Jazzitalia - Visualizza indirizzo
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Adriano Urso. La tristissima dipartita del pianista che pone una riflessioni profonda e urgente. Salviamo lArte, proteggiamo gli Artisti..

Disponibile dal 2 dicembre per Adda Editore il libro "Paolo Lepore e la Jazz Studio Orchestra" curato da Alceste Ayroldi.

Nominations dei 63° Grammy Awards. Gerald Clayton, Joshua Redman, Regina Carter, Maria Schneider, Goznalo Rubalcaba, Kurt Elling, il "solito" Chick Corea, e poi Carmen Lundy, Ambrose Akinmusire, Kenny Washington.....

La Musica Italiana a sostegno del Rosetta Jazz Club di Matera.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Riparte il San Severo Winter Jazz Festival. Annunciata la XI^ Edizione 2020/21 a cura del direttore artistico Antonio Tarantino.

Il Saint Louis College Of Music presenta Master di I Livello in Music Business & Management (60 CFA).

Arduino Jazz 2020. Al Parco Archeologico dell'Appia Antica il grande jazz tra nomi internazionali e sperimentazione con la rassegna ‘Dal Tramonto all'Appia: Around Jazz'.

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            GADDI Piero (pianoforte)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)

SCUOLA DI MUSICA
c/o il Comune

P. Cioppi Don Giulio 1
50018 - Scandicci (FI)
telefono: 0557301969
vai al sito...

PRESENTAZIONE

L'assetto attuale della Scuola di Musica di Scandicci ha iniziato a configurarsi fra il 1984 e il 1985 dal punto di vista didattico, produttivo e promozionale e si è strutturato più compiutamente negli anni successivi, col maturare dell'iniziativa e nel confronto con l'utenza e il pubblico.
Il 1985 corrisponde, di fatto, all'inizio della collaborazione che l'Assessorato alla Cultura del Comune di Scandicci tuttora intrattiene col C.A.M. (Centro Attività Musicali "Andrea Del Sarto") per quanto riguarda la didattica e la promozione musicale: è stato con il C.A.M., infatti, che il Comune di Scandicci ha elaborato una propria strategia di intervento in questo settore e una propria specificità sia nei confronti dell'area fiorentina che dell'utenza musicale in senso lato (intesa cioè sia come pubblico generico di iniziative musicali quali concerti, rassegne, ecc., che come potenziale di iscrizione all'attività didattica in senso proprio).
Grazie a questa collaborazione, e soprattutto in forza di una precisa scelta dell'Amministrazione, la Scuola di Musica di Scandicci ha assunto una caratterizzazione particolare rivolta essenzialmente alla cosiddetta musica extracolta e struttura la sua attività e la sua, per così dire, "filosofia di intervento" sull'intreccio e l'interconnessione tra l'aspetto didattico/pedagogico e quello produttivo, connettendo ambedue questi aspetti alla promozione musicale in senso lato (concerti, spazi prova, rassegne musicali, ecc.).
Dal 1985, anno di inizio delle attività e come tale denso di certezze e di incertezze, ad oggi il progetto si è via via definito più compiutamente, passando da una fase iniziale, in cui le attività si sono rivolte esclusivamente al pubblico adulto e giovanile, sia a livello didattico che produttivo e promozionale, ad un allargamento progressivo anche sulla fascia di utenza dei bambini (6/13 anni); e ciò, è bene sottolinearlo, secondo le stesse modalità che caratterizzano l'intervento sugli adulti: la didattica e la produzione musicale da una parte, il coinvolgimento e l'"offerta" di prodotti musicali appositamente contestualizzati (rassegne, laboratori, esperienze, concerti….) dall'altra parte.
Ciò è tanto più vero se si guarda all'aspetto di "spettacolarizzazione", di produzione e di promozione svolto dalla Scuola di Musica, nel senso dei programmi che si sono di volta in volta realizzati nel settore musicale come veicolo di formazione e promozione del pubblico e in particolare "I Linguaggi della Musica" rassegna inaugurata nel 1985 e comprendente concerti prestigiosi, saggi della scuola, laboratori di volta in volta contestualizzati secondo i programmi didattici attivati, giornate di studio, rassegne video e/o cinematografiche e varie, altre cose sempre rigorosamente attinenti al tema di volta in volta affrontato.
L'immagine che oggi la Scuola di Musica di Scandicci offre è dunque quella di un articolato contenitore, sia a livello didattico che produttivo e promozionale, il quale spazia dal classico e "dovuto" insegnamento individuale di strumento alla lezione collettiva di teoria o di musica d'insieme, dalle lezioni collettive di strumento ai laboratori strumentali, dalla guida all'ascolto alla produzione vera e propria (comprendente sia allievi che insegnanti) alla rassegna musicale "I Linguaggi della Musica" che va dal concerto dal vivo alla proposta cinematografica, dal laboratorio alla rassegna video e alla mostra di materiali.
