Jazzitalia - News: Esce "Di Crepe, di Sogni, di Futili Desideri": un disco del D’Amico Da Ros Duo
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Brass in Jazz. Palermo unica in Europa con Jon Faddis, unica in Italia, esclusa dal Mibact per il Jazz.

Joey DeFrancesco, 51 Anni, è Improvvisamente venuto a mancare la notte del 26 agosto 2022.

Mimmo Langella pubblica "EAR TRAINING PER CHITARRA e non solo!", il primo manuale di Ear Training dedicato specificamente ai chitarristi.

Master della durata di 12 mesi in Music Industry Management. Direzione: Alceste Ayroldi. .

Prima edizione del Little Jazz Festival: il nuovo progetto degli studenti dell'indirizzo musicale della Scuola Secondaria di Primo Grado dell'Istituto Comprensivo di Fiesso Umbertiano..

Pubblicato dalla Sher Music Co. un nuovo volume della collana Jazz Songbook dedicato alla musica di Steve Khan.

Blue Note Records e Universal Music Group Africa annunciano la creazione del nuovo marchio Blue Note Africa con la pubblicazione dell'album di Nduduzo Makhathini, "The Spirit Of NTU".

Grammy Award 2022: premi postumi (Chick Corea e Lyle Mays), la voce di Esperanza Spalding e i tre "nuovi talenti" Ron Carter, Jack DeJohnette, Gonzalo Rubalcaba.

Stage di Chitarra Flamenco di Manuel Montero nell'ambito del festival Arte in Vivo a San Lucido (Cosenza).

Esce anche in e-book il libro di Alceste Ayroldi sulla legislazione dello spettacolo e il diritto d'autore delle opere musicali.

Monopoli, sabato 12 marzo - Presentazione libro Alceste Ayroldi.

Nasce Pantuk, sinergia tra Pannonica e Tuk Music.

Alceste Ayroldi pubblica un libro sulla legislazione dello spettacolo e il diritto d'autore in musica .

Si è spento all'età di 95 anni la grande icona della chitarra jazz Franco Cerri..

Annunciato il San Severo Winter Jazz Festival 2021, 7 concerti internazionali dal 29 ottobre al 1 aprile 2022..

Ciao Paolo, musica e Jazzitalia in lutto per la scomparsa del sassofonista Pietro Paolo Mannelli. Aveva 84 anni..

Disponibile dal 2 dicembre per Adda Editore il libro "Paolo Lepore e la Jazz Studio Orchestra" curato da Alceste Ayroldi.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Ultimi aggiunti:

            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            BLASIOLI Simone (sax)
            CAPORALE Giorgio (chitarra)
            CAPPI Andrea (piano, tastiere)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISPINO Luca (chitarra)
            CUOCO Ramon (tromba)
            GADDI Piero (pianoforte)
            GHIDONI Davide (tromba)
            LUCA NECCIARI QUARTETTO (gruppo)
            LUPI Benedetta (voce)
            MAZZA Cristina (sax)
            PELLEGRINO Vincenzo (batteria)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            RUSSO Biagio (piano)
            TATONE Angelo (chitarra)
            THE JAZZ RUSSELL (gruppo)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
News n. 25213 del 13/01/2021 >> tutte le news...


Esce "Di Crepe, di Sogni, di Futili Desideri": un disco del D’Amico Da Ros Duo

Un progetto sperimentale, che parte da una musica essenziale per raggiungere nuovi territori sonori con l’utilizzo dei loop, dell’elettronica e delle percussioni. Questa l’essenza del “D’Amico Da Ros Duo”, composto da Cristiano Da Ros al basso e Gabriella D’Amico al canto, che l’11 gennaio 2021 pubblica il disco “Di Crepe, di Sogni, di Futili Desideri” per l’etichetta Emme Record Label. Un lavoro originale scritto a quattro mani dai due artisti, contraddistinto da una forte vena narrativa e cantautorale che torna alle radici del suono per poi trasformarsi in una musica sperimentale dai tratti onirici ed originali. Il sound della band, inizialmente asciutto ed essenziale, si evolve, infatti, di brano in brano, grazie ad un ampio lavoro di post-produzione realizzato sulle tracce “nude”. Un gioco di contrasti e una sfida continua in cui due musicisti eclettici, che provengono dall’ambiente jazzistico e classico, aprono la strada ad una ricerca sonora che abbraccia più forme e stili. L’idea di scrivere i testi in italiano parte proprio da qui: dal coraggio di mettersi in gioco con qualcosa di nuovo. Il precedente lavoro pubblicato dal duo, infatti, intitolato “Shades of Freedom”, era composto da standard jazz e brani pop-rock riarrangiati con un ampio uso dell’elettronica e precedenti brani originali, ad oggi ancora inediti, ma già portati a conoscenza del pubblico nel corso di diversi concerti live, erano scritti in lingua inglese. La lingua, quindi, diventa il punto di partenza che ha spinto la band ad aprire la musica al racconto e alla narrativa e a descrivere, con una forte componente immaginifica, una realtà a tratti autobiografica, a tratti descrittiva e circostante con maggiore onestà poiché – dice Gabriella D’Amico – “l’inglese era la mia foglia di fico, l’italiano, invece, mi mette a nudo”.

Il vero motore, il punto cardine che muove questo istinto di ricerca è quel “Desiderio” che, insinuato tra le crepe della coscienza, diventa spesso un sogno da trasformare in realtà. Tutte le composizioni del disco in forme diverse fanno capo a questo elemento cardine, essenziale per la narrazione.  Tra i brani più importanti scritti dal duo citiamo in primis Cannibali, il primo scritto in italiano da Gabriella D’Amico, che racconta la ribellione nei confronti di quelle figure di riferimento, siano esse genitori biologici o spirituali, che vogliono far crescere i loro “figli” a propria immagine e somiglianza. Il testo criptico e la musica carica di tensione, caratterizzata da note in sospeso, raccontano una crescita spirituale che qualsiasi individuo deve svolgere per non essere “cannibalizzato” dalle speranze altrui. Gli Amanti è un brano teatrale, schietto, diretto e dai tratti onirici dove fuoriesce anche il trascorso lirico della vocalist. Il testo racconta la storia di due amanti che trovano il coraggio di lasciare i rispettivi compagni per vivere una nuova vita insieme, senza sapere cosa riserverà il futuro. Genio, è forse il pezzo più carico di swing del disco ed è ispirato ad un testo del filosofo Giorgio Agamben, che ha come riferimento il genio dentro di noi, ovvero quella parte che ci spinge a fare cose che, nella realtà, spesso non saremmo propensi a fare e che, talvolta, rema con violenza anche contro l’immagine che noi stessi abbiamo costruito per sopravvivere. Non credo ai martiri, invece, è una composizione diretta e decisamente “di rottura” (anche per l’uso del dialetto napoletano), dove le percussioni incalzano un tempo dispari, quasi a sottolineare il percorso, affascinante ma non privo di ostacoli che quel desiderio inciso e scolpito nell’anima compie, quale motore per la creazione e l’evoluzione individuale e collettiva.

Spotify
https://open.spotify.com/album/4oW3TkmLDo9dys3goTigHF?si=ZduxWuOxToqsF4_zKm2CBg

Release
http://www.emmerecordlabel.it/release/di-crepe-di-sogni-di-futili-desideri/

Tracklist
La Festa
Mordi e Sogna
Non Credo ai Martiri
Gli Amanti
Cannibali
Sorriso Sinestetico
Genio
E' tutto












Bookmark and Share
News visualizzata 1197 volte