Home Chitarra Lezione 39: Risoluzioni V7 – I (e alternative) – b9 alla 1a...

Lezione 39: Risoluzioni V7 – I (e alternative) – b9 alla 1a voce

60
0

In questa quarta scheda la nota al canto sull’accordo di dominante è la b9.
(Per le indicazioni generali (valide per tutte le schede) vedi il link della scheda 1)
Essendo una nota alterata sarà usata per tutte le risoluzioni su accordo minore e sostituti (ma possibile l’utilizzo anche su maggiore) mentre, a causa della sua tendenza risolutiva, non è in genere buona su un IIm7 – V7 che non risolve.
Le tre scale principali saranno la diminuita, la superlocrian (VII grado min mel) e la mix b9b13 (V grado min arm).

La frase A usa sull’accordo di 7a la scala minore armonica di C dal Vo grado (mix b9b13) e nella risoluzione sul Io grado una serie di triadi diatoniche con un poliritmo (3 su 4).

La frase 1 A risolve 1/2 tono sopra su un accordo maj7 (lidio), cadenza d’inganno in Cm:

La frase B arpeggia una triade min 1/2 tono sopra ed è basata sulla superlocrian, sul I grado è usata una pentatonica:

Nella frase 1 B la risoluzione è sull’accordo minore e la pentatonica è ricavata dalla min mel (1, 2, 3m, 5, 6):

La frase C è basata sulla scala diminuita e alterna triadi maggiori e minori, sul Io grado gli accenti evidenziano un “4 su 3”:

La frase 1 C risolve su un m7 un tono sopra (cadenza d’inganno in C maggiore):

La frase D utilizza una superlocrian mentre nella risoluzione vengono impiegate alcune forme d’approccio:

1 D: stessa cosa con risoluzione su bVI (sostituto di Cm7):

Qui trovi tutte le lezioni di William Tononi su Jazzitalia.

Articolo precedenteBlu Monk The Maestro (Bob Berg)
Articolo successivoUmbria Jazz 22
William Tononi
William Tononi, chitarrista bresciano, diplomato in chitarra classica, inizia a studiare jazz all'inizio degli anni 80, frequenta Siena Jazz nel 1983, Perugia (Berklee) nel 1986, più volte Ravenna (Abercrombie, Hall, Diorio, Metheny, Goodrick...), studia arrangiamento con G.Gazzani, dirige e scrive per una big band locale e collabora con vari musicisti dell'area lombarda. Si occupa di insegnamento da alcuni decenni ed è titolare del sito "www.chitarrajazz.it" dove viene illustrato il suo metodo didattico. Lo studio sulle triadi analizza le possibilità armonico-improvvisative sulla chitarra (e non solo).