Home Lezioni Together Again: Bill Evans e Tony Bennett – Parte III – I...

Together Again: Bill Evans e Tony Bennett – Parte III – I brani: “You’re Nearer”

63
0

You’re Nearer è stata scritta da Rodgers e Hart nel 1940 per la versione cinematografica del musical Too Many Girls. E’ una delle loro canzoni d’amore più belle ed eleganti. Allo stesso musical appartiene un’altra bellissima canzone: I Didn’t Know What Time.

La versione di Evans e Bennett è nella tonalità di Do maggiore, il tempo tagliato 2/2 assume l’andamento del 4/4 attraverso l’impiego di movimenti del basso, aggiunta di accordi intermedi e cambi di posizione (Es. 52).

La canzone ha forma AB (16+16) con andamento medium swing. Nella alternate take 9, unica di You’re Nearer, è contenuto anche il verse che Evans interpreta nel rispetto della versione originale (v. pagg. sgg.).

Nel chorus invece, Evans apporta delle varianti armoniche rispetto alla versione originale che presenta accordi abbastanza scarni e statici. Ad esempio, rispetto alle prime due battute tutte sull’accordo del I grado (Do maggiore), Evans, alla seconda battuta, si sposta sul VI grado introdotto dalla relativa dominante secondaria e seguito dalla dominante secondaria del II grado (Es. 53).

Alle battute 10 e 11 sostituisce i tre accordi di dominante [D7 | G7-E7] con la successione, più vicina ad un gusto modale che tonale, di tre accordi discendenti di grado congiunto [Am-Gm13 | Fmaj9(#11)], presi in prestito dalla tonalità della sottodominante Fa (Es. 54).

A conclusione della prima sezione, ai tre accordi Gmaj7-Cmaj7 | F maj7 parte della progressione per quinte dell’accordo maj7, Evans sostituisce parte della progressione per quinte degli accordi di dominante B7(13)-E7(b9) | A7(b13)-D7(b9).

Il finale di chorus presenta il pedale di dominante a sua volta introdotto dalle armonie del IV grado (in sostituzione del VI) e IV#° (Es. 56).

La parte del solo ha carattere spiccatamente orchestrale e definisce con molta chiarezza il dialogo continuo tra le sezioni di una grande orchestra.
Lo stralcio iniziale potrebbe essere usato come materiale per un esercizio di orchestrazione (Es. 57).

Il brano termina con una coda di tre battute in cui una scala pentatonica minore discendente di Do è armonizzata per quarte (Es. 58).