Se da una parte infatti la Scuola di Musica di Scandicci è vista e vissuta come il luogo di una particolare metodologia didattica a livello musicale che non è riscontrabile in altre sedi, perlomeno toscane, dall'altra parte Scandicci è diventato uno dei punti di riferimento di un particolare modo di concepire e la produzione e la stessa offerta musicale nei confronti del pubblico: un luogo cioè dove la produzione nasce dalla didattica e dal laboratorio, dove il concerto, anche di vasto richiamo, è sempre rigorosamente contestualizzato ad una tematica ed a un tessuto connettore che lo rende avulso da logiche di mercato e/o di tournèes.
In questo senso la rassegna "I Linguaggi della Musica", che comprende anche quelli che comunemente vengono chiamati "saggi" della scuola e che qui invece costituiscono vere e proprie produzioni musicali, è un appuntamento annuale strettamente connesso alle attività didattiche e promozionali della Scuola di Musica di Scandicci, costituendone una necessaria appendice e integrazione perchè offre sempre, aldilà del concerto o della manifestazione di massa (che comunque sono sempre attinenti l'attività e l'insegnamento della Scuola di Musica), delle attività laboratoriali per gli iscritti e gli stessi insegnanti.
Più direttamente concernendo alla didattica, "leitmotiv" del nostro insegnamento è sempre stato uno sforzo continuo per rendere possibile un equilibrio nel passaggio dal momento della nozione di pura sintassi musicale, all'assimilazione del conseguente linguaggio espressivo attraverso sempre l'esperienza diretta. Equilibrio questo reificabile solo nella completa considerazione delle attitudini creative e tecniche di ogni singolo allievo.
Il nostro intendimento è quello di seguire due direttrici affatto complementari: da un parte un tracciato didattico individuale dall'altra un progressivo inserimento nel cosiddetto "contesto collettivo", dove il singolo abbia la possibilità di verificare, applicare e fondere le proprie con le altrui conoscenze.
Siamo convinti che la didattica, non essendo alcunchè di statico, necessiti di un continuo rinnovamento e per questo abbiamo sempre cercato le risorse per poter costantemente incrementare e disporre di validi elementi informativi quali corsi di aggiornamento, stages, materiali di ricerca e informazione ed anche attività con i bambini e le insegnanti delle scuole elementari e medie, esperienze queste capaci di fornirci utili indicazioni atte a migliorare le tecniche da noi adottate.
Vogliamo infine concludere precisando che nostro compito è lo studio della musica, laddove il termine "studio" non sia patrocinio esclusivo del genere cosiddetto "colto", ma altresì comprensivo di forme, stili, metodologie e linguaggi che fuoriescano da questo panorama musicale.
Non ci sentiamo perciò sminuiti nella nostra funzione didattica affrontando argomenti musicali definiti, con un discutibile neologismo, "extracolti" come il jazz e la musica etnica o il pop. Stimolare la capacità critica dell'allievo stesso, educarlo ai differenti linguaggi musicali significa renderlo cosciente di come un procedimento che, partendo dalla necessità e dall'intenzione di comunicare, possa trasformare un insieme di processi matematici, come il rapporto dei suoni, in una autentica espressione artistica.

CORSI

Corsi individuali
Per bambini e adulti

Tutte le lezioni sono individuali, della durata di 3/4 d’ora ciascuna e articolate in 28 settimane

Pianoforte e tastiere: A. M. Gabbrielli, A. Galati, A. Mannini, S. Onorati, M. Papadia, G. Tagliazucchi
Chitarra: L. Bacchi, L. Gelli, M. Vetter, G. Zei
Contrabbasso e basso elettrico: F. Pedol, F. Taranto 
Batteria e percussioni: E. Bonafé, Alessandro Fabbri, S. Rapicavoli, M. Marmugi
Sassofoni, clarinetto, clarinetto basso: M. Bini, M. Guerrini, S. Santini, R. Cordovani
Flauto dolce e traverso: A. Vaccarone
Violino: E. Piscaglia
Tromba: L. Marianini
Fisarmonica: F. Gesualdi
Tecnica vocale: S. Scarinzi M. Fracassini
La vocalità nella musica brasiliana: Barbara Casini
Armonia e tecnica di improvvisazione (per livello superiore): A. Di Puccio 


Corsi base (da 5 a 8 anni)
Per bambini alla prima esperienza musicale

Laboratori di 28 lezioni, divisi in fasce di età, dedicati alla propedeutica musicale, saranno integrati da un percorso conoscitivo dei principali strumenti musicali, articolato in 12 laboratori e curato dai singoli insegnanti di strumento.


