Jazzitalia - News: Morto Don Marquis (4 maggio 1933 - 29 luglio 2021) indimenticabile storico del jazz e autore del volume “In search of Buddy Bolden: first man of jazz"
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

ECM: le novità in uscita della prestigiosa casa discografica tedesca. .

Open Day del Saint Louis Music School dedicato al Master in I livello in Music Business & Management. .

Al via il Premio Rota 2021. Un'edizione dove accanto alla consegna dei riconoscimenti vi sarà tanta musica dal vivo. .

Morto Don Marquis (4 maggio 1933 - 29 luglio 2021) indimenticabile storico del jazz e autore del volume “In search of Buddy Bolden: first man of jazz".

Ciao Paolo, musica e Jazzitalia in lutto per la scomparsa del sassofonista Pietro Paolo Mannelli. Aveva 84 anni..

Disponibile dal 2 dicembre per Adda Editore il libro "Paolo Lepore e la Jazz Studio Orchestra" curato da Alceste Ayroldi.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            BLASIOLI Simone (sax)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISPINO Luca (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            CUOCO Ramon (tromba)
            GADDI Piero (pianoforte)
            GHIDONI Davide (tromba)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MAZZA Cristina (sax)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
News n. 25551 del 02/08/2021 >> tutte le news...


Morto Don Marquis (4 maggio 1933 - 29 luglio 2021) indimenticabile storico del jazz e autore del volume “In search of Buddy Bolden: first man of jazz"



Don Marquis, storico del jazz, ricercatore, studioso, collezionista e scrittore del fondamentale volume "In Search of Buddy Bolden: First Man of Jazz" è morto lo scorso 29 luglio nella sua città natale dell’Indiana dove vi era tornato nell’agosto del 2020.

Nato a Goshen il 4 maggio del 1933, trasferitosi nel 1962 nella capitale del jazz, New Orleans, Donald M. Marquis insieme a Bill Russell e Al Rose è stato uno dei punti di riferimento più alti tra gli storici del jazz della Crescent City.

Da giovane aveva servito per quattro anni la Marina Militare. Lasciate le armi nel 1959 Marquis si laurea in letteratura inglese al Goshen College. Trasferitosi di seguito a Cleveland, tra i suoi primi ingaggi fu scrittore di testi umoristici.

Nel 1962, per via di un’intima relazione intrapresa con JoAnne Yoder, relazione che durerà fino alla scomparsa di quest’ultima avvenuta nel 2015, Marquis si stabilisce a NOLA dove vi resterà per i successivi sessant’anni.
L’anno seguente, nel 1963, Marquis fa parte della direzione del New Orleans Jazz Museum, fondato nel 1961 da Edmond Souchon, Danny Barker insieme a Clay Watson che ne fu il curatore, ruolo che sarà assunto da Marquis nei primi anni Ottanta.

Negli anni Settanta è curatore di una delle biblioteche pubbliche di New Orleans. In quegli anni nasce il progetto della stesura di un volume dedicato alla figura del leggendario trobettista Buddy Bolden.
Viene così dato alle stampe nel 1978 "In Search of Buddy Bolden: First Man of Jazz" (Sea Grant, Louisiana State University). Oltre ad una dettagliata biografia, nel celebre volume Marquis affronta diverse tematiche come il suono di Buddy Bolden, la scuola musicale che ne è derivata e le influenze prima acquisite dallo stesso trombettista. Marquis inoltre identifica tutti i vari membri delle band nelle quali Bolden militò sia come leader che come sideman. Lo storico attua di seguito una dettagliata comparazione tra Bolden e gli altri colleghi musicisti dell’epoca. Prende infine in considerazione l’analisi dell’albero genealogico della famiglia del trombettista fino ai giorni nostri.
Nella ristampa pubblicata nel 2005 Marquis smentisce con prove alla mano l’esistenza di un barbershop di proprietà del trombettista. Bolden viveva esclusivamente di musica. Da giovane aveva lavorato solo per poco tempo come stuccatore. Infine nel libro viene analizzata anche la malattia del trombettista nonché il ricovero presso una struttura di malattie mentali.

Successivamente alla pubblicazione del celebre libro Marquis curerà il periodico del New Orleans Jazz Club “The Second Line” occupandosi della collezione contenete 20.000 tra oggetti, fotografie, spartiti, strumenti, frammenti architettonici provenienti dai club di Storyville. Tale collezione confluirà all’interno del New Orleans Jazz Museum sito presso la Old US Mint di Esplanade Avenue.

Come curatore musicale, Marquis ha supervisionato l'archiviazione e l'inventario del museo. Dopo il ritiro avvenuto alla fine degli anni Novanta, Marquis assunse il titolo di curatore emerito. Nel 2019 sarà chiamato come consulente dal regista Dan Pritzker per il film "Bolden!".

I funerali si terranno mercoledì 4 agosto alle ore 11.00 presso la St. John the Evangelist Catholic Church di Goshen, Indiana.

Gianmichele Taormina


News correlate:

Ciao Paolo, musica e Jazzitalia in lutto per la scomparsa del sassofonista Pietro Paolo Mannelli. Aveva 84 anni. (25/04/2021)
Addio Chick. Riposa in Pace. Ci lascia Chick Corea al'età di 79 anni. (12/02/2021)
Adriano Urso. La tristissima dipartita del pianista che pone una riflessione profonda e urgente. Salviamo lArte, proteggiamo gli Artisti. (15/01/2021)











Bookmark and Share
News visualizzata 600 volte