 27 marzo "Inspirational Women": 27 artiste per la grande rassegna che unisce musica. Una grande rassegna che mette in scena valori, energie e storie ispiranti.

Ottava edizione del Torino Jazz Festival, un omaggio al jazz in tutte le sue declinazioni espressive. In cartellone, insieme ai grandi nomi internazionali, artisti di ricerca ed eccellenze del territorio. .

Grace DB lancia "Donna 3.0": Il suo primo album d'esordio parla del ruolo della donna nella società contemporanea, di scelte personali ed equilibri che si trasformano.

New Echoes. Rassegna di Nuova Musica Svizzera a Venezia (4a edizione) con realtà musicali che si muovono attorno ai linguaggi contemporanei del jazz, della ricerca multidisciplinare, dell'indie-rock e dell'elettronica..

Prospettive Sonore a Foggia: 5 eventi di Jazz Crossover, progetti inediti e di ricerca con, tra gli altri, Roberto Ottaviano, Tom Kirkpatrick e Brian Charette..

Addio a Giorgia Mileto, Con grande dolore apprendiamo della scomparsa della responsabile ufficio stampa del Saint Louis College of Music di Roma e di vari festival internazionali della capitale. .

Vic Juris, chitarrista jazz, noto soprattutto per il suo importante ruolo nella band di Dave Liebman, è mancato il 31 dicembre 2019. Era ricoverato al St. Barnabas Medical Center di Livingston, New Jersey..

Musica, poesia, racconti e tanto altro per la V Edizione di Case Ospitanti a Matera, una suggestiva iniziativa che riempie la città di cultura e di conviviale stare insieme..

E' morto Mario Guidi, uno dei più illuminati manager del mondo del jazz, padre del pianista Giovanni e titolare della MGM Produzioni Musicali, agenzia tra le migliori e serie a livello internazionale.

Bergamo Jazz: Maria Pia De Vito firma l'edizione del 2020 con un cartellone che rende la manifestazione tra le migliori per respiro e profondità a livello europeo.

Pianisti di altri mondi, 7 + 1 concerti dal jazz alle sonorità contemporanee. Tornano a Milano i concerti delle domeniche mattina in una rassegna ideata da Gianni Morelenbaum Gualberto in collaborazione con la Società del Quartetto di Milano e il Teatro Franco Parenti.

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Umbria Jazz Winter 2019: Cinque giorni di musica da mezzogiorno alle ore piccole, novanta eventi, sette location nel centro storico di Orvieto, trenta band, più di centocinquanta musicisti, una rappresentanza di altissimo livello del jazz italiano. .

Songwriting Camp. Il Saint Louis sostiene le idee di giovani artisti, musicisti e cantautori con un corso gratuito e a numero chiuso realizzato con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell'ambito del programma "Per Chi Crea"..

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
News n. 25091 del 08/03/2020 >> tutte le news...


McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni.

"Per me vita e musica sono la stessa cosa. E scopro sempre di più della musica imparando su di me, sulle persone e le cose che mi circondano.
Suono ciò che vivo. E così, come non posso predire le esperienze che sto per avere, nella stessa maniera non posso predire le direzioni che prenderà la mia musica.
Voglio solo scrivere e suonare il mio strumento come sento."

Il 6 marzo 2020, all'età di 81 anni, Alfred McCoy Tyner, leggenda del piano jazz, si è spento nella sua casa in New Jersey.

Nato l'11 dicembre del 1938 a Philadeflia, Tyner aveva marchiato la storia del jazz soprattutto durante la sua presenza ini un quadirienno di incredibile ricchezza musicale accanto a quel genio di John Coltrane. Grazie al suo supporto Coltrane stesso ha potuto far evolvere la sua stessa musica poggiando le sue evoluzioni sui pedali insistenti di Tyner nel mentre l'armonia fluiva così come su quell'avanzare per quarte che ne ha reso un marchio indistinguibile. Il tutto reso ancora più esaltante grazie all'innesto ritmico di un altro innovatore come Elvin Jones alla batteria e del contrabbasso di Jimmy Garrison.

Tyner ha quindi contribuito in modo conspicuo a pietre miliari come "My Favourite Things" incisa nel 1961 dal Coltrane Quartet per la Atlantic e ad album come "Coltrane "Live" at the Village Vanguard" (1962), "Ballads" (1963), "Live at Birdland" (1964), "Crescent"(1964), "A Love Supreme" (1964), e "The John Coltrane Quartet Plays" (1965), tutti per Impulse!.

Quando la musica di Coltrane intraprese il percorso più orientato al free, Tyner lasciò il quartetto e continuò da solo incidendo per la Blue Note album come "The Real McCoy" (1967), "Tender Moments" (1967), "Time for Tyner" (1968), "Expansions" (1968) e "Extensions" (1970) per poi continuare negli anni '70 per la Milestone, incidendo, sempre da leader, altri album come "Sahara and Echoes of a Friend" (1972), "Enlightenment" (1973), e "Fly with the Wind" (1976).

Negli anni successivi, Tyner ha continuato a suonare, sempre in trio fino in numero i concerti e con qualche altra incisione insieme a musicisti come Avery Sharpe, Louis Hayes, Aaron Scott, Charnett Moffett, Al Foster, ospite del quartetto di Gary Bartz.

Nel 2002. McCoy Tyner è stato nominato NEA Jazz Master dal National Endowment for the Arts. Nella sua carriera ha inoltre vinto cinque Grammy Awards, insignito di un dottorato ad honorem in musica dal Berklee College of Music alla Sala dei Notari durante l'Umbria Jazz Festival.




News correlate:

Addio a Giorgia Mileto, Con grande dolore apprendiamo della scomparsa della responsabile ufficio stampa del Saint Louis College of Music di Roma e di vari festival internazionali della capitale. (11/01/2020)
E' morto Mario Guidi, uno dei più illuminati manager del mondo del jazz, padre del pianista Giovanni e titolare della MGM Produzioni Musicali, agenzia tra le migliori e serie a livello internazionale (29/12/2019)











Bookmark and Share
News visualizzata 576 volte