Ear Training (da 8 a 13 anni)
Per bambini del 1° e 2° anno di studio di strumento

Laboratori di 28 lezioni divisi in fasce di età, che accompagnano lo studio dello strumento. Hanno come finalità lo sviluppo dell'orecchio musicale e delle capacità creative del bambino.


Musica d’insieme classica e moderna
Per i bambini dal 3° anno di studio in poi

Il corso è destinato a quegli allievi che, avendo raggiunto una sufficiente preparazione tecnica sullo strumento, desiderino approfondire lo studio attraverso l’esperienza del suonare all’interno di un gruppo musicale.


Coro 
Per bambini dal 1° anno di studio in poi

Riteniamo che questa disciplina musicale, fra le più antiche della storia, sia uno dei momenti educativi più importanti nel percorso della didattica musicale. 


Corsi collettivi per adulti
Teoria e ear training: S. Rapicavoli, E. Bonafé

Il corso è suddiviso in due livelli a seconda del grado di preparazione degli allievi e segue lo studio della teoria mediante l’applicazione immediata alla pratica musicale. Alcune lezioni saranno dedicate all’analisi, tramite un ascolto guidato, dei principali aspetti (sia teorici che espressivi) di vari generi musicali. Il corso si articola in 24 lezioni collettive di 1 ora settimanale. 

Laboratorio di armonia e di Ear training superiore
Il corso, suddiviso in due livelli secondo il grado di preparazione degli allievi, approfondisce sia l’esercitazione atta a migliorare le facoltà musicali uditive che lo studio della teoria musicale applicato all’armonia jazzistica e, in parte, classica. 
Il corso si articola in 22 lezioni di 1 ora settimanale.
Insegnanti: A. Di Puccio, E. Bonafé, M. Guerrini

Corso di arrangiamento
Il corso, rivolto a chi ha già assimilato una discreta conoscenza musicale sia nel campo dell’armonia che nel campo del linguaggio jazzistico o comunque in quello cosiddetto “leggero”, è abbinato all’attività della BIG BAND della Scuola di Musica che eseguirà il materiale prodotto dagli allievi arrangiatori.
Il corso si articola in 20 lezioni di 1 ora settimanale. 
Insegnanti: A. Di Puccio, Alessandro Fabbri

Corso di musica d’insieme jazz - pop - sud americana
Il corso, destinato agli allievi ormai idonei a poter suonare in un organico completo, è diviso per livelli di preparazione e si svolge in 22 lezioni di 2 ore settimanali per gruppo. Al corso si accede dopo una prova di ammissione.
Insegnanti: A. Di Puccio, Alessandro Fabbri, F. Pedol, A. Galati, S. Santini, B.Casini

Ensemble vocale
Il corso, rivolto ai cantanti, è suddiviso per livelli di preparazione e si svolge in 22 lezioni di 2 ore settimanali.
Insegnante: S. Scarinzi

Corso di elettronica musicale
Il corso è articolato su 2 livelli:
il primo comprende un'introduzione informatica, il secondo arriva alla produzione di lavori finiti in elettronica.

SERVIZI

Centro di documentazione e ascolto musicale
Servizio di biblio/emero/disco/videoteca.Gli allievi hanno diritto di accedere al prestito e alla consultazione dei materiali.

Prove delle Big Bands aperte al pubblico
Tutti i lunedì ore 21.00 presso l’Auditorium della scuola «Duca degli Abruzzi».

Saggi
Alla fine dell'anno scolastico verranno presentati al Teatro Studio i saggi di fine anno, durante i quali si esibiranno i migliori allievi della scuola provenienti dai corsi di musica d'insieme e dall'ensemble vocale.
Le orchestre presenteranno il nuovo repertorio, mentre nelle ore pomeridiane si esibiranno i piccoli allievi della sezione 5/13 anni.

Visita la pagina del C.A.M. di Firenze con Alessandro Fabbri











Bookmark and Share


[Inserisci un commento]      [Torna all'elenco degli indirizzi]
Questa pagina è stata visitata n° 4080 volte

  Invia questa pagina ad un amico